Piscina: vincente la scelta della LPR di far crescere i giovani

| 29/07/2005 | 00:00
Una filosofia vincente, quella di Omar Piscina e della sua LPR: la scelta di puntare su atleti giovani e farlo crescere con tranquillità per prepararli ai grandi impegni del ciclismo professionistico, infati, si è rivelata ancora una volta vincente. Come dimostra il passaggio, annunciato in anteprima proprio oggi sulle nostre pagine, di Mauro Santambrogio e Danilo Napolitano alla Lampre Caffita. «Quando Mauro e Danilo - spiega Omar Piscina, il più giovane team manager del ciclismo professionistico - ci hanno prospettato il loro sogno di approdare ad un team professionistico, il Team LPR ha assecondato la loro volontà senza porre alcun tipo di ostracismo, anzi augurando loro una carriera veramente importante». Nel 2006 però questi talenti vi mancheranno... «Non posso nascondere che certamente ne avvertiremo la mancanza, soprattutto per quel che riguarda Napolitano. Santambrogio, infatti, è giovanissimo e ha bisogno ancora di tempo per fare esperienza e raggiungere la sua giusta dimensione. Napolitano, invece, è un signor velocista che ha parlato con i fatti». E rappresenta una scommessa vinta per Piscina e la LPR. «È vero, alla sua prima vera stagione da professionista ha già ottenuto tre vittorie salendo undici volte sul podio. io mi sento un po’ il mentore di Danilo perché nonostante una decina di vittorie ottenute tra gli Under nel 2003 e nove vittorie colte in tre mesi all’inizio del 2004, nessun team professionistico lo voleva. La nostra è stata l’unica offerta pervenutagli e ne siamo orgogliosi. Così come siamo orgogliosi di aver messo a tacere, insieme a Danilo, tutti quei critici che lo accusavano di essere troppo grasso, di mollare su ogni cavalcavia, di non essere un vero corridore. Invece lavorando con impegno e senza pressioni, abbiamo dimostrato di poter arrivare lontano, tanto è vero che, oltre a quella della Lampre, a Danilo sono pervenute anche le offerte di Quick Step e Cofidis, altri due team di ProTour». Filosofia vincente, dicevamo, quella della LPR: valorizzare e rilanciare giovani corridri, tenendo d’occhio il bilancio e scegliendo i corridori non in base al loro punteggio, ma alla loro storia, ai loro valori e alle loro qualità, si possono raggiungere traguardi davvero importanti. «Tutto questo - conclude Piscina - lo dobbiamo condividere con gli sponsor che ci affiancano e che hanno sposato la nostra filosofia. E se ci sono aziende che credono in questo progetto che guarda al futuro, le nostre porte sono aperte. Tutti sappiano che anche nel 2006 noi intendiamo puntare su giovani ciclisti da lanciare o da riscoprire, cercando di farli crescere con il lavoro e senza l’ossessione del risultato».
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Johnny Carera continua la sua battaglia per la guarigione. Il manager bergamasco, ricoverato al Niguarda di Milano dopo il gravissimo incidente di cui è stato vittima venerdì sera, ha trascorso una giornata tranquilla e al tempo stesso importante. «Le cose...


Grandi novità in rrivo in casa del Maglificio Rosti. Cosa bolle in pentola? Presto detto: un giorno Marco Saggia incontra Giovanni Alborghetti. Iniziano a parlare quasi per caso. Parlano per ore. Di tecnologia, mercato, identità, emozioni, progetti. Sono spinti dalla...


Il Team BikeExchange, che il prossimo anno si chiamerà Team BikeExchange Jayco, ha confermato il suo roster maschile di 28 corridori per la prossima stagione. "Possiamo essere molto soddisfatti del lavoro svolto quest'anno dallo staff delle prestazioni che ha svolto...


Natale si avvicina e la caccia al regalo perfetto è ormai lanciata. Niente panico, c’è tutto il tempo per sorprendere i tuoi cari con il dono ideale per loro. Se si tratta di sportivi una buona soluzione la offre il...


È una squadra kazaka la cui lingua ufficiale è l’italiano. Tutti i suoi membri comunque parlano l’inglese e se la cavano an­che con il francese, se proprio proprio all’inizio qualche straniero non conoscesse la nostra lingua, che presto o tardi...


The best of Cycling 2021 è un concorso fotografico e già questo lo rende speciale, perché le immagini hanno una capacità narrativa ed emotiva eccezionale. Se poi il concorso lo organizza un decano dei fotografi del ciclismo internazionale come Roberto...


La bella tradizione di Alé di scambiarsi gli auguri in occasione delle festività con una pedalata non competitiva ed aperta a tutti, è ripresa  domenica 28 novembre, dopo lo stop dovuto alla pandemia. Il celebre brand veronese di abbigliamento da...


L’inaugurazione della EOLO CdF Climb organizzata da EOLO insieme alla Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta ieri a Varese presso lo Stadio Franco Ossola di via Giuseppe Bolchini alla presenza di un folto gruppo di appassionati di ciclismo. L’evento...


In bicicletta si può davvero far tutto, anche affrontare il travaglio e arrivare alle soglie della sala parto. È accaduto alla parlamentare verde della Nuova Zelanda, già ministro delle donne,  Julie Anne Genter, da sempre convinta paladina della mobilità sostenibile. L'altra notte,...


"La pedalate gravel sono uno strumento di allenamento, ma anche uno modo per staccare la spina, per allontanarmi dalle auto, per immergermi nella natura... mi aiuta a rilassarmi", afferma un Nathan Haas, sempre più innamorato della specialità. A fianco di...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI