POGACAR. «SOGNO LA MAGLIA IRIDATA. LA VITTORIA? QUI E' UNA QUESTIONE DI TEMPISMO»

MONDIALI | 22/09/2022 | 11:23
di Francesca Monzone

Tadej Pogacar non ha dubbi e per lui la maglia più bella di tutte è quella arcobaleno, con scritto sopra UAE. Lo sloveno, che ha già conquistato due Tour de France, sa quanto sia importante conquistare la maglia gialla della Grande Boucle, ma ammette anche che quella di Campione del Mondo ha un fascino completamente diverso. «Al Mondiale hai solo una freccia nell'arco. L'attacco che decidi deve essere quello giusto ed è anche per questo che è una gara così unica, perché sai che non puoi sbagliare».


Pogačar è consapevole che domenica sarà una gara difficile, dove il tempismo per scegliere l'attacco giusto sarà determinante ed è per questo che ultimate le gare in Canada, dove ha vinto a Montreal, è volato direttamente in Australia. Pogačar ha dimostrato più volte di essere bravissimo anche nelle gare di un giorno e nel suo palmares ci sono due Classiche Monumento: il Giro di Lombardia e la Liegi-Bastogne-Liegi, e la scorsa primavera ha vinto anche la Strade Bianche. Tante vittorie importanti per lo sloveno, che però non è mai riuscito ad entrare nella top ten di un Mondiale.


«E’ vero che posso far bene nelle gare di un giorno, ma di certo non sono uno specialista. Tutto ciò che è inaspettato, mi piace e il Mondiale è proprio una corsa così, dove non sai mai cosa può accadere. Devi sempre correre dei rischi e vedere come andranno le cose durante la giornata. Non sai mai cosa aspettarti».

Per Tadej Pogačar, la chiave di un Mondiale è nel momento in cui decidi di fare la tua azione, perché se sbagli quel momento sicuramente non avrai possibilità di vittoria. «Al Mondiale di Imola avevo attaccato troppo presto. In quel momento, mi aspettavo che qualche altro corridore venisse con me, ma quando ho visto che nessuno aveva reagito al mio attacco, sono andato comunque avanti. Peccato, avevo le gambe forti e quella è stata sicuramente una lezione importante».

Per la Slovenia, il miglior risultato nella prova iridata, rimane ancora quello di Andrej Hauptman che 21 anni fa è salito sul podio di Lisbona, ma adesso Pogačar vuole donare alla sua nazione la maglia più importante del ciclismo. «Non abbiamo una squadra numerosa come altre nazioni che correranno con otto corridori. Ma questo non ci mette pensiero, perché il percorso sarà duro per tutti. Io farò del mio meglio e cercherò di trovare il momento migliore per attaccare e vincere il Mondiale».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
L’anno magico di Remco Evenepoel ancora non è finito e dopo la festa sulla Grand-Place di Bruxelles, sabato prossimo il neo campione del mondo sposerà la sua Oumi. «Spero che sia tutto pronto – a detto Remco – io non...


È il gran giorno della Coppa Bernocchi, giunta alla sua edizione numero 103. Partenza e arrivo nel cuore di Legnano per una corsa che ha richiamato al via grandi campioni e che lo scorso hanno è stata scenario per una...


  L’ Italia esprime grande qualità nel ciclismo femminile e tra le atlete che in tempi brevi possono decollare c’è sicuramente Valentina Basilico, passista veloce della BePink. Valentina ha 19 anni e nella sua prima stagione tra le elite ha...


“Quando oggi, su per le terribili strade dell’Izoard, vedemmo Bartali che da solo inseguiva a rabbiose pedalate, tutto lordo di fango, gli angoli della bocca piegati in giù per la sofferenza dell’anima e del corpo – e Coppi era già...


Le giornate si accorciano e per continuare ad allenarsi nel pomeriggio faranno sempre più comodo le luci posteriori,  anche se a dirla tutta, in modalità lampeggiante dovrebbero essere sulle vostre bici anche di giorno. Quelle di MagicShine sono un concentrato di potenza...


Presentazione libro MORENA TARTAGNI   VOLEVO FARE LA CORRIDORA è il titolo del libro firmato da Gianluca Alzati che narra con piacevole scorrevolezza le vicende sportive e pure di vita di Morena Tartagni, atleta e personaggio di pieno rilievo del...


L'ex campione d'Asia Hayato Okamoto (Aisan Racing Team) ha vinto la prima tappa del Tour of Taiwan sul circuito di Taipei City con un tempo di 1:44:46, portando a casa la sua seconda vittoria di tappa a Taipei dopo quattro...


L'australiano Ben Dyball mette a segno il colpo grosso nella seconda tappa del Tour of Taiwan. Nella Taoyuan City-Jiobanshan Park di 120, 6 km, il portacolori della giapponese Team Ukyo ha vinto per dstacco conquistando anche la maglia di leader...


Promesso e realizzato. L’incontro pubblico sulla sicurezza nel settore amatoriale, voluto dal’ACSI ciclismo della provincia di Ravenna, con la collaborazione del Gs Progetti Scorta, è andato regolarmente in scena presso l’aula magna della scuola elementare di San Zaccaria, piccola frazione...


La firma del tricolore Filippo Cettolin sulla classica Sarnano-Recanati prova dell'Oscar TuttoBici allievi. Il giovane veneto, del Velo Club San Vendemiano, conquista la 33a edizione della corsa marchigiana allo sprint sul romagnolo Enea Sambinello della Polisportiva Fiumicinese FAIT Adriatica che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach