È ufficiale: Kashechkin correrà nella Lampre

| 08/07/2010 | 09:33
Dopo le vittorie di Petacchi al Tour de France e l'ingresso di Ampo come sponsor, la Lampre-Farnese Vini registra un'altra novità in questo mese di luglio.
Andrey Kashechkin sarà il primo kazako della storia blu-fucsia: il ciclista classe 1980, nato a Kzyl Orda, ha infatti siglato un accordo per correre nella Lampre-Farnese Vini per la restante parte della stagione in corso.
L'esordio agonistico di Kashechkin avverrà in occasione del Brixia Tour (21-25 luglio) e proseguirà con un calendario fitto di appuntamenti per il mese di agosto.
Centoottantadue centimetri per settantadue chilogrammi, professionista dal 2001, il kazako ha vinto in carriera il Gp de Fourmis 2003, la classifica generale del Giro di Sassonia 2003, la tappa di Cannes della Parigi-Nizza 2006, il Campionato nazionale kazako in linea nel 2006 e la tappa di Sierra de la Pandera della Vuelta a Espana 2006. Ha preso parte al Campionato del Mondo di Mendrisio nella prova a cronometro, al rientro da una squalifica di due anni a causa di una positività riscontratagli nell’agosto 2007 all’indomani del Tour de France.
Kashechkin si è proposto alla Lampre-Farnese Vini con l'intento di correre nella seconda parte della stagione in corso. Dopo aver effettuato le necessarie valutazioni di prassi, il team del general manager Saronni ha deciso di integrare l'organico della squadra con il corridore kazako. Del possibile approdo del kazako in Italia si era parlato tre settimane fa, ipotizzando addirittura la partecipazione di Kashechkin al Tour de France. Evidentemente i tempi per la firma del contratto si sono prolungati, ma ora l'accordo è diventato realtà.
Copyright © TBW
COMMENTI
ottimo
8 luglio 2010 10:22 fracarro
grande corridore per una grande squadra. Forza lampre sempre!

Scelte...
8 luglio 2010 13:07 foxmulder
Come ho già scritto altrove, nei panni di Saronni non l'avrei preso. Fosse stata una buona scelta credo che l'Astana dell'amico (di Kashechkin) Vino l'avrebbe anticipata. Il problema della Lampre non è l'organico, ma nella guida tecnica e nella preparazione atletica, specie quella di Cunego...

la scuola.
8 luglio 2010 13:47 limatore
prendono i migliori giovani e poi gli affiancano personaggi del genere, e in più si affidano a personaggi poco "trasparenti". La Lampre a mio avviso è lontana lontana dal voler cambiare.

lo sponsor
8 luglio 2010 19:06 Cada
L'anno scorso, durante la tappa di milano, credo lo ricorderanno tutti, quasi tutti i corridori protestarono per la pericolosità del circuito. In ammiraglia lampre c'era patron galbusera, che inveì contro i propri corridori, minacciandoli di non ricordo ben cosa se non fossero ripartiti! Quindi, a questi signori, della salute dei loro corridori non interessa proprio nulla! Il kazako può correre? Può portere a casa vittorie? Allora l'hanno portato a casa!

RIDICOLI
8 luglio 2010 21:20 vespa
non cambiera' MAI NIENTE,,,,

settari
8 luglio 2010 22:28 stargate
Se fosse approdato alla squadra di Fanini, che avrebbero detto i vari limatore e compagnia? Si sarebbero sperticati in elogi per il salvatore, per colui che si batte per il recupero dei dopati.... Per dirla alla Totò, ma mi facciano il piacere...

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Quella di Dario Cataldo è una quarantena un po’ differente rispetto a quella che stiamo vivendo in Italia. Abbiamo infatti raggiunto telefonicamente a Balerna, nel Canton Ticino, il portacolori del Team Movistar che ha raccontato a tuttobiciweb le sue giornate,...


  Il 29 maggio 2016, 50 anni dopo la vittoria al Giro d’Italia, Gianni Motta organizzò una festa per raccontarsi e farsi raccontare. Corridori, direttori sportivi, giornalisti. E storie, avventure, retroscena. Molto era rimasto nei miei appunti. Eccolo qua. LA...


I divieti sono sempre difficili da osservare e ogni tanto qualcuno cerca di sfuggirvi. Nonostante un decreto governativo vieti di svolgere l’attività sportiva in bicicletta all’aperto, c’è sempre qualcuno che ci prova. È successo anche ieri a Otranto, con uno...


A pochi chilometri di distanza dalla celebre Università di Oxford, c’è quella che possiamo considerare una sor­ta di Università, oppure un Master, del ciclismo: la Holdsworth-Zappi. Siamo abituati a vederla in tutti gli appuntamenti dilettantistici più importanti in Italia, dal...


Volete conoscere le curiosità più interessanti, gli aneddoti più simpatici ed i segreti più nascosti delle grandi campionesse del ciclismo in rosa? Le appassionanti dirette Facebook del team Alè - BTC Ljubljana sono in rampa di lancio! Cinque imperdibili appuntamenti...


Davide Dapporto è un ragazzo romagnolo, un ragazzo del 2001. Si accorge di avere dei numeri da corridore quando in famiglia il nonno Giovanni e il papà Diego, entrambi ex dilettanti di stampo buono, gli parlano di ciclismo. La sua...


Diciamolo, anche se sottovoce, a tutti noi piacerebbero bici molto leggere, sempre. Per farlo servono telai leggeri, ruote leggere ma anche tante piccole accortezze come suggerito dal vasto catalogo di Carbon-Ti. Perni passanti, viteria, corone, collarini, dischi, insomma, l’elenco è lungo...


Una triste notizia in questa ultima domenica del mese di marzo. E’ morto a Prato (risiedeva nella frazione di Iolo) all’età di 80 anni, Giordano Paolini personaggio conosciutissimo nel ciclismo non solo toscano. Qualche giorno fa sottoposto al tampone per...


  Si è risvegliato. Giancarlo Ceruti ex presidente della Federazione Ciclistica Italiana sta mostrando piccoli ma significativi segni di miglioramento e a confermarcelo è Luigi Rossi, presidente della Polisportiva Camignone, da sempre amico fraterno di Ceruti. È lo stesso Rossi,...


“Sto bene, martedì prossimo avrei dovuto operarmi di nuovo, ma in questo momento di blocco totale non è possibile. Non vorrei parlare però di questo problema e distogliere l’attenzione dalle situazioni ben più serie legate all’attualità”. E’ un Domenico Pozzovivo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155