Vinokourov: «Al Tour per vincere, ma temo Basso e Ullrich»

| 30/03/2006 | 00:00
«Alle responsabilità sono abituato. Il Tour de France ce l'ho in testa e mi vedo capace di vincerlo. Per questo ho svolto un lavoro cosi' duro in inverno». Così Alexandre Vinokourov in un'intervista rilasciata al quotidiano sportivo spagnolo As. Il ciclista kazako, passato quest'anno alla Liberty Seguros dopo 6 anni con la T-Mobile, ha legato le sue aspirazioni di successo nella Grande Boucle ai progressi nelle tappe di montagna: «A cronometro so di poter essere piu' o meno sui livelli di chiunque, ma e' sulle salite che devo cercare di fare la differenza», ha detto Vinokourov, che rispondendo ad una domanda sui suoi principali avversari ha fatto i nomi di «Ivan Basso e Jan Ullrich». Vinokourov ha poi speso parole di grande stima per Alejandro Valverde, spagnolo della Illes Balears: «Ha un grande potenziale», ha detto il kazako, «o scorso anno si e' visto cosa puo' fare in alta montagna. E' arrivato terzo alla Vuelta di Spagna e questo dimostra che puo' farcela nelle grandi corse. In futuro puo' vincere il Tour, ma gli manca ancora esperienza».
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Matteo Montaguti è stato uno dei protagonisti della giornata della Bici al Chiodo: «Dico sempre che non ho appeso la bici ma il numero, quindi è giusto che io riceva il Premio alla Carriera che non quello della Bici al...


Rinaldo Nocentini ha ricevuto stamane il premio Bici al Chiodo e ne abbiamo approfittato per fare due chiacchiere con lui sulla sua “nuova vita”. «Sono felice di aver preso questa decisione. Ci stavo pensando già da un paio d’anni, poi...


Anche Moreno Moser è stato omaggiato con un Premio alla Carriera durante la grande festa de La Bici al chiodo: «Fa un effetto strano essere qui, mi rendo conto che sarà una delle ultime manifestazioni di questo genere alle quali...


Caleb Ewan vince la prima volata dell'anno: l'australiano delal Lotto Soudal ha conquistato il successo nel Criterium del Tour Down Under, tradizionale "aperitivo" della corsa a tappe che scatterà martedì. Ewan ha battuto sul traguardo di Adelaide Elia Viviani e...


Scansione in 3D per i ciclisti, è questa l'attività in cui sono impegnati il tedesco Tony Martin e il tecnico della Lotto Visma durante una fase del training camp. A cosa serve? E' un lavoro che viene effettuato per riprodurre...


Nel 2019 ha vinto di tutto e di più sull’ammiraglia della Deceuninck Quick Step (70 corse di alto e altissimo livello). E ha bissato il successo del 2016 vincendo l’Oscar tuttoBICI come miglior direttore sportivo dell’anno. Stiamo parlando di Davide...


Con una volata lunga e potente, Simona Frapporti reagala all'Italia femminile il primo successo della stagione. La portacolori della Bepink ha vinto ad Adelaide la quarta e ultima tappa del Tour Down Under. Il successo finale nella corsa australiana è...


Più che un semplice segnale d’allarme, è un grido, una sirena, una campana a martello. Il doping torna ad affacciarsi nel mondo del grande ciclismo: lo scorso anno sono stati 32 di positività tra i corridori di alto livello, contro...


  E’ un desiderio, un’innocenza, o forse un’illusione. E’ un’atarassia, un’allegria, o forse un’assenza. E’ un traguardo, una meta, o forse un viaggio. E’ uno stato d’animo, un modo d’essere, o forse un’opera d’arte. La felicità è un amore, una...


Il neozelandese Dylan Kennett della St George Continental Cycling Team ha vinto allo sprint la tappa conclusiva della New Zealand Classic. La vittoria finale è andata all'australiano Rylee Field del Team Bridgelane. ORDINE D'ARRIVO 1 Dylan Kennett (NZl) St George...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155