SE IL GIRO DEVE AGGRAPPARSI A DUMOULIN

GATTI&MISFATTI | 13/05/2022 | 18:14
di Cristiano Gatti

No, Dumoulin non è un ex. Non ancora. Non del tutto. La tappa di Potenza e di potenza ce lo restituisce credibile e attendibile, almeno a livello di pura efficienza atletica. Diverso sarà capire quanto potrà essere di nuovo leader da maglia rosa, ricollocandosi seriamente tra i Carapaz, gli Yates, i Landa. Un conto è la bella giornata lucana – per metà libera uscita, non dimentichiamolo -, un altro è lottare sotto rigido controllo poliziesco della concorrenza altolocata. Non dimentichiamo che stiamo parlando di un campione che ha già fatto grandi giri da signore, non possiamo certo pensare che basti una bella fuga per rimetterlo sul piedestallo. Rivedibile. Da rivedere.


D'altra parte, in questo Giro c'è un tale bisogno di grandi firme che anche un Dumoulin di ritorno fa maledettamente comodo. A parte il Van Der Poel della prima tappa, signore indiscusso e assoluto in un certo settore specifico del Giro, i (pochi) cosiddetti grandi finora sono cellule in sonno, gattemorte che evidentemente aspettano altre giornate e altre occasioni per dimostrarsi grandi sul serio, di fatto oltre che di nome.


Il prossimo appuntamento è domenica sul Blockhaus, sperando non sia ancora un appuntamento che loro onorano con un altro bidone. Dovendo fare i conti, finora l'unico gesto apprezzabile dei signori d'alta classifica resta la crono di Yates. Nient'altro risulta agli atti. Aspettano, calcolano, studiano. Fanno flanella, fanno melina. E intanto lo spettacolo è sempre rimandato a data da destinarsi. Una volta davamo tutta la colpa a Vegni, che disegnava la prima metà del Giro di una noia anestetica, come dimenticare quello del 2019 (prima vera salita alla 13esima tappa, Ceresole Reale, una pizza tremenda). Stavolta non è così. Non è questo il caso. Ma nemmeno sotto tortura i capitani vogliono cominciare gli scontri diretti.

L'abbiamo detto e ridetto: nuovo appuntamento sul Blockhaus, con tante ansie e mille proclami, come se lì l'universo avesse fissato data e luogo per il nuovo big-bang. Vada per il Blockhaus, allora. Purchè si decidano. Purchè si diano una mossa.

Nell'attesa, in questa attesa che si sta facendo eterna, giova comunque ricordare che una maglia rosa c'è. Nell'indifferenza generale di un Paese che nemmeno lo sa. Si chiama Juan Pedro Lopez, per chi non l'avesse notato e per chi se lo fosse scordato. Comanda il Giro da quattro tappe, domani facilmente diventeranno cinque. E' promettente, è simpatico, è pronto e sveglio. Un giorno, magari, sarà una maglia rosa imbattibile (augurissimi). Ma al momento è ancora piccola. Troppo piccola per un Giro che avrebbe la pretesa di tornare grande. Sarebbe la corsa più dura del mondo nel Paese più bello del mondo: vediamo se riesce a non essere anche la più moscia.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Low profile
13 maggio 2022 20:05 Notorious
Fanno bene a non muoversi i BIG, troppo presto, azioni troppo ostentate come Yates l'anno che vinse Froome o Alaphilippe al Tour fan solo esaurire energie per quando si deciderà il Giro ossia le prime vere salite, al Blockhaus ci sarà da difendersi dal trenino Ineos.

non capisco
14 maggio 2022 02:13 fransoli
cosa dovrebbero fare i big... siamo ancora nella prima settimana, le squadre sono per lo più integre e quindi smarcarsi è difficile e dispendioso, e per di più il terreno per il testa a testa fra gli uomini di classifica non lo si è ancora trovato, già sul Blockaus la cosa sarà diversa, perché a differenza dell'Etna è una salita da scalatori

X notorius
14 maggio 2022 09:23 Carbonio67
Gli altri ( secondo te ) sono esperti di marketing, invece tu sei un'esperto di tattica.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Arnaud DEMARE. 10. Alé! Non è solo il logo del produttore di maglie, ma è l’ennesimo grido di battaglia del velocista transalpino, prima dell’urlo finale: olé! Terzo squillo di tromba del ragazzo in maglia ciclamino, terzo acuto rossiniano di uno...


Non capisco ma mi adeguo, dicevano una volta in casa Arbore. Qui al Giro 2022 si va avanti così. Bisogna andare avanti così per forza, alternative non ce ne sono. Dicono tutti, sempre, in continuazione, che bisogna aspettare la terza...


Disagi per l’ingorgo stradale provocato dal Giro E, che ha bloccato buona parte del seguito autorizzato: è la conferma che in questo Giro il principale problema resta il tappo. Sta bene il tecnico che ha oscurato la Rai in sala...


Tris di Arnaud Demare al Giro 2022. Il francese maglia ciclamino,   già vincitore a Messina e Scalea, si è imposto a   Cuneo al temine di una tappa (150 km)  che ha tenuto col fiato sospeso perché il gruppo ha...


Da qualche settimana Egan Bernal è tornato in Europa, per allenarsi e proseguire il suo lento cammino di recupero dop il bruttissimo incidente del quale è stato vittima nello scorso mese di gennaio. Ieri sera era a Cuneo, dove ha...


Lo straordinario 2022 del ciclismo femminile italiano continua e soprattutto porta alla ribalta nuovi nomi. Oggi gli applausi sono per Matilde Vitillo, portacolori della Bepink; che ha vinto la seconda tappa Vuelta a Burgos, la Sasamón - Aguilar de Campoo...


Dopo 35 km il colpo di scena: Romain Bardet scende di bicicletta, si accascia, poi si siede sul marciapiede. Pochi minuti e arriva la notizia clamorosa del ritiro del francese, capitano della DSM. Marco Saligari, motocronaca di RaiDue, era al...


Domani col Gran Premio Santa Rita scatta la Due Giorni Marchigiana 2022. Le due competizioni unite da una challenge a punti si svolgeranno con partenza e arrivo nel territorio comunale di Castelfidardo, attiva cittadina adagiata sulle colline dell’entroterra di Ancona....


La puntata di Velò andata in onda ieri sera su TvSei è stata particolarmente interessante, si è parlato di Giro d'Italia con Luciano Rabottini, Riccardo Magrini e Valentino Sciotto: sotto riflettori la seconda settimana della corsa rosa. Se la volete vedere o rivedere, potete...


Imprenditori e amministratori pubblici uniti per collaborare attivamente con gli organizzatori della tappa del Giro Donne in programma il 7 luglio con partenza da Prevalle e arrivo al Maniva dopo 112 chilometri abbondanti. Prima, durante e dopo la presentazione svolta...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach