SAN JUAN. JAKOBSEN: «AMO CORRERE, MA NON ACCETTO PIÙ FINALI DA PAURA»

INTERVISTA | 24/01/2023 | 09:00
di Giulia De Maio

Ieri è stato emozionante poter vedere in prima persona Fabio Jakobsen vincere la seconda tappa della Vuelta a San Juan. Dopo il suo terribile incidente al Tour de Pologne 2021 personalmente non mi era più capitato di vederlo alzare le braccia al cielo come inviata sul campo e ieri ho avuto l'impressione che in qualche modo fosse una nuova “prima volta”. «Amo correre e usare la mia bici. Il mio è un lavoro da sogno. Quello che ho passato dopo la caduta di due anni fa spero non debba mai provarlo nessuno. Io sono sopravvissuto e ho ritrovato la via del successo. È fantastico essere tornato a questo livello, sprintare è quello in cui riesco meglio. Resto umile e a ogni volata sento di avere una nuova occasione ogni volta. Sono felice di divertirmi ancora in sella» ha raccontato ieri dopo essere salito sul gradino più alto del podio di giornata, mentre io ripensavo al Tour of Guanxi 2018 quando lo conobbi per la prima volta.


All'epoca rimasi colpita dalla parlantina, dalla velocità di ragionamento, dalla consapevolezza nei propri mezzi di questo promettente velocista e scoprii che mamma e papà lo avevano chiamato Fabio in onore di Casartelli. Dopo quanto gli è accaduto il 26enne olandese della Soudal Quick Step è particolarmente sensibile alla sicurezza in corsa: «Il finale della prima tappa mi ha fatto paura, c'erano persone in strada e la deviazione finale non era chiara tanto che metà gruppo ha preso la via sbagliata. Io mi sono buttato sulla sinistra perchè mi sembrava la soluzione più sicura, non ho intenzione di rischiare nuovamente l'osso del collo. Come squadra siamo stati un po' sfortunati perchè ho perso Lampaert e Morkov, ma al traguardo ero felice che nessuno fosse caduto - confida. - La mattina successiva con i compagni ci siamo ripromessi di riprovarci perchè sapevamo che in uno sprint giusto saremmo stati i più veloci. Serry e Hirt controllano la corsa dal chilometro zero, Evenepoel prende in mano la situazione a 3 km dal traguardo e porta Lampaert fino al triangolo rosso, quindi Morkov mi lancia. Detta così suona semplice, ma la realtà è più complessa (sorride, ndr)».


Prima di ammirarlo nuovamente in azione oggi, gli chiediamo cosa dovrebbe fare l'UCI per rendere le corse più sicure. «Basterebbe far rispettare le regole che già ci sono, non esiste che la gente attraversi la strada quando stiamo arrivando. Il gruppo va veloce, deve avere una guida chiara e difese adeguate, non può trovarsi ostacoli e persone davanti. Non voglio cadere, soprattutto a inizio stagione e con tanti obiettivi nel mirino. La mia filosofia è “meglio perdere che cadere”. Le velocità sono alte, in questa corsa sono schierati 9 team World Tour quindi i picchi di velocità che raggiungiamo nei finali non sono da meno del Tour de France».

Copyright © TBW
COMMENTI
fabio
24 gennaio 2023 12:49 Mugica
Caro Fabio è così: bisogna anche saper frenare quando necessario. Non c'è NESSUNA corsa che valga la propria salute.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Qui di seguito il comunicato della Israel Premier Tech che comunica la propria formazione per il Tour de France, dal quale si evince che per il secondo anno consecutivo Chris Froome non parteciperà alla corsa che fu sua per 4...


Un'assenza che fa rumore, quella di Remco Evenepoel al campionato nazionale in programma domenica. Il campione belga in carica ha annunciato che non correrà a causa di un raffreddore che lo ha colpito nelle ultime ore. La Soudal Quick...


Finale convulso e movimentato al termine della prima tappa (partenza ed arrivo a Pontedera) del terzo Giro della Valdera, gara nazionale per juniores organizzata dalla società “Una Bici X Tutti”. Ha vinto al fotofinish Riccardo Colombo al secondo successo stagionale...


Jasper Philipsen e Mathieu van der Poel continueranno a correre insieme fino al 2028 e avranno la possibilità di conquistare ancora tante vittorie. Oggi nella conferenza stampa dell’Alpecin-Deceuninck, Philipsen ha annunciato il suo rinnovo di contratto, che sarà quindi fino...


Nuovo successo in Sudamerica per la squadra  di Gianni Savio e Marco Bellini  che si è imposta con il giovane scalatore Cristian Rico sul traguardo di Ipia nella sesta tappa della Vuelta Colombia. Il leader Rodrigot Contreras ha mantenuto il...


Quello che scatta sabato 29 da Firenze sarà un Tour speciale per un corridore speciale: Romain Bardet. Che affronterà la Grande Boucle per l'ultima volta ma proprio alla vigilia ha firmato un prolungamento di contratto con il Team dsm-firmenich PostNL:...


Domani mattina incontrerà Papa Francesco. Un passaggio importante per il numero uno del Tour de France, Christian Prudhomme, che in questo anno molto “italiano” si è riempito gli occhi di bellezze italiche e domani si riempirà il cuore con l’incontro...


Un brutto colpo per il corridore e per la squadra: la Lidl Trek ufficializza la rinuncia di Tao Geoghegan Hart al Tour de France. Il corridore britannico è ancora alle prese con le conseguenze di un Delfinato sfortunato, nel quale...


In un ciclismo moderno in cui la contaminazione e la multidisciplina è diventata una bellissima realtà, ecco per voi la proposta SRK di Sportful,  un cycling kit che fa della versatilità la propria arma. Strada, gravel ed mtb, decidi con che...


Dal vaffa ricevuto da Tadej Pogacar sul Monte Grappa a un appello ai tifosi perchè non sbaglino come lui. La storia a lieto fine ha come protagonista Renato Favero,  un uomo di sport navigato ed esperto che al penultimo giorno del...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi