TROFEO BOTTECCHIA. MICHAEL MINALI FIRMA L'ACUTO VINCENTE

DILETTANTI | 10/07/2022 | 19:00
di Francesco Coppola

Prima affermazione stagionale per il veronese Michael Minali, portacolori della Campana Imballaggi Geo&Tex Trentino. Si è affermato allo sprint in occasione della 86^ edizione del Trofeo Ottavio Bottecchia svoltasi domenica pomeriggio su i tre velocissimi circuiti di Fossalta di Piave, in provincia di Venezia. Il corridore e figlio d'arte, che si è imposto nell'attesissimo appuntamento preparato da Sergio Dalla Mora con la collaborazione della Bike&Bike di Gianpietro Bonato e dell'Amministrazione Comunale guidata da Manrico Finotto, si è imposto al termine di un tiratissimo sprint che ha avuto per protagonisti i dieci concorrenti della sfida avviata nella ultimissima parte della corsa e cioè quella che ha interessato il circuito più piccolo.


E' stata una gara dedicata al mitico Ottavio Bottecchia, nella ricorrenza del 95° anniversario della morte ma anche per ricordare il corridore e concittadino Giuseppe Finotto, vincitore di due edizioni della corsa veneziana negli anni Quaranta ma anche eroe di guerra, a cui sono stati dedicati i premi per i traguardi volanti. E' stato un appuntamento che ha chiamato a raccolta anche numerosi campioni dello sport del pedale che proprio sotto la guida del tecnico Sergio Dalla Mora hanno vissuto grandi e importantissimi momenti in carriera e tra loro Luigi Venturato, Daniele Sgnaolin, Ermanno Baldin e Roberto dal Sie. Alle 14.30 in punto il primo cittadino Manrico Finotto ha dato il via alla corsa che ben presto, nonostante il gran caldo, ha fatto registrare un'andatura elevata. La gara è entrata nel vivo al secondo giro grande quando due corridori si sono portati all'attacco seguiti a 16" dal gruppo; ma poco dopo ha provato ad attaccare Marco Manenti della Solme-Olmo che fino al termine della competizione è sempre stato nei vari gruppi che si sono formati alla testa della corsa. Le iniziative di affondo, a dimostrazione dell'importante posta in palio, sono state numerosissime ma di poca durata nonostante il vantaggio massimo sul gruppo sia stato di 1'. La fase decisiva si è verificata quando i corridori hanno dovuto affrontare per 16 volte il circuito breve. E' stato in quel momento che in 13 hanno provato con successo a pigiare sull'acceleratore staccando il grosso di 1'42". Con il passare delle tonate i battistrada sono rimasti in 10 e sono stati loro che alla fine si sono contesi la vittoria in volata.


A spuntarla è stato il veronese di Isola della Scala, Michael Minali che non ha lasciato scampo agli avversari. Il corridore, figlio dell'ex professionista Nicola e fratello minore di Riccardo, che è nato il 2 luglio 1999, sul traguardo di Fossalta ha conquistato la prima vittoria stagionale con la gioia di papà Nicola e della famiglia che hanno assistito alla corsa. "Sono felicissimo per questa vittoria - ha sottolineato Michael Minali - perchè è arrivata in una corsa dura e prestigiosa e dove la concorrenza è stata piuttosto spietata. Un successo che cercavo da tempo e che è stato costruito grazie alla collaborazione della mia squadra e alla partecipazione al Giro del Veneto". A premiare i protagonisti oltre al sindaco, a Sergio Dalla Mora, anche l'assessora allo sport. Anna Novello.

Foto di Riccardo Da Ros-Outborn Media

ORDINE D'ARRIVO

1. Michael Minali (Campana Imballaggi Geo&Tex) km 162,850 in 3h36'30" media 45,132; 2. Alessio Acco (Zalf Euromobil désirée Fior); 3. Marco Cao (Trevigiani Energiapura); 4. Christian Pase (Work Service Group Vitalcare); 5. Luca Tornaboni (id); 6. Marco Manenti (Solme Olmo); 7. Jacopo Cia (Gaiaplast Bibanese); 8. Enrico Spadini (Pedale Scaligero); 9. Francesco Canepa (Solme Olmo); 10. Samuele Bonetto (Zalf Euromobil désirée Fior).

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
BARCELONNETTE. Scorre via una tappa alpina che per la classifica non ha detto nulla. La nota forse più clamorosa è come Kwiatkowski ha perso la volata a tre che ha dato la vittoria di tappa al belga Campenaerts. Mi sa...


Successo della Autozai Contri nella cronosquadre di apertura del Giro del Veneto juniores che si è disputata sulla distanza di 6, 1 km con partenza e arrivo a Padova. La formazione composta da Tommaso Anastasia, Pierluigi Garbi, Melsan Idrizi, Alessio...


Victor CAMPENAERTS. 10 e lode. Il 32enne corridore belga della Lotto Dstny fa quello che speravano facesse De Lie: vince. Victor... vittoria numero uno in questa stagione, la prima al Tour, la numero 12 in carriera, che è fatta più...


È buona norma, quando si è invitati ad una festa di compleanno,  portare un omaggio al festeggiato, ma in casa De Rosa hanno deciso di invertire le convenzioni: in occasione del 61esimo compleanno di Cristiano De Rosa, infatti, arrivano due...


Fuga doveva essere nella diciottesima tappa el Tour (da Gap a Barcelonette) e fuga è stata con commozione finale: subito dopo iaver vinto la sua prima tappa dal Tour de France, regolando allo sprint Matteo Vercher (TotalEnergies) e Michal Kwiatkowski...


All'età di 93 anni ha corso la sua ultima volata il viareggino Tommaso Purini,  grande appassionato di ciclismo: amava ricordare di essere stato il vincitore della corsa dell'anno Zero del Gran premio di Camaiore nel 1948 (citato anche nel libro "50 anni...


Nell’inferno dell’afa di Borgofranco d’Ivrea Federico Biagini (VF Group Bardiani CSF Faizanè) allunga negli ultimi cento metri e batte il campione italiano Edoardo Zamperini (Nazionale Italiana). Maglia rossa degli sprint cash addosso, per Biagini si tratta della prima vittoria stagionale...


La Fondazione Catella, in zona Isola a Milano, è stata palcoscenico stamattina del lancio ufficiale della vastissima offerta di Warner Bros Discovery per quanto riguarda la trasmissione dei Giochi Olimpici di Parigi 2024 al via fra otto giorni. Saranno 3800...


Pinarello ha svelato la nuova Bolide F TT,  la bici che sarà a disposizione dei corridori del Team INEOS Grenadiers nelle rispettive nazionali per tentare l’assalto alla cronometro durante i Giochi Olimpici di Parigi 2024. per leggere l'intero articolo vai su tuttobicitech.it  


In un grande giro la giornata storta può capitare a chiunque, in particolare nell’ultima settimana e Jonas Vingegaard ha ammesso che ieri nella salita verso il traguardo di Superdévoluy la forma non era delle migliori. «Sento ancora che sto migliorando...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi