Coppi&Bartali: Cunego concede il bis

| 26/03/2009 | 15:37
Straordinaria doppietta del veronese Damiano Cunego che, dopo il successo di ieri sul traguardo di Faenza,  ha conquistato oggi la terza tappa della Settimana Internazionale di Coppi e Bartali – Trofeo UniCredit Banca che si è corsa da Borgo San Lorenzo a Serramazzoni.
La frazione più attesa della gara a tappe organizzata dal Gruppo Sportivo Emilia ha così sancito il netto dominio del portacolori della Lampre – NGC che, a due giornate dalla conclusione, guida anche la classifica generale.
La prima azione di giornata, dopo 18 chilometri, ha visto portarsi al comando 13 unità: Mario Aerts (Silence Lotto), Paolo Tiralongo (Lampre Ngc), Kjell Carlstrom (Liquigas), Danilo Napolitano (Team Katusha), Jurgen Van Goolen (Team Saxo Bank), Kanstantsin Siutsou (Team Columbia High Road), Matteo Montaguti (Lpr Farnese Vini), John Lee Augustyn (Barloworld), Marco Frapporti (Csf Group Navigare), Eddy Ratti (Amica Chips Knauf), Luca Celli (Serramenti Pvc Diquigiovanni Androni Giocattoli), Maxim Belkov (ISD) ed Enrico Rossi (Ceramica Flaminia Bossini Docce).
In vista del finale particolarmente impegnativo il gruppo non ha concesso molto spazio a questa azione che, lungo la discesa, ha proiettato al comando la coppia formata da Enrico Rossi e Marco Frapporti.
Successivamente Frapporti, lungo la salita verso Pavullo (chilometro 132), ha perso contatto da Rossi che è stato poi raggiunto da Kanstantin Siutsou e Felix Cardenas, fuoriusciti nel frattempo all’inseguimento.
Poco prima del primo passaggio a Serramazzoni anche Rossi cede e lascia via libera ai due compagni d’avventura che sono transitati con un leggero margine di vantaggio (16”) sul gruppo guidato dai portacolori della Lampre – Ngc.
L’incerto finale regala grandi emozioni; a poco più di 10 chilometri dalla conclusione rimane solo al comando Cardenas, raggiunto poco dopo dal gruppo dei migliori.
In vista dell’inizio del giro conclusivo, a 7 chilometri dall’arrivo, è stato l’austriaco Pfannenberger a rompere gli indugi.
L’azione del portacolori del Team Katusha ha frazionato il gruppo di testa portando al comando un drappello di otto unità: Damiano Cunego (Lampre Ngc), Cadel Evans (Silence Lotto), Cristian Pfannenberger (Team Katusha), Michael Rogers (Team Columbia High Road), Robert Kiserlovski (Amica Chips Knauf), Gianpaolo Caruso (Ceramica Flaminia Bossini Docce), Pierpaolo Tondo (Miche Silver Cross) e Miguel Angel Rubiano Chavez (Centri della Calzatura Marche).
Alle spalle dei battistrada, il gruppo con il leader Giovanni Visconti, si è mantenuto sempre a meno di 15 secondi di ritardo.
Ad un chilometro dall’arrivo Cadel Evans ha allungato trascinando con se Damiano Cunego che ha preceduto l’australiano nello sprint a due mentre, leggermente staccato, al terzo posto si è classificato l’austriaco Christian Pfannenberger
 
Domani si correrà la quarta tappa che sarà dedicata alle ruote veloci del gruppo. Da Massa Finalese a Finale Emilia saranno 178,5 chilometri da vivere tutti d'un fiato. Dopo la partenza nel cuore dell'Emilia si tocca San Martino Spino, Bondeno, Cento, sede del famoso carnevale, Crevalcore e Camposanto, quindi il gruppo farà il suo ingresso a Finale Emilia, dove iniziano 8 giri di 8,5 km.
Domani Rai Sport Più alle ore 17,00 trasmetterà un’ampia sintesi della quarta  frazione.

Ordine d'arrivo
1) Damiano Cunego (Lampre Ngc);
2) Cadel Evans (Silence Lotto);
3) Cristian Pfannenberger (Team Katusha);
4) Robert Kiserlovski (Amica Chips Knauf);
5) Massimo Giunti (Miche Silver Cross);
6) Miguel Angel Rubiano Chavez (Centri della Calzatura Marche);
7) Przemyslaw Niemiec (Miche Silver Cross);
8) Giampaolo Caruso (Ceramica Flaminia Bossini Docce);
9) Michael Rogers (Team Columbia High Road);
10) Juan Mauricio Soler Hernandez (Barloworld)
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il giorno dopo l’Amstel Gold Race il vento del nord porta con sé rumors di mercato che riguardano Demi Vollering. La campionessa nazionale dei Paesi Bassi, che nel 2023 ha messo la sua firma su 17 delle 62 vittorie della...


Per un attimo avevamo quasi pensato fosse un talento destinato a perdersi, invece Tobias Foss c’è ancora, eccome se c’è. Il norvegese classe 1997 ha vinto la prima tappa del Tour of the Alps 2024, imponendosi un po’ a sorpresa...


Mattia Bais è stato uno dei tre corridori a salire sul podio delle premiazioni al termine della prima tappa del Tour of the Alps 2024. Il trentino classe 1996 si è infatti guadagnato sul campo, dopo una giornata spesa quasi...


Gerben Thijssen ha ripreso ad allenarsi meno di due settimane dopo l'incidente di mercoledì 3 aprile nella Scheldeprijs, durante la quale ha riportato la rottura parziale dei legamenti della parte esterna della caviglia.Il 25enne corridore belga, vincitore del Trofeo Palma...


Tobias Foss e la Ineos Grenadiers mettono il sigillo sulla prima tappa del Tour of the Alps 2024, la Egna-Cortina Sulla Strada del Vino di 133 km. Il norvegese, già campione del mondo a cronometro nel 2022, ha regolato allo...


Lazer, azienda che progetta e realizza caschi da oltre 100 anni, ha da sempre come primo obiettivo quello di garantire più sicurezza ai ciclisti ma si dimostra lungimirante dedicando parte della sua grande attenzione all’ambiente. In quest’ottica il nuovo casco Verde...


Segnatelo in agenda con il circolino rosso: quello di domenica 21 in diretta su tuttobiciweb è un papuntamento di quelli da non mancare. Il clou della giornata dedicata al Bikefestival Lodigiano che si svolgerà a Graffignana sarà il 4° Memorial...


Una domenica a tutto ciclismo, quella che ci attende il 21 aprile con il Bikefestival Lodigiano che si svolgerà a Graffignana con la regia organizzativa del Pedale Casalese Armofer del presidente Mario Massimini e del general manager Luca Colombo che...


Le bici sono spaziali, i caschi formidabili, i body superaerodinamici… bello, tutto perfetto. Ma per ottenere una grande performance, come quella che sarà necessaria per puntare all’oro olimpico, quello che conta maggiormente è la “macchina umana”. A Parigi i quartetti,...


Perché cambiare se le cose sono andate bene? È quanto deve aver pensato Geraint Thomas nel programmare la sua stagione 2024, che prevede, così come nel 2023, il Tour of the Alps prima del Giro d’Italia. «Mi sento abbastanza bene...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi