TOUR. Liquigas al via con molte frecce da scoccare

| 29/06/2012 | 17:10
Domani il Tour de France inizierà il suo viaggio di 3.497 e la Liquigas-Cannondale scalda i motori. I leader Vincenzo Nibali, Peter Sagan e Ivan Basso hanno parlato delle proprie prospettive in terra francese: ambizioni e ruoli differenti, ma la stessa volontà di essere protagonisti.
«Affronto questo Tour con voglia e determinazione – afferma Nibali -. Negli ultimi anni ho dimostrato di poter competere con i migliori e quest’anno ho una grande occasione, nonché responsabilità. Non mi piace fare proclami o promesse, voglio solo dare tutto quanto è possibile per ottenere il miglior risultato. Il podio? E’ un obiettivo al quale credo, anche perché avrò al mio fianco una squadra forte e attrezzata: Ivan Basso come supporto è un grande vantaggio. Il programma di avvicinamento è stato buono. Il Criterium Dauphine mia ha detto dove migliorare, poi sono stato in ritiro al Passo San Pellegrino. Ho fatto quanto dovevo per presentarmi al meglio. Il percorso è duro, ma soprattutto difficile da interpretare. C’è un avversario, Wiggins, che finora si è dimostrato uno scalino sopra gli altri. Se i chilometri a cronometro sono dalla sua parte, vedo anche il terreno per attaccarlo e metterlo in difficoltà. Dobbiamo vivere la corsa senza ansia, cercando di sfruttare ogni situazione utile e salvando più energie possibile in vista dei momenti più delicati. Oltre a Wiggins bisognerà curare Evans, Sanchez, Menchov, Van den Broeck, Gesink. Sarà una corsa aperta e combattuta fino all’ultimo: spero di essere lì a giocarmela in quel momento».
Nonostante il corposo bottino di vittorie, Peter Sagan sa che il Tour de France è un’altra storia: «Avrò l’occasione di confrontarmi con i migliori al mondo, con corridori al top della condizione. Il mio obiettivo è innanzitutto quello di essere competitivo e conquistare una tappa. Come l’anno scorso alla Vuelta, cercherò di vivere alla giornata, senza troppi pensieri o aspettative. Tante tappe adatte a me? Sì, sulla carta, ma la concorrenza sarà forte. Cavendish è il migliore al mondo nelle volate, ma ogni tappa ha la sua storia. Io sono qui per fare bene e lasciare il segno. Le vittorie ottenute finora sono state una base importante, soprattutto per il morale. La maglia verde? Sarebbe bello, ma fino a Parigi non voglio pensarci troppo».
Ivan Basso sarà l’uomo dell’esperienza, pronto a giocare il proprio ruolo nelle fasi più calde della corsa: «Corro questo Tour per aiutare Vincenzo e per riuscirci al meglio ho preparato la corsa come se puntassi al podio. Lui ha le carte in regola per essere tra i protagonisti e fa bene a guardare in alto: io sarò al suo fianco nei momenti più duri. Credo di avere l’esperienza per essergli d’aiuto, così come al resto della squadra. E’ un ruolo non inedito per me e mi trovo bene a svolgerlo. Il Tour de France è una corsa speciale, il solo fatto di esserci mi rende felice e motivato».
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Sicuramente vi sarà capitato di seguire qualche regata dell'ultima Coppa America e di aver visto quei marinai dai muscoli possenti che mulinavano a bordo di catamarani che sembravano volare più che navigare. Bene, quei marinai operavano sul winch, ovvero un...


Prove tecniche di risveglio, anche se Johnny Carera, ricoverato al Niguarda da venerdì notte, in seguito ad un tremendo incidente con un autoarticolato in contromano sull’autostrada Miano-Venezia tra Agrate e Cambiago, resta in coma farmacologico e in terapia intensiva. Ma...


È un inverno all’insegna del grande sport quello di discovery+, la piattaforma streaming del gruppo Discovery che si presenta con un’offerta sportiva ricca di tantissime novità e importanti conferme. Un pacchetto di diritti in costante aggiornamento grazie al quale discovery+...


Quello che sta trascorrendo Silvia Zanardi è un inverno un po’ alternativo, fatto di valige, bici da montare e velodromi. La giovane piacentina è infatti una dei tre azzurri, insieme a Miriam Vece e Michele Scartezzini, ad essere stata invitata...


Si annuncia un Tour de France per cuori forti. Mancano praticamente sette mesi al via della Grande Boucle dalla Danimarca e già si stanno riscaldando gli animi. E i protagonisti di una sfida annunciata sono sempre loro, Wout Van Aert...


Emilia Romagna al centro dell’attenzione nazionale per l’attività Ciclocross. Si svolgerà proprio in Emilia Romagna la prova unica di Coppa Italia, che vedrà ai nastri di partenza ben 12 Comitati Regionali che porteranno sui prati di Fanano (MO) ben 19...


Su indicazione del coordinatore della Struttura Tecnica Regionale-Settore Fuoristrada Roberto Cecchi, il Comitato Regionale Toscana ha convocato gli atleti che faranno parte della rappresentativa della Toscana, per la gara della Coppa Italia Giovanile Ciclocross, prevista sabato 4 dicembre a Fanano...


Numerosi eventi sono stati organizzati negli Emirati Arabi Uniti per festeggiare il 50° anniversario della fondazione del Paese arabo. Vari membri dell’UAE Team Emirates, assieme ai giovani ciclisti dell’UAE Youth Academy, hanno presenziato a una pedalata di gruppo organizzata all’Hudayriat...


Sono in svolgimento a Cali, in Colombia i Pan American Games per Under 23. Ieri sono stati assegnati i titoli della cronometro individuale. La gara maschile è stata appannaggio del colombiano Victor Alejandro Ocampo, del team Colnago CM, che ha...


Sabato a Fanano, nel Modenese, si svolgerà la seconda prova della Coppa Italia Giovanile di Ciclocross-Master Emilia Romagna. La prova è riservata alle rappresentative regionali e riguarda le categorie esordienti e allievi maschile e femminile. Su indicazione della coordinatrice Barbara...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI