FIGURE e FIGURINE. Tiralongo ha più sprint

| 10/05/2012 | 17:36
di Angelo Costa

Piccolo e nero: non è Calimero. E anche leggero: è il ritratto del perfetto scalatore. E invece, Paolino Tiralongo si sta segnalando per un altro mestiere: non essendoci montagne in Giro, fa il velocista. Non è un’improvvisata: si è preparato per tempo in Romandia. Piazzato al primo tentativo, ci ha subito riprovato: piazzato ancora. Non c’è il due senza il tre: piazzato anche la terza volta. ‘Sta a vedere che ho doti da velocista e non me ne ero accorto’, si è detto il siciliano. Andando a ricercare la giustificazione di tale metamorfosi nelle sue radici: lui viene da Avola, il paese famoso per l’ottimo vino, e qualcosa vorrà dire. Magari vuol dire A-vola: Tiralongo l’ha preso come un’incitamento.
Come prima scelta della sua nuova vita, il buon Paolino si è presentato ai suoi tecnici con una richiesta: ‘Voglio un treno’, ha detto. Pensando che si riferisse alla partenza del Giro, il direttore sportivo Beppe Martinelli lo ha subito accontentato: ha disdetto il suo biglietto aereo per la Danimarca e gli ha prenotato un posto su un vagone letto. Sbarcando al Nord appena in tempo per prendere il via, Tiralongo si è spiegato meglio: ‘Voglio un treno per fare le volate’, ha annunciato alla squadra riunita a cena. Risatona generale dei compagni e inevitabile domanda: ‘Paolino, ne sai un’altra?’.
Ma i siculi sono gente tosta: quando si mettono in testa un’idea, vanno fino in fondo. In Danimarca, Tiralongo ha cominciato a prendere le misure agli altri velocisti: vedendo decollare marcantoni che giù dalla bici sono il doppio di lui, si è limitato a studiarli. Ma l’idea di dimostrare a tutti di poter fare le volate non lo ha abbandonato. Oltretutto, gli hanno detto che con i punti dell’arrivo si può vincere una maglia rossa con la scritta Italo: è proprio il treno che sogna. Così ha deciso di continuare i test: l’ultimo a Verona nella cronosquadre, l’esercizio ideale per costringere i compagni a diventare il suo personalissimo convoglio. Per trentatré chilometri, Paolino è rimasto accucciato alle spalle degli altri: come un vero velocista, si è fatto portare in carrozza. Per poi scattare ai duecento metri e tagliare il traguardo in testa. Prova riuscita, anche se resta da chiarire un dettaglio: perché adesso in squadra lo chiamano Tiradritto?

La frase del giorno. «Occhio al finale: da quello che mi hanno raccontato, potrebbe non essere del tutto adatto ai velocisti» (Luca Scinto, direttore sportivo Farnese, dovrà risistemare qualcosa nel suo parco informatori).
Copyright © TBW
COMMENTI
Bene, però.....
11 maggio 2012 08:00 superandy
Bene per questa sua nuova dote da velocista, ma quest'anno, Tiralongo ha la possibilità di arrivare nei 10 in classifica, quindi spero che sapia dosare bene le forze!!!! Io ci conto!!!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Caro Direttore, per chi abbia un'età che  ci riporti alla memoria, con simpatica e giovanile nostalgia, certi mitici film western, ricorderà bene che i pellerossa, sempre e comunque perdenti e i cattivi per antonomasia, annoveravano una frase che di questi tempi troverebbe ben...


Non c’è pace alla Sei Giorni di Gand e e le cadute continuano a costellare l’evento. Dopo che nella prima serata sono finiti a terra Cavendish e Thijssen, ieri sera il pubblico ha trepidato per lunghi minuti per le condizioni...


Dopo una prima serata difficile, a causa delle cadute di Cavendish e Thijssen (le cui condizioni sono in miglioramento, anche se il belga resta ricoverato in terapia intensiva per tenere sotto controllo tre piccole emorragie alla testa), la seconda notte...


Il 14 novembre è il giorno dei campioni. Festeggiano oggi il loro compleanno infatti Bernard Hinault (65 anni), Vittorio Adorni (8), Davide Boifava (73), Koichi Nakano (64) e naturalmente Vincenzo Nibali (35). In campo femminile la tedesca Petra Rossner (53)...


Due neoprofessionisti in arrivo per la Bahrain Merida: si tratta di Santiago Buitrago Sanchez e Fred Wright. «Siamo entusiasti che questi giovani entrino a far parte del team con Rod Ellingworth e la McLaren. Avranno un ruolo fondamentale nel costruire...


«È nata Virginia! Ieri sera alle 23.24 è arrivata con i suoi 3 kg e 80 grammi, distribuiti su 48 centimetri di amore. È una meraviglia!». Le parole del messaggio scritto da Matteo Cavazzuti, collega giornalista e pr di Fabio...


Andrea Piccolo sta diventando un habituè della Notte degli Oscar tuttoBICI. Dopo aver vinto tra gli Allievi nel 2017 e un anno fa, al primo anno di categoria, tra gli Juniores, quest'anno si è ripetuto conquistando l'Oscar tuttoBICI Gran Premio...


Le corse sono nel DNA di Canyon. E dal 1 ° gennaio 2020 Arkea-Samsic diventerà il prossimo team del gruppo a gareggiare su Canyon. Il team UCI Pro Continental proviene dalla Bretagna - un territorio ciclistico con un ricco patrimonio...


Gli Italiani scelgono sempre più spesso vacanze attive e, tra le opzioni disponibili, il cicloturismo è tra le attività preferite. Secondo uno studio di Unioncamere e Legambiente, il cicloturismo nel nostro paese rappresenta da solo, con 77, 6 milioni di...


Ebbene sì, probabilmente quello che sta per arrivare non è il momento migliore della stagione per pedalare all’aperto ma è sicuramente quello giusto per comprare una nuova bici! Le giornate si sono accorciate e il freddo diventerà via via più...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy