Di Luca: perché Armstrong sì e io no?

| 26/06/2004 | 00:00
Nel campionato italiano di domani Danilo Di Luca difendera' una carriera e la partecipazione al Tour: le recenti inchieste giudiziarie che lo stanno sfiorando e le prese di posizione del direttore della corsa francese stanno mettendo a rischio la sua presenza alla Grande Boucle. Niente Francia per chi ha problemi giudiziari legati al doping, ha detto Jean Marie Leblanc dopo l'affaire Millar. La cosa non e' piaciuta a Di Luca, indagato per i suoi rapporti con il dottor Santuccione: ''Quello che conta e' che la societa' mi appoggia, ma sta succedendo una cosa incredibile: rischio di non fare il Tour perche' Leblanc non vuole gli indagati...''. ''Ho subito una perquisizione a casa dove non hanno trovato niente, ovviamente - precisa l'abruzzese - Non sono mai stato trovato positivo ne' fuori regola, le intercettazioni telefoniche che mi riguardano non rivelano nulla. E l'Uci ha gia' detto che la posizione di Leblanc e' illegittima: si e' schierata dalla mia parte, eppure sono qui a temere di non fare il Tour. Se volevano incattivirmi ci sono riusciti: questo Campionato italiano viene a proposito''. ''Mi stanno facendo passare dei brutti momenti ed e' in bicicletta che devo reagire - continua Di Luca - La mia posizione non e' quella di Mazzoleni, piu' grave: io sono sereno. Sono indagato dalla legge italiana perche' non se ne puo' fare a meno, ma mi chiedo allora se parteciperanno al Tour tutti quelli che sono stati indagati tre anni fa per il blitz di Sanremo al Giro d'Italia, inchiesta di cui non si sa piu' niente. Chiedo anche se partira' Armstrong, dopo le rivelazioni di quel libro in Francia nel quale si dice che ha fatto uso di sostanze e di cui la stessa magistratura francese ha permesso l'uscita. E allora voglio sapere se prendera' il via del Tour anche Ullrich: ve lo siete dimenticato che Ullrich e' stato trovato positivo e squalificato?''. Sta bene, e' avvelenato e fara' la corsa, Cunego permettendo. ''Ma Cunego permette, permettera'... - ride lo spoltorino della Saeco, campione d'Italia dilettanti qualche anno fa fi Lui fara' la sua corsa e io la mia. Non si ripetera' il derby casalingo del Giro con Simoni: sara' la strada a decidere chi e' piu' forte, eppoi nella mia squadra i patti sono sempre stati rispettati: se decido di fare la corsa, nessuno mi ostacola''.
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il Team BikeExchange, che il prossimo anno si chiamerà Team BikeExchange Jayco, ha confermato il suo roster maschile di 28 corridori per la prossima stagione. "Possiamo essere molto soddisfatti del lavoro svolto quest'anno dallo staff delle prestazioni che ha svolto...


Natale si avvicina e la caccia al regalo perfetto è ormai lanciata. Niente panico, c’è tutto il tempo per sorprendere i tuoi cari con il dono ideale per loro. Se si tratta di sportivi una buona soluzione la offre il...


È una squadra kazaka la cui lingua ufficiale è l’italiano. Tutti i suoi membri comunque parlano l’inglese e se la cavano an­che con il francese, se proprio proprio all’inizio qualche straniero non conoscesse la nostra lingua, che presto o tardi...


The best of Cycling 2021 è un concorso fotografico e già questo lo rende speciale, perché le immagini hanno una capacità narrativa ed emotiva eccezionale. Se poi il concorso lo organizza un decano dei fotografi del ciclismo internazionale come Roberto...


La bella tradizione di Alé di scambiarsi gli auguri in occasione delle festività con una pedalata non competitiva ed aperta a tutti, è ripresa  domenica 28 novembre, dopo lo stop dovuto alla pandemia. Il celebre brand veronese di abbigliamento da...


L’inaugurazione della EOLO CdF Climb organizzata da EOLO insieme alla Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta ieri a Varese presso lo Stadio Franco Ossola di via Giuseppe Bolchini alla presenza di un folto gruppo di appassionati di ciclismo. L’evento...


In bicicletta si può davvero far tutto, anche affrontare il travaglio e arrivare alle soglie della sala parto. È accaduto alla parlamentare verde della Nuova Zelanda, già ministro delle donne,  Julie Anne Genter, da sempre convinta paladina della mobilità sostenibile. L'altra notte,...


"La pedalate gravel sono uno strumento di allenamento, ma anche uno modo per staccare la spina, per allontanarmi dalle auto, per immergermi nella natura... mi aiuta a rilassarmi", afferma un Nathan Haas, sempre più innamorato della specialità. A fianco di...


Terra, sabbia, fango, acqua, talvolta neve, molto più spesso vento, sono gli ingredienti base del ciclocross. Coinvolgono la vista e il tatto, raramente il gusto quando il sudore si impasta con la polvere o si cade rovinosamente nella melma. Dal...


La patria del 5 volte campione del mondo Renato Longo non ha tradito le attese. Vittorio Veneto si è confermata come sempre una delle prove più selettive e spettacolari del calendario nazionale. Oggi il fango l’ha fatta da padrone, rendendo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI