CORSETTI. «I campioni di ciclismo sono "cavie" modello»

| 01/06/2012 | 08:59
Campione delle due ruote come Ivan Basso e Vincenzo Nibali trasformati durante il Giro d'Italia 2011 e 2012 in 'cavie' per scoprire, ad esempio, la risposta fisiologica dell'organismo umano allo sforzo fisico, strenuo e prolungato, proprio di una gara ciclistica a tappe. O come lo stress ossidativo può essere dannoso per alcuni organi. Oppure quale alimentazione può aiutare durante le lunghe gare di resistenza. Capire in anticipo anche i segnali precoci di uno stato di fatica acuta o, comunque, di non ottima salute. Sono i risultati ottenuti nel 2011, che hanno portato alla pubblicazione di dieci lavori scientifici a livello internazionale, più altri due in fase di elaborazione, dal laboratorio viaggiante del team Liquigas-Cannondale guidato dal responsabile sanitario Roberto Corsetti.

"La scelta del ciclismo professionistico come base di studio - spiega all'Adnkronos Salute Corsetti - deriva dalla peculiarità del modello fisiologico del ciclista, una macchina in grado di erogare potenze al limite della sopportazione per lunghi periodi di tempo e di sopportare questi sforzi massacranti. I campioni di questa disciplina - prosegue - sono un modello unico in grado di darci delle risposte su molte questioni cliniche che riguardano patologie comuni nella popolazione. Ad esempio, dai test della scorsa edizione del Giro d'Italia, abbiamo avuto interessanti riscontri in campo cardiovascolare, sul metabolismo dell'osso, il diabete di tipo II e la pericolosità delle sostanze ossidanti. Quest'anno ci siamo concentrati su i rischi delle infiammazioni e sulla valutazione del profilo ormonale attraverso la raccolta di campioni di saliva".

Il laboratorio viaggiante Liquigas-Cannondale presente all'ultima edizione del Giro d'Italia ha iniziato la prima sessione di test in Danimarca, alla vigilia della partenza, con l' analisi dei campioni di sangue, di urine e di saliva, oltre a rilevazioni nutrizionali, antropometriche, plicometriche e di impedenziometria. Lo staff medico del team, guidato da Corsetti, ha potuto ampliare da quest'anno le sue collaborazioni portando a condividere la ricerca, tra gli altri, con l'università degli studi di Milano, l'University Foundation of Itaperuna (Brasile), l'Istituto ortopedico Galeazzi di Milano, la Loyola University School of Medicine di Chicago e l'università Federico II di Napoli.

"Uno degli obiettivi degli studi di quest'anno - spiega Corsetti - è la valutazione del profilo ormonale, lungo tutta la gara, attraverso la raccolta di campioni di saliva, in modo tale da completare la caratterizzazione della risposta fisiologica a questo tipo di attività. Inoltre, dai prelievi ematici, verrà costruito un profilo di risposta infiammatoria e di affaticamento muscolare. Lo scopo - sottolinea - è quello di identificare un parametro diagnostico utile al medico sportivo, per determinare, ad esempio, lo status muscolare dell'atleta prima dell'inizio di una corsa o per il monitoraggio del recupero post-gara".

"I dati preliminari raccolti- sottolinea il medico sociale - sembrano mostrare che i ciclisti partecipanti al Giro d'Italia vanno incontro ad un'attività fisica di intensità e durata così elevata da portare a modifiche importanti nella distribuzione dell'acqua corporea e nel metabolismo energetico. Inoltre - puntualizza - lo sforzo fisico estremo praticato dagli atleti durante la corsa a tappe è causa di un aumento dei marcatori di stress cardiaco, indicando un notevole sovraccarico acuto di lavoro per questo organo vitale al quale però non fa seguito un danno cardiaco vero e proprio".

E per il medico risultano evidenti i risvolti pratici in tema di tutela della salute degli atleti "come le certificazioni di idoneità agonistica e non agonistica e la prevenzione delle principali patologie cardiovascolari".

"Anche la composizione del sangue è stata presa sotto esame - prosegue Corsetti - durante la gara e ne risente pesantemente in fatto di cellule e di capacità di ossigenazione. Così la possibilità di incorrere in eventi anemici appare per nulla remota. Al contrario - avverte - altri studi hanno dimostrato che la funzionalità renale rimane stabile durante tutto il corso della gara e ciò concorre al mantenimento dei livelli ematici di calcio e fosfato".

I medici sportivi ricorrono a tutte le indagini più sofisticate per poter proteggere l'atleta dai danni derivanti da uno sforzo eccessivo e "la ricerca sul campo, svolta con scrupolo e precisione - afferma l'esperto - continua a fornire elementi utili alla comprensione delle modalità per prevenire eventi drammatici".

Recentemente il team sanitario della Liquigas ha messo a punto in collaborazione con alcune aziende e importanti università internazionali come la Loyola University School of Medicine di Chicago, un'indagine diagnostica molto semplice "che si può svolgere con estrema facilità nel tempo di alcuni minuti - chiosa Corsetti - si tratta della determinazione dello stress ossidativo e della riserva antiossidante. L'equilibrio tra questi due fattori governa i meccanismi di coordinamento tra stimolo nervoso e contrazione muscolare, un'alterazione di questo meccanismo può anche aumentare sensibilmente il rischio cardiovascolare in soggetti ovviamente predisposti, quindi i portatori di cardiopatie silenti o congenite. Tale alterazione - conclude - potrebbe essere uno dei principali 'trigger' di eventi aritmici molto pericolosi per la salute".

da www.televideo.rai.it

Copyright © TBW
COMMENTI
1 giugno 2012 10:13 foxmulder
Studio assolutamente interessante che andrebbe, a mio avviso, integrato con la distinzione delle valutazioni, che sono sicuro non riguardi la Liquigas, tra atleti "trattati" ed atleti "non trattati".

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Nella giornata più difficile per la Jumbo-Visma, Primož Roglič ancora una volta è stato il corridore che ha dovuto pagare il conto più alto. Lo sloveno è finito a terra insieme a Caleb Ewan, a causa di una balla di...


Simon Clarke ha realizzato il suo sogno. L’australiano della Israel-Premier Tech, che lo scorso inverno era ancora senza contratto ed è tormatoin sella grazie alla fiducia che gli è stata data dal suo nuovo team, ha realizzato il suo sogno...


Tadej Pogačar è stato ancoa una volta il migliore fra gli uomini di classifica e archivia con un sorriso la temutissima tappa del pavé: «Temevo tutti i pericoli che oggi potevano accadere, ho sentito parlare della caduta nel gruppo ma...


Simon CLARKE. 10 e lode. Il 35enne australiano fa vedere a tutti come fa un ciclista finito per la fatica a vincere con quel poco e con quel tutto che gli rimane. Colpo di reni, colpo di mano, colpo d’occhio,...


«Bisogna conoscere il pavé» vale per tutti: corridori, pubblico e addetti ai lavori. Detto che oggi al Tour ne abbiamo viste di tutti i colori - quello che forse le telecamere non mostrano alla Roubaix perché concentrate solo sui battistrada...


Incredibile Primož Roglič! Lo sloveno della Jumbo Visma si è lussato una spalla nella caduta di cui è stato vittima e se l'è rimessa a posto da solo, prima di ripartire. «Una moto staffetta ha colpito una una balla di...


Spettacolo e risultati clamorosi ci si attendeva dalla tappa del pavé: non siamo stati delusi. C'è un vincitore di tappa che è Simon Clarke che batte al fotofinish Taco van der Hoorn, c'è un vincitore di giornata per quanto riguarda...


Ancora Vos, è la trentaduesima volta per l’olandese nella corsa rosa: 32 successi al Giro in una carriera costellata di successi. Appena qualche giorno fa la “cannibale” aveva sbaragliato la concorrenza con una volata incredibile ad Olbia, con tanta emozione...


Silvia Persico l’aveva sognata, sperata e anche studiata per bene. Oggi si arrivava a “Berghem” la sua città, una piccola capitale e centro di una tradizione che solo la gente che è cresciuta qui può veramente capire. La portacolori del...


Si è spento nella giornata di ieri Gedeone Rebellin, papà di davide, il corridore più esperto del gruppo professionistico. Era statp lui, grande appassionato di ciclismo, a mettere in sella il figlio: Davide racconta infatti che «Da bambino papà Gedeone...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach