Cunego: tra i favoriti del Giro ci sono anch'io

| 06/05/2009 | 08:33
«Saro' in grado di vincere il Giro? Sinceramente non lo so: di sicuro sabato partiro' da Venezia nel novero dei favoriti, tra i quali vedremo chi sara' capace di conquistare la maglia rosa finale a Roma».
Il vicecampione del mondo Damiano Cunego non nasconde le proprie ambizioni in vista della massima corsa a tappe italiana in cui torna dopo un anno di assenza.
«Dal 2003 al 2007 ho corso ininterrottamente il Giro - dice ancora Cunego, vincitore della corsa rosa nel 2004 -: per la mia sesta esperienza mi sento motivato e rilassato anche se ogni edizione presenta sempre aspetti e impegno differenti dalle altre».
Cunego, 27 anni, indica poi la griglia dei suoi avversari piu' pericolosi: «Ivan Basso potrebbe tornare sui livelli di tre anni fa, quando conquisto' il suo unico Giro. Mi sembra in grande condizione. Sul fronte straniero, ho seguito il recente Tour di Gila in New Mexico e ho preso atto della condizione eccellente di Levi Leipheimer, mentre Lance Armstrong andra' verificato sulle sue reali capacita' di recupero dalla frattura alla clavicola di fine marzo».
Per garantirsi la migliore preparazione, il leader della Lampre, quarto al Giro 2006 e quinto nell'edizione successiva, ha effettuato negli ultimi giorni allenamenti anche di sei ore pedalando per 220 chilometri.

Copyright © TBW
COMMENTI
Ma che si decida...
6 maggio 2009 09:29 The rider
Una volta dice che che è tra i favoriti, un'altra che non lo è e che la corsa dovranno farla gli altri, adesso che è tra i favoriti...
Mi sa che non sa nemmeno lui cosa potrà fare!!!
Comunque dopo avere deluso alle classiche e non avere centrato il promo obiettivo di stagione (Liegi), vedremo cosa sarà capace di fare al Giro...
Maurizio Ponti.

PS: Se veramente i km (e le ore di allenamento) sono quelle dichiarate, ...sembrano un pò scarsi per poter vincere un Giro!!

Damiano
6 maggio 2009 09:38 rufus
Certo, tra i favoriti Cunego entra sicuramente, anche se personalmente penso sia più uomo da classiche che da grandi giri. Un vantaggio potrebbe arrivargli dal fatto di non avere una pressione eccessiva, e di poter quindi correre in modo relativamente tranquillo. Già dalla cronosquadre potremo capire qualcosa, se riuscisse a contenere il distacco dagli altri favoriti, soprattutto Basso e Armstrong/Leipheimer, che dispongono sulla carta di formazioni più attrezzate per la crono, nelle prime salite potrebbe far bene.

cunego e il giro
6 maggio 2009 10:05 franco
anche se sono e tale resterò un acceso tifoso di cunego,credo che damiano in salita non riuscirà a tenere il ritmo dei migliori perchè la sua pedalata non è più quella di alcuni anni fà.ne ricerchi profondamente le cause e allora ne sono convinto potrà ritornare a lottare per vincere un grande giro.le qualità non gli mancano.

CUNEGO
7 maggio 2009 01:11 ale63
NON LO VEDO ASSOLUTAMENTE TRA I FAVORITI.. PURTROPPO SULLE SALITE VERE, NON TIENE IL PASSO DEI MIGLIORI.. ALE

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Fin dai primi sussidiari ho sempre visto il Belgio come un Paese piccolino, diciamo come una grande regione italiana, o giù di lì. Improvvisamente, guardando il Mondiale australiano, ho compreso una volta di più che i concetti di piccolo e...


Remco EVENEPOEL. 10 e lode. Gioca con gli avversari e si diverte anche. Ci diverte, eccome. Ci tiene svegli e ci riempie il cuore. Vince un mondiale alla sua maniera (parte a due giri dalla fine e arriva con più...


Un autentico capolavoro, una gara straordinaria, l'ennesima impresa di un corridore giovanissimo che non ha certo finito di stupire. Remco Evenepoel è il ritratto della felicità: «È la mia seconda maglia iridata, ma non si può paragonare questa vittoria al...


Daniele Bennati commenta il suo primo mondiale da commissario tecnico: «E' un bilancio sicuramente positivo per l'atteggiamento dimostrato. Purtroppo c'è il rammarico per il poco che abbiamo raccolto in rapporto a quanto seminato. Abbiamo avuto due volte la possibilità di...


Tadej Pogačar era considerato uno dei favoriti assoluti per vincere il Mondiale australiano ma qualcosa non ha funzionato e lo sloveno, con l’amaro in bocca, ha chiuso in diciannovesima posizione. Tadej in questa corsa cercava il riscatto dopo un Tour...


Soddisfazione e un pizzico di rimpianto: sono questi i sentimenti che albergano nel cuore degli azzurri al termine del campionato mondiale 2022. A caldo, queste le considerazioni dei nostri rappresentanti. Lorenzo Rota è stato protagonista di una bellissima corsa: «Nell’ultimo...


Van Aert oggi poteva conquistare una medaglia e salire sul podio con il suo connazionale Remco Evenepoel, che ha conquistato la maglia iridata, ma qualcosa non ha funzionato e il fiammingo si è dovuto accontentare del quarto posto. Poteva essere...


Julian Alaphilippe non ha vinto il suo terzo Mondiale consecutivo ma non c’è nessun rimpianto da parte sua. La vittoria è andata al suo compagno di squadra Remco Evenepoel, con il quale ha un forte legame: «Ha vinto il più...


La Francia ha animato la corsa in linea maschile dei Mondiali di Wollongong 2022. Alla fine Evenepoel è stato troppo forte, ma un argento in volata con Christophe Laporte è arrivato. Questo il commento a Eurosport di Romain Bardet: «Volevamo...


Alexey Lutsenko è stato il corridore che è andato più vicino a rimanere alla ruota di Remco Evenepoel nella corsa in linea maschile dei Mondiali di Wollongong. Alla fine però il kazako, vincitore iridato Under 23 dieci anni fa, è...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach