BLABLABIKE, RICCÒ: «IO CROCIFISSO A VITA, VORREI POTER INSEGNARE AI RAGAZZI COME RIALZARSI»

TUTTOBICI | 23/11/2022 | 08:15
di Nicolò Vallone

Noi con un'assistita E765 Optimum di Look, lui con completo griffato dal gruppo Zecchetto (bici Cipollini, maglia Alé, scarpe DMT) abbiamo pedalato sui colli vicino Vignola, nel modenese, con Riccardo Riccò. Il Cobra di Formigine, passato dai successi a Giro e Tour all'essere uno dei tre soli ciclisti radiati per doping al mondo, come saprete ha una nuova vita fatta di ottimo gelato e torte a più piani: abbiamo voluto entrare in questa sua quotidianità per una mezza giornata novembrina, non per ripercorrere il corridore e la "testa calda" ma per conoscere l'uomo di oggi.


Oltre a Riccò, protagonisti della puntata 141 di BlaBlaBike sono Luca Scinto e Matteo Trentin


Per ascoltare questo podcast CLICCA QUI o corri sul nostro canale Spotify.
Se non hai mai provato e non sai come fare, allora schiaccia il tasto qui sotto: è facile! 

Copyright © TBW
COMMENTI
Auguri
23 novembre 2022 10:11 frakie
Bravo che si è rifatto una vita al di fuori del ciclismo. Ma ne ha fatte di cotte e di crude, facendo del male al movimento. Ora lavora e pedala per divertimento e consiglia chi ti avvicina, di non commettere gli errori che ti sono costati tanto. Buon gelato e buone pedalate.

La semplice verità
23 novembre 2022 16:19 pickett
La sua colpa è stata quella di farsi beccare;nel ciclismo vale la morale dell' antica Sparta.Se poi vogliamo sottilizzare,anche qualcuno che si è fatto beccare,chissà perchè ,viene ugualmente riverito e imbrodato da tutti.Mi vengono in mente un paio di celebratissimi spagnoli...I misteri del ciclismo.

Mai rimpianto
23 novembre 2022 23:34 Elebergo67
Gente come Riccò non saranno mai rimpianti da nessuno. Il fatto che siano solamente 3 i radiati a vita la dice lunga sulla serietà del sistema antidoping.

Pickett
23 novembre 2022 23:45 Buzz66
Giusto per capire…uno dei due celebratissimi a 42 anni dava ancora lezioni di ciclismo in gruppo e l’altro è stato CONDANNATO per una stupidaggine solo perché spagnolo, sia ben chiaro.
Sentenza politica.
Un conto è buttarsi in corpo tutto ciò che si è buttato il cobra di Formigine, un altro è una quantità infinitesimale di clenbuterolo che da SENTENZA DEL TAS è stata una evidente contaminazione alimentare.
Odio le ipocrisie, Riccò ha fatto ciò che facevano quasi tutti, ma non è giusto paragonarlo a quei due fuoriclasse.
Anche se sono convinto che lui fosse forte, con o senza chimica…

Riccardo questa è la giustizia italiana
24 novembre 2022 06:47 Roxy77
Nell'intervista dice la verità ed ammette come in passato le sue colpe ma lui ha ricevuto una pena ingiusta esagerata la radiazione.....altri suoi colleghi allenano team wt in nazionale fanno gli opinionisti e lui non può nemmeno andare ad una corsa....questa è giustizia , equità...ma
Forza Corba nella vita stai vincendo

Il Giovane Riccò
24 novembre 2022 07:24 Bosc79
è stato pescato con la" meni nella marmellata "più volte nella sua cariare anche nelle categorie inferiori...... nonostante ciò reputo un talento purtroppo rimpianto.....Per @Buzz66 ricordati l'Operazione Puerto che probabilmente riavrebbe riscritto pagine e pagine di ciclismo sopratutto del movimento Spagnolo!!

Ipocrisia
24 novembre 2022 10:16 Bullet
Lo ha detto bene, l'ipocrisia del ciclismo, ed è questo che frena il ritorno in alto dello sport per eccellenza. Per fare certe cose non basta il doping se no sarebbero tutti fenomeni e non è così, spero che se mai un giorno avessimo di nuovo un grande talento avremmo lo stesso riguardo di belgi, francesi e inglesi nel "proteggerlo".

Ricco'
25 novembre 2022 18:48 Cicorececconi
Ricco', quantomeno ha pagato tutto a caro prezzo. Altro che i DS magici, che ora vengono passati per verginelle. Aveva ragione Armstrong, a qualcuno danno ancora credito. Chi ha avuto condanne sportive, non dovrebbe piu' lavorare nel ciclismo

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
DAVIDE REBELLIN ENNESIMA VITTIMA DI OMICIDIO STRADALE Art. 589 Bis Cod. Pen.   Il tragico evento che ha visto vittima il nostro amico Davide ha scosso tutto il mondo del ciclismo, ma non solo, poiché il fatto è stato talmente...


Il programma antidoping dell'UCI, uno dei più completi al mondo, è una priorità per l'UCI e per tutti gli stakeholder del ciclismo. Per aumentare l'indipendenza e la professionalizzazione del suo programma, l'UCI ha delegato tutti gli aspetti operativi antidoping all'ITA...


La carriera dei neoprofessionisti italiani parte dai banchi di scuola, nel ricordo di Davide Rebellin e di Ercole Baldini, presidente ACCPI per due stagioni. Un folto numero di ragazze e ragazzi hanno partecipato all'incontro formativo rivolto ai ciclisti neoprofessionisti e...


È stato individuato il camionista responsabile dell'investimento mortale dell'ex campione di ciclismo Davide Rebellin. Si tratterebbe di un cittadino tedesco di 62 anni, identificato grazie alla collaborazione tra carabinieri e polizia tedesca. Dopo l'incidente, avvenuto l'altro ieri, l'uomo aveva...


Gianni Savio, manager di lungo corso del ciclismo italiano, dedica parole colme di emozione al ricordo di Davide Rebellin: «Provo una tristezza infinita pensando a quanto è successo a Davide Rebellin. Di Davide ricordo il sorriso buono e i modi...


Da oggi è ufficialmente in vigore il nuovo statuto del CPA – Cyclistes Professionnels Associés e per tutti i ciclisti e le cicliste della massima categoria si prospettano novità importanti. Lo scorso 21 novembre l'associazione mondiale dei corridori ha...


Caro Direttore, per chi ama il Ciclismo non possono certo questi definirsi giorni felici. Prima l'omicidio stradale in danno di Davide Rebellin e, dopo poche ore, il Padreterno che si porta via Ercole Baldini. Ce n'è ben a sufficienza per...


48 ore dopo la tragica morte di Davide Rebellin, è ancora complicato farsene una ragione. E lo è ancora di più per chi, come Davide Formolo, ne era amico, collega e compagno di allenamenti. I due vivevano nei pressi di...


Lo staff tecnico azzurro del ciclismo ha reso omaggio alla memoria di Franco Ballerini al cimitero di Casalguidi in provincia di Pistoia, e quindi a casa di Alfredo Martini a Sesto Fiorentino presenti le figlie di Alfredo, Silvia e Milvia....


«Ridurre il numero di vittime della strada si può». Davide Cassani, già ciclista e ct della Nazionale, ha corso con Rebellin. Anche lui fa parte della categoria "mai senza bici": da ex, pedala regolarmente. Curiosamente, deve il suo ritiro dalle...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach