LAMPRE. Copeland: «Ci hanno proposto Horner, stiamo valutando»

MERCATO | 17/01/2014 | 11:14
Dagli States via Australia rimbalza in Europa la notizia di un possibile accordo tra la Lampre Merida e Chris Horner. Abbiamo chiesto al team manager della formazione italiana cosa c'è di vero in questa indiscrezione: «Mi ha telefonato il nuovo agente di Horner, Baden Cooke - spiega Copeland a tuttobiciweb - per propormi l'ingaggio del suo corridore. Non siamo i soli ad essere stati contattati: Cooke ha da poco assunto la procura di Chris e sta rifacendo il giro delle squadre, sta avviando i contatti. Non è certo un mistero che io conosca bene Chris, che lo apprezzi come persona e come corridore. So che è un atleta molto intelligente, che sa stare bene in gruppo e che potrebbe essere utile alla nostra squadra e ai nostri giovani con la sua esperienza, anche in chiave Giro d'Italia. Dopo la telefonata di Cooke, ho parlato con Saronni e con la nostra proprietà, invitandoli a riflettere su quyesta opportunità».

Nulla di concreto, quindi.
«Le cose stanno come vi ho detto. C'è stato un contatto telefonico e stiamo facendo alcune valutazioni, ma non siamo certo l'unica formazione in questa situazione. Una cosa, però, mi sento di dirla: un corridore come Chris non merita di chiudere la sua carriera in questo modo, spero proprio che abbia la possibilità di tornare in gruppo e di dimostrare una volta di più il suo valore».
Copyright © TBW
COMMENTI
17 gennaio 2014 12:17 foxmulder
Va beh... Non dico niente perchè i commenti sulla dirigenza Lampre pare da queste parti vengano censurati...

bene
17 gennaio 2014 13:22 maicol
almeno un corridore( anche se non piu giovane agonisticamente) per corse a tappe ce l avranno..anche perché ad aspettare la resurrezione di Cunego si invecchia...Strano il.ciclismo uno vince la vuelta ed è a piedi , un altro va a piedi da anni ed è sempre rinnovato..maaaa

Vade retro!!!!
17 gennaio 2014 15:06 SantGiac
Horner? No grazie, un po' di dignità...

tutto ha un limite
17 gennaio 2014 17:31 ewiwa
Un corridore mediocre che non ha mai vinto nulla di importante non può vincere a 42 anni dominando in maniera imbarazzante (alla vuelta è prassi vedere corridori all'improvviso campoioni)un grande giro.....diventando campione irresistibile!!!!!!c'è chi crede alla Befana ed ha bevuto tutto ...ma c'è un limite oltre il quale non si può andare....ora c'è chi gli vorrebbe fare la statua alla carriera....Vero Copeland?

17 gennaio 2014 18:29 fedbandini
Guardate che Horner è andato sempre forte, altroché. Invece di sproloquiare perché non Vi informate. E se ha vinto la Vuelta da dopato quelli che gli stavano dietro a pochi secondi andavano a pane e acqua? Lasciate perdere...

Per fedbandini
17 gennaio 2014 23:26 Berto65
Un consiglio..Non si confonda con "certa gente" che non capisce niente,é tempo perso...

Finalmente
18 gennaio 2014 00:04 Berto65
Sarebbe l'ora che un corridore serio trovasse una giusta sistemazione

Per quelli che credono a tutto......
18 gennaio 2014 12:14 jaguar
Già il fatto che qualcuno lo ha visto andar forte nella sua carriera dimostra che ....vivono su un altro pianeta....( ha vinto qualche corsetta di serie Z)ma ammesso e non concesso che il tutto fosse vero certo che ci ha messo un po' troppo a diventare un campione irresistibile ..con questi ritmi a 50 anni sarà imprendibile.
Poi questa stroia degli altri a giustificare l'ingiustificabile!!!!....vuol dire che sono tutti bari? e mica così salviamo il "nonnetto"!!!!!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il direttore del Giro d'Italia Mauro Vegni ha confermato in diretta tv il cambiamento della tappa di sabato: «Sullo Stelvio ci andiamo sicuramente - ha esordito Vegni - ma siamo costretti ad annunciare il cambiamento della penultima tappa del Giro....


Yves Lampaert scrive il suo nome nell'albo d'oro della Tre Giorni di La Panne vincendo per distacco l'ultima classica belga della stagione. Classica peraltro condizionata dal forte vento, al punto che gli organizzatori sono stati costretti a cancellare un giro...


F come fantasmi. Nel senso di team che sono in gara, ma nessuno se ne accorge. Corrono all’insaputa di tutti, a volte anche di loro stessi. E’ una vecchia abitudine della corsa rosa, col tempo diventata obbligo: per regolamento deve...


Il timbro verrà messo tra poche ore, ma ormai è certo che non si disputerà nella sua forma originale la tappa numero 20 del Giro d'Italia, quella dell'Agnello e dell'Izoard. Come avevamo riportato questa mattina, le previsioni meteo annunciano neve...


Tutti si aspettano la tappa di domani, con arrivo a Cancano, per le dure salite che i concorrenti troveranno lungo il percorso. In realtà, dettaglio da non sottovalutare, sarà la discesa della Stelvio. 21 km dentro un freezer. Sulla cima...


Tornava ieri a correre inun grande giro dopo due anni, ha subito accumulato un distacco importante - più di 11 minuti - ma non si è aasolutamente preoccupato. Stamame, infatti, Chris Froome twitta così dalla Spagna:«Battesimo del fuoco per il...


La decisione definitiva verrà presa domani, alla luce delle più aggiornate previsioni meteo, ma di ora in ora calano le possibiltà di salire al Colle dell'Agnello e quindi all'Izoard. Le previsioni meteo, infatti, in questo momento non danno grande speranza...


È veramente difficile trovare ultimamente un marchio oltre a POC che si sia distinto di più per il design dei prodotti, forme innovative sempre connesse alla performance, questo sia chiaro. Il noto brand svedese ha portato una vera ondata di...


Battaglin is back. Lanciato e cresciuto nel team della famiglia Reverberi, Enrico Battaglin ritornerà a vestire i colori della Bardiani CSF Faizanè per la stagione 2021. Un ritorno che porterà al team grandissima esperienza internazionale e un atleta che a...


E’ una tappa dura assai quella odierna che nel menu propone oltre cinquemila metri di salita con un tracciato che va dal Veneto al Trentino-Alto Adige: si va da Bassano del Grappa a Madonna di Campiglio per 203 chilometri. per...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155