Valverde, il Tas discuterà il caso dal 12 al 14 gennaio 2010

| 15/12/2009 | 13:06
Il TAS ha finalmente fissato le udienze sul caso Alejandro Valverde.
Dal 12 al 14 gennaio si discuterà il ricorso presentato da Valverde contro CONI, UCI e Wada in relazione alla squalifica di due anni inflitta al corridore dal Coni sul territorio italiano: si tratta dell’udienza rinviata il 16 novembre scorso proprio per ammettere al ricorso Uci e Wada.
Invece, il ricorso presentato da UCI e wada contro la Federación Española de Ciclismo sarà discusso dal 18 al 21 marzo 2010.
Copyright © TBW
COMMENTI
15 dicembre 2009 16:05 bloom
Come ha sempre detto Fanini, Valverde deve pagare esattamente come accaduto a Basso. Lui, le istituzioni spagnole e tutti quelli che lo hanno aiutato fino ad oggi a prolungare la carriera devono smetterla. Finalmente è arrivata la resa dei conti se tutto andrà come penso, a Fanini gli devono assegnare subito il premio Nobel!

giusto bloom!
15 dicembre 2009 17:40 roger
Chi ci ha rimesso di più in questi ultimi anni è Basso ma anche Ulrich e qualcun'altro di secondo piano. Ora è giusto che Valverde esca di scena per sempre visto che ha continuato a frodare con l'appoggio della sua Spagna e non solo.........
Di recente ho letto dichiarazioni di Fanini dove quest'ultimo indicava Basso come il più forte del mondo nelle corse a tappe se fossero tutti puliti e devo dire che quest'anno l'ha veramente dimostrato se guardiamo chi l'ha preceduto in classifica.
L'ideatore di chi ha pensato di fare beccare Valverde quando durante il Tour che arrivava in Italia, è stato un genio. Altrimenti Valverde non lo avrebbe fermato nessuno. In Italia non può più correre e speriamo che prossimamente avrà quello che si merita, cioè la radiazione come dovrebbe subìre anche Rebelli. E via con il premio nobel a Fanini, se è stato l'ideatore

per roger
15 dicembre 2009 17:57 marcopolo
Secondo te l’operazione Valverde è stata studiata a tavolino da una mente che senz’altro vuole bene al ciclismo. Non sapevo di questa storia ma in effetti il pensiero più attendibile su chi potrebbe essere stato, va subito a Ivano Fanini il cui nome in molti articoli si trova spesso in concomitanza con i Nas e con Ettore Torri, anche se devo dire che di recente l'ha attaccato, a ragione, sulla questione Cannavaro.
Che Fanini lavori in incognito per i Nas? Tutto è possibile ma l’unica certezza è che è uno dei pochi che davvero sta dando l’anima per ripulire il ciclismo. Per questo meriterebbe il premio più prestigioso che esiste nello sport

15 dicembre 2009 18:36 serbis69
Ecco, questa è una bella notizia! Speriamo proprio che si levi di torno per sempre. Ha preso per i fondelli tutti ma stavolta non avrà scampo. Se il merito è davvero di Fanini, e lo credo anch'io, tanto di cappello e che sia preso ad esempio da tutti.

Valverde Campione del Mondo
15 dicembre 2009 19:41 ruben
E' un titolo che ha sfiorato molte volte ma da quanto ho capito presto vincerà la maglia di campione del mondo degli imbroglioni e si beccherà, speriamo, la radiazione.
Grazie Fanini, siamo in tanti con te che non puoi immaginare!

QUALE ARTIFICIO DIABOLICO SARA' STAVOLTA CONGEGNATO PER UN NUOVO RINVIO ?
15 dicembre 2009 20:18 renzobarde
..questo è il pensiero che mi assilla ! Ormai il caso Valverde è il "caso mondiale" della vergogna e della ingiustizia, paradigma del "tutto è (il)lecito" per evitare la squalifica a vita e la giusta penale prevista dalle normative .Renzo Bardelli

Non illudiamoci
15 dicembre 2009 23:37 pickett
Vedrete che la farà franca anche stavolta.Scommettiamo?Spero tanto di sbagliarmi,ma credo che l'unico modo per fermare quel ladro é il vecchio sistema di mettergli una pompa in mezzo ai raggi;preferibilmente in discesa.

spagna
16 dicembre 2009 00:28 ale63
SPAGNA LADRONA!!!!!

appagamento
16 dicembre 2009 16:43 scatto
mi sembra che i tifosi italiani squalificato valverde si sentono piu' appagati ma di che non so.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La Movistar è la storia del ciclismo moderno. Può sembrare un'affermazione forte, ma diventa lampante se pensiamo che questa squadra, quattro decenni e altrettanti nomi fa, è nata nel 1980. E c'è un uomo che, prima come direttore sportivo e...


Inizia l’ultima settimana del Giro d’Italia 2024 dopo la giornata di riposo della carovana a Livigno, con il suo abitato che si sviluppa in lunghezza parallelo all’andamento delle cime che lo contornano. il “piccolo Tibet”, così detto per l’elevata quota...


Seconda vittoria italiana al Tour of Japan 2024 e bis per il JCL Team UKYO: dopo il successo di Malucelli, oggi è arrivata l’affermazione di Giovanni Carboni. Nella tappa con partenza ed arrivo ad Inabe, il 28enne ciclista marchigiano ha...


Dopo lo straordinario spettacolo che ci ha regalato Tadej Pogacar nella tappa di domenica e dopo il secondo giorno di riposo, il Giro d'Italia parte per affrontare la sua ultima settimana. Se la vittoria finale appare saldamente nelle mani del...


Una nuova realtà che unisce scienza e conoscenza, tecnologia ed esperienza, capacità e innovazione e mette tutto al servizio del ciclista, tanto dei campioni quanto dei cicloamatori e di coloro che in bicicletta semplicemente amano pedalare alla scoperta del mondo....


  Il primo ad apparire è Felice Gimondi: maglia Bianchi, mani strette al manubrio, il simbolo della volontà. Dopo di lui – dopo di lui!, dopo! – c’è Eddy Merckx: maglia iridata, braccia al cielo, il gesto del trionfo. Ecco...


Un poco alla volta le notizie su Jonas Vingegaard iniziano ad arrivare. Il due volte vincitore del Tour de France, dopo aver lasciato l’ospedale in Spagna, era tornato in Danimarca a Glyngøre e nelle scorse settimane aveva postato una foto...


In questi giorni le tinte rosa del Giro dominano l’Italia ma Piacenza sta cominciando a colorarsi di giallo Tour. La cittadina emiliana, sede di partenza della terza tappa della Grande Boucle 2024, si sta preparando allo storico evento del prossimo...


“Un giro nel Giro”, il circuito di pedalate amatoriali, dedicato a clienti e appassionati ciclisti, sul percorso del Giro d’Italia organizzato da Banca Mediolanum, da ventidue anni sponsor ufficiale della Maglia Azzurra del Gran Premio della Montagna, è pronto a...


Ci sono novità ai vertici di Specialized: Armin Landgraf è il nuovo CEO in sostituzione di Scott Maguire, che guiderà la nuova divisione di innovazione e tecnologia del marchio. per proseguire nella lettura vai su tuttobicitech.it  


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi