Quanta passione per la nuova Bardiani-Csf

PROFESSIONISTI | 25/01/2014 | 09:32
«Sono esterrefatto», dice guardando la folla di invitati sotto il palco Andrea Ferrari, manager directing di Csf. Non c’è miglior commento all’affetto che accompagna la presentazione della nuova Bardiani Csf, la più italiana delle nostre squadre di ciclismo, perchè dai corridori agli sponsor è tutto made in Italy.

Quasi 500 persone a riempire il Fuori Orario di Taneto, locale di buona musica nel Reggiano che già un anno fa ha portato bene al team di Bruno e Roberto Reverberi, perché dopo quel battesimo sono arrivate 11 vittorie e 20 podi: che tutti abbiano risposto all’invito è un segnale di stima e di incoraggiamento a chi da qualche anno in qua ha scelto di privilegiare il prodotto nazionale in un ciclismo che per l’Italia è diventato stretto.  

«Siamo orgogliosi di lavorare con i giovani», ha confermato il primo sponsor Luca Bardiani, guardando con occhi felici il gruppo di 17 corridori che all’età media più bassa del ciclismo che conta (meno di 25 anni) assomma qualche talento da tener d’occhio. In particolare Enrico Battaglin, una tappa al Giro lo scorso anno, lo scalatore Manuel Bongiorno e Sonny Colbrelli, promosso a velocista titolare dopo esser stato l’ottima spalla di Modolo. Più, ovviamente, Stefano Pirazzi, re delle montagne all’ultima corsa rosa dove si ripresenterà a maggio per vincere un traguardo, «così diventerà più facile far punti per la classifica degli scalatori».

Tredici confermati, più i debuttanti Colonna e Ruffoni, il Manfredi passato pro un anno fa con la Flaminia e il ritrovato Piechele, al quale era stato promesso il ritorno nel caso fosse guarito dai guai alle ginocchia: questa la nuova Bardiani Csf, ennesima avventura dell’ammiraglio di lungo corso Bruno Reverberi, benedetta da un vecchio amico come Vittorio Adorni, ma soprattutto da chi al manager reggiano ha regalato il primo successo da professionista trentun anni fa: il nuovo ct azzurro Davide Cassani.

«Abbiamo vinto tanto e lanciato tanti corridori, a spingerci è ancora la passione del primo giorno», confessa agli ospiti della serata Reverberi, che aprirà l’ennesima stagione con una corsa italiana, il gran premio di Donoratico del 2 febbraio, in coda ad una settimana di ritiro al Cicalino di Massa Marittima. Da lì un calendario ricco e intenso, con Qatar, Oman e Mediterraneo, ma soprattutto Tirreno, Sanremo e Giro d’Italia fino al Lombardia, essendo la Bardiani Csf l’unica squadra ad avere il pass per tutti i grandi appuntamenti nazionali. E’ il premio a una passione che rende unico il ciclismo, come ha raccontato Paolo Belli, confessando di aver capito da quando va in bici che questo sport è unico nell’esprimere certi valori, «perché il sacrificio di chi finisce le corse è lo stesso di chi le vince».

Angelo Costa
 
L’organico: Enrico Barbin, Enrico Battaglin, Nicola Boem, Francesco Manuel Bongiorno, Marco Canola, Sonny Colbrelli, Marco Coledan, Paolo Colonna (n), Donato De Ieso, Filippo Fortin, Stefano Locatelli, Andrea Manfredi, Angelo Pagani, Andrea Piechele, Stefano Pirazzi, Nicola Ruffoni (n), Edoardo Zardini.    

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Finalmente le gare sono iniziate. Il primo titolo olimpico di Tokyo2020 del ciclismo se l'è aggiudicato Richard Carapaz. Lo scalatore dell'Ecuador che abbiamo conosciuto nel 2019 come re del Giro d'Italia ha tagliato un traguardo storico e fatto impazzire di...


Il Giro della Valle d'Aosta, chiuso in terza posizione, gli ha dato la perfetta condizione di forma e subito Mattia Petrucci l'ha sfruttata a dovere. Colpo vincente del veronese della Colpack Ballan nella Coppa città di Ovada per dilettanti che...


Sul traguardo di Quaregnon, Fabio Jakobsen mette a segno la sua doppietta personale e chiude tra gli applausi il Tour de Wallonie. L'olandese della Deceuninck Quick Step, che aveva vinto a Zolder nella seconda tappa, si è ripetuto nella frazione...


Richard Carapaz è al settimo cielo quando si presenta in sala stampa con l'oro olimpico al collo: «È stata una giornata un po' pazza, una corsa molto dura, io ho avuto pazienza e aspettato il mio momento, poi ho avuto...


Wout van Aert rende onore al suo avversario e nasconde la sua delusione dietro ad una splendida medaglia d'argento: «Corro sempre per vincere ma oggi sono molto più felice che ai mondiali di Imola 2020, ho sempre un argento al...


Tadej Pogacar sorride al traguardo, sorride sul podio e sorride anche incontrando i giornalisti in conferenza stampa: «Sono felicissimo per il terzo posto, ho dato il massimo, sono super super contento di essere riuscito a salire sul podio dei Giochi...


Richard CARAPAZ. 10 e lode. È cambiato il mondo, è cambiato da un po’ e anche questo ragazzo ha contribuito a farlo. Un tempo nazioni come l’Ecuador davano vita alle fughe di giornata: i primi scatti erano i loro. Adesso...


Il CT Davide Cassani analizza la gara dei suoi ragazzi in questa prova olimpica: „Peccato per i crampi di Alberto Bettiol: non sappiamo per quale motivo siano venuti, soprattutto in un tratto di strada facile, era discesa ed è stato...


Con la solita disponibilità Vincenzo Nibali si ferma dopo il traguardo per analizzare la sua prestazione ai Giochi Olimpici: «Ci è mancato il risultato finale ma abbiamo corso davvero bene, abbiamo giocato le nostre carte nel modo giusto. Abbiamo cercato...


Sessantasette atlete per 39 nazioni: sarà questo il quadro della prova in linea femminile che si disputerà domani, con partenza alle ore 6 italiane. Sarà una gara atipica, formazioni ridotte all'osso - le nazionali migliori possono schierare solo 4 atlete...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI