DUBAI. Yousif Mirza ci guida nel ciclismo emiratino. AUDIO

PROFESSIONISTI | 06/02/2014 | 08:00
Il primo giorno ha fatto aspettare per più di mezz'ora Vincenzo Nibali e Alejandro Valverde per andare allo shooting fotografico dei top riders. Non si è presentato nel migliore dei modi al ciclismo europeo Yousif Mirza, la promessa del ciclismo emiratino, che anche se sulla carta è uno scalatore promette battaglia ai big delle due ruote. «Mi avevano dato delle indicazioni errate» si scusa sorridendo il capitano della Nazionale degli Emirati Arabi. «Mi avevano detto che prima dovevo partecipare alla conferenza stampa e poi saremmo andati alla spiaggia per fare le foto...». 
Nonostante l'inconveniente, la sua faccia il giorno seguente era su tutti i giornali locali. E visto che tuttobiciweb non vuole essere da meno l'abbiamo intervistato anche noi per scoprire attraverso la sua storia come si può praticare ciclismo in questa città a misura di taxi e limousine, che non pare lasciare spazio a pedoni e due ruote.

Yousif come hai scoperto le due ruote? «Ho iniziato a correre nel 1994 nella mia città natale e da cinque anni mi sono trasferito a Dubai per iniziare la mia carriera agonistica. Dal 2005 corro gare internazionali e faccio parte della nazionale, ho 25 anni quindi posso crescere ancora molto. In quest'ottica il Dubai Tour sarà un passo in avanti fondamentale, sono orgoglioso di poter correre con i migliori ciclisti al mondo con la maglia degli United Arab Emirates».

Il ciclismo da queste parti è seguito? «Non è popolare come in Europa, ma negli ultimi anni è cresciuto molto. Di ciclismo qui si può vivere, guadagnando bene, ma non è solo questo il mio obiettivo. La mia ambizione è diventare un vero corridore professionista e ottenere tanti risultati».

Cosa ti aspetti da questa corsa? «Anche se il percorso non è adattissimo alle mie caratteristiche, mi sono allenato bene per questo appuntamento. Sarà un bel test confrontarsi con grandi campioni con cui abbiamo l'onore di correre e con i quali vogliamo fare bella figura "ospitandoli" in casa nostra. Il nostro vantaggio è di conoscere le strade, il tempo e le condizioni in cui corriamo, oltre alla motivazione».

Sogni di correre in Europa un giorno? «Assolutamente sì, il ciclismo che conta è lì. Io ora sono primo nel ranking dell'Asia Tour, ma questo primato non mi basta. Voglio essere al via delle prossime Olimpiadi per dimostrare che il ciclismo nella mia patria è una realtà emergente da tenere d'occhio».

da Dubai, Giulia De Maio


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Tris stagionale per Enrico Zanoncello: il veronese di Vallese di Oppeano si è imposto nettamente nello sprint a ranghi compatti che ha deciso il Trofeo Papà Pederzolli andato in scena sulle strade di Casale Monferrato (Al). Una prova scivolata via...


Una suggestione destinata a restare tale. L'annullamento dei mondiali svizzeri e la ricerca di una nuova sede annunciata dall'Uci hanno scatenato idee e ipotesi che hanno coinvolto anche l'Italia. Stamane sulla Gazzetta dello Sport si parlava della possibilità che il...


Anche l'Uci conferma l'annullamento del mondiale di Aigle Martigny e nel suo comunicato ufficiale spiega: «Considerando l'importanza sportiva dei Campionati del Mondo, l'Uci precisa che sta lavorando ad un progetto alternativo per assicurare la disputa del mondiale 2020, preferibilmente in...


È l'uomo del momento e non si ferma più. Wout Van Aert continua  la sua straordinaria striscia vincente e conquista il successo nella tappa inaugurale del Delfinato, mettendo in fila Impey, Bernal e Valverde. Ancora una volta la Jumbo Visma...


I mondiali di Aigle Martigny sono ufficialmente annullati. La decisione del governo federale svizzero di vietare fino alla fine di settembre i grandi eventi e di non consentire assembramenti oltre le 1.000 persone, ha spinto gli organizzatori a cancellare definitivamente...


Il Covid continua a spaventare la Francia e il presidente del Nizza Calcio ha annunciato ufficialmente oggi che la prima partita del nuovo campionato di serie A - Nizza-Lens - in programma domenica 23 agosto si giocherà a porte chiuse....


Sabato è stato il migliore degli italiani a Sanremo: Giacomo Nizzolo è un corridore che viene poco considerato nei pronostici ma che raramente manca all'appuntamento. Il velocista brianzolo è il primo protagonista della nuova puntata di BlaBlaBike e ci racconta...


Prima lo sguardo a Berna, poi il faccia a faccia ad Aigle: sono questi i due passaggi attraverso i quali si scriverà il futuro dei campionati del mondo di Aigle Martigny. Ore di attesa e di tensione perché quello che...


Un Giro di Lombardia senza pubblico. In tutti i punti del percorso. È questa la prospettiva per la gara ciclistica in programma sabato prossimo, giorno di Ferragosto, con partenza da Bergamo e arrivo in piazza Cavour a Como dopo il...


Il Consiglio federale dell’11 agosto ha affrontato i punti dell’ordine del giorno lasciati in sospeso, per questioni di tempo, in occasione dell'incontro del 5 agosto, in particolare l’assegnazione di alcuni campionati italiani e l’istituzione del “prestito multidisciplinare”. “Dobbiamo registrare con...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155