Cavendish: La Sanremo? Non la correrò più

PROFESSIONISTI | 05/12/2013 | 14:17
«L’avete cambiata? Bene, ma io non la correrò più». Le parole di Mark Cavendish sulla nuova Milano-Sanremo sono davvero taglienti.
«Di sicuro non ci sarò nel 2014 ma è meglio dire che non ci sarò più e che quella del 2009 per me resterà la sola vittoria nella Classicissima» ha detto il corridore britanico al sito Velonation in occasione della visita di ieri al centro McLaren di Woking.
Ovviamente al centro del dibattito c’è la Pompeiana, il cui inserimento fra Cipressa e Poggio taglierà fuori tutti i velocisti. «La corsa non sarà più quella che era, inutile che io vada a correrla».
Copyright © TBW
COMMENTI
5 dicembre 2013 15:05 cannonball
ha ragione Cavendish, "complimenti" ai fenomeni che vogliono cambiare le corse quando invece vanno benissimo come sono, questi sono i risultati.


sanremo
5 dicembre 2013 16:45 siluro1946
Sembra che i velocisti, anche quelli che corrono tutto l'anno, non siano graditi a questa corsa,i velocisti non dovrebbero correrla!Per quale motivo si deve favorire chi è avvantaggiato dalle salite? Così si snatura una classica che tale è diventata per merito anche dei velocisti.

Ma rimettere il percorso più bello, ovvero quello classico..
5 dicembre 2013 17:00 teos
.. che dava egual chances di vittoria a velocisti, finisseur e cacciatori di classiche puri alla Bettini, è davvero tanto complicato? Era il percorso più bello sia a livello di incertezza che tecnico, ma ovviamente in Italia se non si fanno le cose come direbbe René Ferretti "Alla c___o di cane", non siamo soddisfatti. Il risultato inevitabile è poi questo, cioè che a ragione un possibile e illustre favorito come Cavendish snobbi la gara. Io non dico di favorire i velocisti spudoratamente come negli ultimi anni perché è anche quella una noia mortale, ma semplicemente ripristinare il vecchio arrivo di via Roma, più corto dove un anno vinceva Cipollini ed un anno Fondriest, un anno Zabel ed un altro Bettini. Ah, bei tempi..

6 dicembre 2013 09:51 geom54
questa è la realtà in questa NAZIONE dove tutto viene detto e di tutto viene detto il contrario;
il ciclismo sta sempre più rappresentando una di queste sfaccettature;
PREGO PROVARE CHIEDERE AI FRANCESI DI CAMBIARE IL PERCORSO DELLA LIEGI

Info per geom54
6 dicembre 2013 13:11 Bartoli64
L’istanza per un eventuale cambio di percorso sulle Liegi, semmai, andrebbe richiesta ai belgi e non ai francesi, questo sempre considerando che l’organizzazione della Liegi, di fatto, il suo percorso l’ha anche inasprito (e non di poco) quando decise di inserire la cote della “Roche au Faucons”.

Stesso discorso il Fiandre (altra classica monumento) che quanto a cambiamenti, beh… lasciamo perdere!

Senza offesa… solo per tua informazione.

Bartoli64

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Ci risiamo, fermato da Carabinieri. Tutto filmato. Succede sempre in Trentino dove l'ormai noto Marco Brazzo, in sella alla sua bici, viene invitato ad accostare da una pattuglia. Lui riparte con la solita arringa documentata con smarthphone.  Abbiamo parlato con...


Ai tempi della guerra fredda c’era la linea rossa rovente, ora i tempi si sono evoluti ed è la banda larga ad essere rovente... Si stanno intrecciando, infatti, le conference call tra l’Uci e gli stakeholders del ciclismo, tra le...


La notizia poteva per noi europei anche passare inosservata, perchè postata sui social in polacco, in pratica ad uso della sua nazione Michał Kwiatkowski si conferma ragazzo sensibile e mette a disposizione dei medici e degli infermieri della sua nazione...


Se ne parla ormai da giorni ma l'ipotesi sta prendendo via via maggiore concretezza: il Tour de France sta lavorando ad un rinvio di quattro settimane della corsa. Da sabato 25 luglio a domenica 16 agosto: ecco le nuove date...


Che passioni si coltivano ai tempi del coronavirus? Giacomo Nizzolo ne ha tre: la moda, i motori e... la barba. «A dire la verita - ha spiegato il ciclista della NTT nel corso dell'intervista realizzata per la nuova puntata di...


Tatiana Guderzo è salita in bicicletta anche quest’anno perché aveva un obiettivo da conquistare a tutti i costi: la sua quinta Olimpiade. La campionessa marosticense è fra i pochissimi atleti italiani in attività che possono vantare la partecipazione a quattro...


  La “Pedala con i Campioni”, da vent’anni classico appuntamento cicloturistico dell’8 dicembre nel Varesotto da sempre a scopo benefico, scende in campo per la lotta contro il Coronavirus. Gli ex professionisti della  provincia di Varese capitanti da Dario Andriotto,...


La Adriatica Ionica Race va ad allungare la già interminabile lista di gare ciclistiche che non andranno in scena nelle date programmate a causa del Coronavirus. Benché prevista nel calendario internazionale dei professionisti dal 14 al 18 giugno – l’UCI...


“Al ritorno del Trofeo Melinda 2009 litigai con Scinto e mi fece scendere dalla macchina. Mi lasciò a Padova”. Giovanni Visconti è un fiume in piena durante al diretta con LelloFerrara3.0 su Instagram. "Comunque poi sapevo che dietro c'era Pelosi,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155