BALSAMO. «UN RITORNO DIFFICILE, MA QUANTA EMOZIONE...»

DONNE | 23/06/2024 | 08:15
di Giorgia Monguzzi

Ieri in Toscana Elisa Longo Borghini si è presa di potenza il quinto titolo tricolore con un attacco da lontano ed un’orchestrazione praticamente perfetta della sua squadra. A fare festa nella Lidl Trek c’era anche un’emozionatissima Elisa Balsamo al ritorno alle corse a più di un mese di distanza dalla terribile caduta nella prima tappa della Vuelta Burgos. Il ritorno dell’ex campionessa del mondo era un’incognita gigantesca e lei stessa sui social, due giorni prima della gara aveva dato la bellissima notizia che avrebbe riattaccato il numero dietro la schiena.


«E’ stato bellissimo poter ritornare in corsa, soprattutto in occasione del campionato italiano che è sempre una gara per me molto speciale. Il mio obiettivo era provare a ritrovare in gruppo, sentire il feeling con la bici e posso dire che il mio ritorno è appena iniziato. E’ stata una rassegna tricolore molto speciale che forse mi ha emozionato più delle altre, eravamo tutte per Elisa Longo Borghini e sono contenta che sia riuscita a confermare il titolo, è una vittoria di tutte» ci ha spiegato proprio Elisa Balsamo, con un sorriso immenso dopo il traguardo. Se il campionato italiano doveva essere una prova, possiamo dire che l’ha superata in pieno, visto che a conti fatti la piemontese non solo ha terminato la corsa, ma si è pure portata a casa una bella sesta piazza. +


E’ impossibile dimenticare quelle immagini in televisione con Elisa Balsamo praticamente immobile tra le transenne della Vuelta a Burgos e di un’Ilaria Sanguineti quasi impietrita di fronte alla sua compagna. La paura è stata tanta ed è con quella che Elisa ha dovuto lottare per rimettersi in sella  «E’ stata una caduta bruttissima e nonostante dall’esterno il mio ritorno alle corse sia stato facile in realtà è stato molto complicato - ha proseguito Elisa Balsamo -: il mio più grande timore era non riuscire ad affrontare la gara a causa della paura, ma poi tutto è passato. Volevo tornare a tutti i costi, ci ho messo tanta determinazione e impegno, ho fatto fisioterapia e tutto quello che mi era possibile e ora posso dire di essere pronta ad aumentare gli allenamenti per tornare ad alti livelli. E’ stato un cammino difficile che è ancora molto lungo, ma non ci sarei mai riuscita senza la mia famiglia, lo staff e delle compagne di squadra che sono sempre state al mio fianco».

Ormai abbiamo preso l’abitudine a vedere Elisa Balsamo gioire ed emozionarsi, ma questa volta insieme alla festa per la riconferma del tricolore della compagna di squadra Elisa Longo Borghini c’era molto di più. Nelle parole, nello sguardo della ex campionessa del mondo c’era la consapevolezza di essere ritornata, di avercela fatta. «Ora farò di tutto per essere al via del Giro, poi chissà, spero di rimettermi al meglio» ci dice e noi ci auguriamo di vederla il 7 luglio a Brescia, pronta per gettarsi nella mischia del Giro Women.




Copyright © TBW
COMMENTI
Che coppia
23 giugno 2024 11:20 frakie
Che coppia le due Elise. Da tifoso sono veramente contento per il rientro della Balsamo. E' tanta roba finire in quel modo una gara così dura e tirata. Non poteva desiderare e fare di meglio. L'altra Elisa, beh aveva in mente il poker e l'ha fatto alla sua maniera. Olimpiadi e mondiale: vi aspettiamo.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Tadej POGACAR. 10. “Gna fà”, non ce la fa a regalar tappe. È un agonista e come tale si comporta. Non è qui per fare le pierre, è qui per vincere il Tour de France, a viso aperto. I saggi...


Ancora una volta UAE Development Team conquista una Top 5 e ancora una volta la velocista Sara Fiorin ha ottenuto un buon risultato. Dopo il terzo posto conquistato nella seconda tappa del Baloise Ladies Tour oggi è andata in scena...


In questo Tour de France non ce n'è per nessuno, anche sulle Alpi Marittime Tadej Pogacar (UAE) va a prendersi il suo trionfo vincendo l'ennesimo duello di questa edizione con Jonas Vingegaard (Visma Lease a Bike). A completare il podio della...


Dopo 17 anni è tornato il ciclismo dilettanti sul circuito collinare empolese di Corniola ed al termine di una gara selettiva con soli 23 arrivati sui 94 partenti, è stato il valdarnese di Incisa Matteo Regnanti ad aggiudicarsi il Gran...


La legge della salita è una sola: chi ha le gambe vince. E questa è anche la legge di Jarno Widar (Lotto Dstny Development) che a Champoluc si prende tappa e maglia gialla di leader. Il belga, già vincitore del...


Doppio colpo per Erazem Valjavec al Giro del Veneto juniores. Il figlio d'arte della Autozai Contri trionfa nell'arrivo in salita a Passo Croce d'Aune dove lo sloveno si scatena rifilando 40" ad Andrea Bessega (Borgo Molino Vigna Fiorita) e 43"...


Questa settimana Radiocorsa va in onda oggi, sabato 20 luglio, alle 18 su Raisport. Per celebrare due donne, due cicliste, che hanno fatto grande il movimento azzurro negli ultimi tempi. La piemontese Elisa Longo Borghini, con la sua vittoria al...


Era un pistard e con la maglia gialloblu della nazionale ucraina aveva partecipato a diverse edizioni dei campionati europei stabilendo anche dei record nazionali nel km da fermo e nella velocità a squadre. Andreyi Kutsenko aveva studiato all'università di Leopoli,...


Le lacrime e il lungo abbraccio con la moglie Trine: questa è l’immagine di Jonas Vingegaard dopo il traguardo a Isola 2000. Il danese che il Tour lo ha vinto già due volte, nella diciannovesima tappa si è arreso, ammettendo...


Qualcuno lo ha definito il nuovo Cannibale, perché non ha lasciato vittorie a nessuno. Lo sloveno domenica a Nizza salirà sul podio del vincitore e per lui questo sarà il terzo successo finale al Tour de France. «Quando Simon Yates,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi