6 GIORNI DELLE ROSE. La lezione di Paolo Simion

PISTA | 16/07/2014 | 09:48
Non è il primo ciclista che cade, non è il primo che si ferisce. Ma merita un applauso. Perché cadere fa sempre male, perché il cemento della pista è ancora più duro dell'asfalto, perché Paolo Simion ieri sera si è rialzato subito e nonostante le ferite ha disputato più di metà americana (a caduto a 56 giri dalla fine sui 100 in programma), lottando per la vittoria.
Poi le cure del medico, poi le fasciature sparse su tutto il corpo - come dimostra la foto - e la rassicurazione agli organizzatori: «Tranquilli, stasera riparto. Io alla Sei Giorni delle Rose voglio continuare ad essere protagonista».
Questa sera la Sei Giorni delle Rose gli tributerà un meritato «Giro d'onore".

Non ci interessano paragoni con sportivi simulatori di qualsiasi disciplina essi siano, ci basta alzare le mani ed applaudire Paolo Simion. Che oggi è il simblo del ciclismo.
Copyright © TBW
COMMENTI
IL CICLISMO........
16 luglio 2014 10:49 passion
..... non è un gioco, è uno sport e nello sport non si può simulare !!!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Non cambia di molto il look della AG2r La Mondiale per la prossima stagione. Il team francese ha infatti chiesto al Maglificio Rosti di realizzare una divisa all'insegna della tradizione, dalle linee molto classiche e naturalmente con l'esaltazione dei colori...


Un tempo pedalare durante l’inverno voleva dire vestirsi a strati, una bella rottura di scatole se pensiamo che oggi la tecnologia ci mette a disposizioni materiali e tessuti spettacolari che non molti anni fa potevano essere solo a disposizione degli...


Caro Direttore, l'ennesima notizia di un ciclista, una giovane e talentuosa promessa, vittima di un gravissimo incidente a mio avviso non può e non deve passare sottotraccia. Ad essere franco, in termini forse perentori e poco diplomatici, è da tempo...


«Tutti i giorni tutti noi dobbiamo avere un sogno da realizzare. L’importante è però saper trovare la motivazione per realizzarli». Le parole sono quelle di Ivan Basso e Alberto Contador, campioni di un recentissimo passato e oggi fonte di ispirazione...


L’argentino Gonzalo Najar, vincitore dell’ultima Vuelta a San Juan, è stato squalificato per quattro anni dall’UCI dopo essere risultato positivo al Cera proprio in occasione della corsa argentina, nella quale aveva preceduto Óscar Sevilla e Filippo Ganna.Squalificato ugualmente per quattro...


Il primo anno nella categoria élite è sempre particolarmente delicato ed impegnativo, anche per chi da juniores è riuscita a vincere il Campionato del Mondo sia a cronometro che su strada, ma Elena Pirrone è riuscita subito ad adattarsi molto...


Tre medaglie conquistate ai Campionati Mondiali (2 d'argento e 1 di bronzo); 16 a quelli Europei (10 di oro e 6 d'argento) e 83 ai Tricolori (40 di oro, 20 d'argento e 23 di bronzo). E' l'ottimo bilancio fatto registrare...


Continua la partnership tra SIDI e il Team KATUSHA ALPECIN. Venerdì sera a Koblenz in Germania, nel quartier generale Canyon, si è tenuta la presentazione ufficiale del team che si appresta ad affrontare la nuova stagione. Davanti a una nutrita...


Si può coniugare la passione per il ciclismo con la festa di Capodanno? Grazie al nuovo evento “Ride To Capodanno” organizzato da Witoor tutto questo è possibile.Dal 29 dicembre 2018 al 1 gennaio 2019,  Witoor organizza tre giorni di viaggio su un...


Così come accade da un paio di stagioni, anche nel 2019 l’Unione Sportiva Biassono porterà sui campi di gara una formazione di Allievi. A guidare dall’ammiraglia gli atleti di quindici e sedici anni ci sarà sempre l’esperto Paolo Brugali che,...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy