-3 AL PICCOLO LOMBARDIA: 30 SQUADRE, 3 SALITE CHIAVE, CAMPIONI E DEDICHE SPECIALI

DILETTANTI | 29/09/2022 | 08:02
di Nicolò Vallone

Piccolo Lombardia, grande corsa. Sono 30 tonde tonde le squadre che fra tre giorni, domenica 2 ottobre, si daranno battaglia a Oggiono nella 94^ edizione della "monumento Under 23" dai connotati sempre più lariani: 17 formazioni italiane e 13 straniere. Troveremo cantere di team professionistici come Ag2r Citroen, Lotto Soudal, Israel, EF, Astana, Eolo Kometa (la cui U23 ha licenza spagnola) e Bardiani Csf Faizanè. Continental come D'Amico UM Tools, General Store, Colpack Ballan, Biesse Carrera, Iseo Carnovali Sias, Qhubeka (società nostrana a tutti gli effetti), Gallina Ecotek Lucchini, la Colpack Ballan dell'ex campione nazionale juniores Alessandro Romele e di Matteo Petrucci secondo l'anno scorso al Piccolo Lombardia dietro Lapeira, e l'austriaca Tirol KTM che schiera il campione europeo di categoria, il tedesco Felix Engelhardt, insieme tra gli altri al doppio figlio d'arte Kevin Pezzo Rosola. Strutture giovanili come Mastromarco Sensi Nibali, #InEmiliaRomagna (con Davide Dapporto che ha vestito l'azzurro al Tour de l'Avenir), Onec, Palazzago, Valle Seriana Cene, Aries, Namedsport, Rostese, Overall Tre Colli, EFC Vulsteke, Velo Club Mendrisio, Cycling Vlaanderen, Basso Flanders e l'UC Monaco che difende i colori del Principato. Last but non least, parteciperà una selezione nazionale ucraina.


Non abbiamo però citato il dorsale numero 1, che verrà applicato a una maglia iridata: quella di Yevgeniy Fedorov, che insieme alla sua squadra ha scelto il Piccolo Lombardia come prima uscita dopo il trionfo di Wollongong. Engelhardt della Tirol KTM e Fedorov dell'Astana, il campione d'Europa e quello del Mondo, un connubio che rinnova la tradizione internazionale di questa classica ed entusiasma Daniele Fumagalli, presidente del Velo Club Oggiono e organizzatore della corsa, che definisce la presenza del kazako una «ciliegina sulla torta».


Il percorso è lungo 170 chilometri e, come sempre da un secolo abbondante a questa parte, tocca il suo apice con l'ascesa alla Madonna del Ghisallo, quella decina di chilometri che da Bellagio ti sega le gambe per poi ammorbidirsi leggermente e portarti al cospetto della leggenda: il monumento a Fausto Coppi, che su questa salita si costruì fiori di trionfi nel "grande" Giro di Lombardia. Ma non finisce lì: negli ultimi 25 km c'è da scalare il colle Brianza e da superare il muro di Marconaga. Partenza dalla nuova sede del VC Oggiono e start ufficiale a mezzogiorno sulla via per Dolzago.

Il Gran Premio della Montagna del Ghisallo è intitolato alla memoria di Giovanni Villa, storica figura del dilettantismo italiano: dalla sua Zoccorinese passarono fior di corridori, come l'ucraino Yaroslav Popovych che sotto l'egida di Villa si laureò campione del Mondo U23 nel 2001. Il vincitore del Piccolo Lombardia invece conquisterà l'ottavo trofeo Giorgio Frigerio, dedicato a un cicloamatore del VC Oggiono che morì dieci anni fa, travolto da un camion. Per un tragico scherzo del destino, pochi mesi fa è invece venuta a mancare la moglie Nadia: la corsa di dopodomani sarà un'occasione per far rivivere il ricordo di entrambi.

Copyright © TBW
COMMENTI
Fedorov
29 settembre 2022 09:17 PIZZACICLISTA
Io se fossi l'organizzatore Fedorov non lo vorrei assolutamente

??????
29 settembre 2022 09:27 Luigi Rossignoli
Perché scusa ?
Devono correre solo Colpak e Fior
Se vogliono diventare ottimi professionisti bisogna correre con i migliori.
Luigi

X rossignoli
29 settembre 2022 11:42 PIZZACICLISTA
Colpak e fior non hanno ragione di esistere.............. e chiudo

Per Pizzaciclista
29 settembre 2022 13:50 faresin
Bello commentare da anonimo, ti ricordo che per quanto riguarda la Zalf , da più di quarant'anni investe nel ciclismo e ha dato la possibilità ad un'infinità di giovani di poter coltivare il loro sogno di diventare professionisti (tra l'altro più di 120 lo sono diventati davvero) se queste sponsor che sono soprattutto appassionati di questo sport un giorno decidono di lasciar perdere, verremo a chiedere LUMI A TE che sai tutto. PER QUESTO ALMENO FIRMATI COSI SAPPIAMO A CHI RIVORGERSI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Faresin Gianni

UNDER23 ELITE
29 settembre 2022 21:31 PIZZACICLISTA
Caro Gianni se lo vuoi ammettere sai perfettamente che la vostra categoria come è strutturata è perfettamente inutile lo sai perchè anche tu arrivi da un passato dilettante e prof. oggi le squadre W.T. guardano gli Juniores la vostra è una cat. che non interessa a nessuno se non a qualcuno per sopravvivere per non parlare degli ELITE......

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il dramma di Davide Rebellin sembra non voler trovare una conclusione: l'autopsia, inizialmente fissata dalla Procura di Vicenza per il 13 dicembre, è stata infatti spostata a lunedì 19. Ad eseguirla è stato chiamato il medico legale Vito Cirielli. Lo...


Chi pedala per necessità in città lo sa bene, freddo e pioggia possono diventare una vera noia da affrontare negli spostamenti di tutti i giorni. Il commuter urbano avrebbe bisogno di una giacca versatile, calda, impermeabile, antivento e dotata anche...


È tutto finito. La B&B Hotels abbassa la saracinesca, non ci sarà una prossima stagione. Lo ha comunicato questa mattina Jerome Pineau, come riporta il quotidiano Le Telegramme. In una call conference durata due ore con tutti i corridori e...


Non era mai stato fermo così tanto tempo: Primoz Roglic ha ripreso a pedalare la settimana scorsa dopo uno stop di otto settimane a seguito dell'inervento chirurgico subito alla spalla, lesionata nella caduta della 16a tappa della Vuelta España. «L'intervento...


Nairo Quintana si è deciso al grande passo: dopo quattordici anni di vita in comune e due figli, il campione colombiano ha chiesto a Yeimy di sposarlo. E per farlo ha scelto di rispettare le tradizioni: proposta fatta in...


E’ nata il 6 dicembre Sofia Sangalli. E’ la primogenita di Giovanni Sangalli, il figlio dello storico cartografo delle corse rosa e altro ancora, Cesare Sangalli, i cui lavori sono distinti dalla celebre sigla “C.San.”, riconosciuto marchio di qualità, scomparso...


Non ha ancora un contratto per il 2023, ma da più di un mese Edward Ravasi è tornato ad allenarsi a buona intensità in vista della nuova stagione. Il 2022 è stata una di quelle annate da lasciarsi rapidamente alle...


Dopo i Beat Yesterday Awards di giovedì scorso, abbiamo raccolto qualche battuta da Filippo Ganna, reduce dall'intervento agli occhi che gli permetterà di affrontare il ritiro Ineos di Maiorca e tutto il resto della sua carriera e della sua vita...


La morte di Davide Rebellin approda al Parlamento Europeo. «Il 30 novembre scorso, l'ex campione di ciclismo Davide Rebellin, è morto investito da un camion durante un allenamento in bicicletta in provincia di Vicenza. Secondo le ricostruzioni della procura, l'investitore...


Gli olandesi Nki Terpstra e Yoeri Havik sono i primi leader della Sei Giorni di Rotterdam. Per i due tulipani ès tata una serata perfetta, la prima di gara, vistoc he hanno guadagnato un giro sugli avversari grazie ai 100...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach