L'ORA DEL PASTO. IVREA E UNA GRANDE INVASIONE DA... RIPETERE, PER DIECI MOTIVI

NEWS | 05/06/2023 | 08:00
di Marco Pastonesi

Estate, festival, non solo cinema e musica, teatro e scienza, economia ed ecologia, ma anche letteratura. E anche quella letteratura legata alla bicicletta e al ciclismo. Così una serata raccontando Coppi ma anche Carrea, Pantani ma anche Siboni, Bartali ma anche Zanazzi e Zandegù, Merckx ma anche Bonini e Calvi, una serata di ciclismo a parole – raccontato più dalla parte dei gregari che dei capitani, più dalla parte degli ultimi che dei primi, più dalla parte delle comparse che dei protagonisti - nel programma di “La grande invasione”, undicesima edizione del festival della lettura, a Ivrea dall’1 al 4 giugno.


Ecco dieci buoni motivi per andare o tornare a Ivrea anche il prossimo anno.


- Gli incontri cominciano esattamente, se non addirittura prima dell’orario convenuto.

- Agli incontri partecipa tanta ma tanta di quella gente che c’è sempre un po’ di gente che ne rimane fuori.

- La gente è quanto di più trasversale si possa immaginare: grandi e piccoli (per i più piccoli è stata ideata “La piccola invasione”, un settore su misura), donne (molte più donne, si sa) e uomini, specialisti e non.

- Ivrea è stata la città della lettura nel 2022 (quest’anno è Genova) e vanta cinque librerie per ventimila abitanti, una bella media. Insomma, lì si sa quello che si legge.

- Il programma è fitto, ma non cannibalesco, così si può saltare da un appuntamento all’altro.

- Il programma contempla anche lo sport, non tanto, ma un po’, il giusto, e questo dà dignità a un genere letterario a lungo ritenuto inferiore.

- Gli autori invitati non sono soltanto quelli proposti o imposti in tv, anzi, sono soprattutto quelli che in tv vanno poco, pochissimo o niente.

- I luoghi degli incontri si raggiungono facilmente e rapidamente a piedi o in bicicletta.

- I luoghi degli incontri non sono solo cortili e librerie, ma anche chiese e club house (come quella della squadra di rugby locale).

- Presentatori e moderatori non approfittano del microfono per trasformare l’occasione in una passerella personale.

PS Fra l’altro, ho partecipato a un incontro con Paolo Cognetti (“Le otto montagne” e “La felicità del lupo”, entrambi pubblicati da Einaudi, da lui scritti e da me letti), in cui lo scrittore milanese spiegava tre libri decisivi per la sua vita: “Cattedrale” di Raymond Carver, “Due di due” di Andrea Di Carlo e “In Asia” di Tiziano Terzani. Bella idea, bell’incontro.

PPS Fra gli altri, ho incontrato - senza appuntamento - Paola Gianotti. E Paola non era in bici!

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Quando un essere umano arriva a spingere un 64, corona che in serata può tornare buona per servire la pizza a centrotavola, significa che quell'essere umano ha dentro una potenza spaventosa. Ganna più di tutti. La crono di Desenzano, piana...


Filippo GANNA. 10 e lode. Lacrime dolci singhiozzate con pudore. Parole spezzate dall’emozione di tornare a vincere sulle strade del Giro dopo tre anni. L’ultima corsa contro il tempo vinta dal gigante di Vignone era alla Vuelta: 5 settembre dell’anno...


Lacrime e commozione per Filippo Ganna, che al termine della cronometro di Desenzano sul Garda ha finalmente potuto festeggiare la sua vittoria alla corsa rosa. Nella prima cronometro a Perugia, il piemontese era arrivato secondo alle spalle di Pogacar, una...


E Filippo Ganna finalmente fa festa! Il campione italiano ha vinto la cronometro da Castiglione delle Stiviere a Desenzano del Garda: 35'02" il tempo di Top Ganna sui 31, 2 km del percorso, volati alla media di 53, 435 kmh....


Il norvegese Tord Gudmestad della Uno-X Mobility ha vinto in volata la Veenendaal Classic, disputata in Olanda sulla distanza di 171.8 km. Gudmestad ha preceduto nell’ordine Simon Dehairs della Alpecin-Deceuninck e Dylan Groenewegen del Team Jayco-AlUla. Ai poiedi del podio...


Sam Bennett, irlandese della Decathlon AG2R La Mondiale Team, ha vinto la quinta tappa della 4 Giorni di Dunkerque, la Arques - Cassel di 179.1 km. Per l’iorlandese, che ha preceduto Penhoet e Berfckmoes, si tratat del terzo successo in questa...


Freccia brittannica nella quinta tappa del Tour of Hellas, la Spercheiada - Chalkida di 196, 9 km: ad imporsi è stato infatti Dylan Hicks del Team Saint Piran che ha preceduto in una volata serratissima il polacco Rudyk e il...


Fallito un altro tentativo dei dirigenti Uae di convincere Pogacar a evitare rischi: dopo il colloquio, lo sloveno è sceso a colazione facendo le scale con lo skateboard. La Bora chiarisce che correre con attenzione quando c’è il vento è...


La Team SD Worx-Protime continua a dominare sulle strade della Vuelta a Burgos. la terza tappa - la Duero - Melgar de Fernamental di 122 km - si è conclusa con una volata che ha visto imporsi Lorena Wiebes che...


Wout van Aert è pronto per tornare in gara e il prossimo 23 maggio sarà al via del Giro di Norvegia, la piccola corsa a tappe che si concluderà il 26 maggio. Il 22 Van Aert parteciperà alla consueta conferenza...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi