GUAZZINI SULLA VIA DEL RECUPERO. «CORRERO' IN FRANCIA, MA LA ROUBAIX...»

DONNE | 26/11/2021 | 07:51
di Stefano Fiori

Vittoria Guazzini sta per gettare le stampelle e iniziare finalmente gli allenamenti in vista della stagione agonistica 2022, in cui gareggerà per il team francese - categoria World Tour della FDJ-Nouvelle Aquitaine-Futuroscope. Intanto gli amici e i suoi sostenitori hanno festeggiato la ventenne ciclista di Poggio a Caiano, più volte campionessa mondiale ed europea su strada e su pista, presso il ristorante Rivendita N1 nel pittoresco borgo di Tizzana, sulle colline tra Pistoia e Prato. Questa l’intervista realizzata con l’astro nascente del ciclismo italiano.


La caduta subita durante la prima Parigi-Roubaix femminile, con la conseguente frattura malleolo tibiale della gamba sinistra, è già un ricordo?
«Mica tanto! Comunque il recupero procede bene e prima di Natale conto di liberarmi della stampella. Sarebbe un bel regalo per il mio compleanno, il 26 dicembre».


Te la sentiresti di tornare a correre la Roubaix?
«Confesso che, ora come ora, non ne provo affatto il desiderio. Comunque facciamo passare i prossimi mesi, poi vedremo. Intanto l’importante è guarire perfettamente».

La decisione di ricoverarti all’Ospedale di Lille, in Francia,subito dopo l’incidente, si è rivelata giusta?
«Assolutamente sì, con quel tipo di frattura serviva un intervento immediato e di alto livello professionale. A Lille tutto lo staff medico è risultato inappuntabile e alla fine ogni cosa è andata per il verso giusto».

Dunque la Francia è ormai nel tuo destino?
«È un’affermazione scontata ma corretta. Lascio il team Valcar, ottima squadra che per me era ormai una famiglia, per entrare a far parte della FDJ, team di World Tour che mi fornisce delle grosse motivazioni. Ritengo di essere cresciuta, tecnicamente e moralmente, anno dopo anno e il 2022 vorrei che risultasse l’anno della mia consacrazione. In più sarà ancora mia compagna di squadra Marta Cavalli, una grande amica con la quale ci intendiamo al volo».

Tutto facile, allora, per il tuo inserimento nel team?
«Un solo, spero piccolo, problema: non parlo il francese ma vedo che con lo staff ci intendiamo bene in inglese».

Intanto hai deciso quale facoltà universitaria sceglierai?
«Ancora no, c’è una situazione di stand by, vedremo».

A festeggiarti c’era anche un’eccezionale campionessa come Edita Pucinskaite, che effetto ti fa averla al tuo tavolo?
«Edita mi emoziona, grande campionessa e donna speciale. Magari riuscissi ad ottenere anche solo parte dei fenomenali successi che costituiscono il suo palmarès».

Quali giornate del 2021 custodirai nel cuore e nella memoria?
«Fortunatamente ce ne sarebbero molte. Ovviamente cito il campionato europeo della crono vinto a Trento, ma sullo stesso piano metto la vittoria di Elisa Balsamo nel campionato mondiale in Belgio. Sul podio eravamo tutte strafelici, impazzite dalla gioia, perché convinte di avere contribuito con una eccezionale prestazione di squadra al meritato trionfo di Elisa. Infine, altra gioia irrefrenabile dopo tanta suspense, per la vittoria del quartetto italiano nell»inseguimento a squadre alle Olimpiadi di Tokyo».

Ultima domanda: ma il sogno di assistere ad un concerto dei Coldplay nel 2022?
«Per ora resta davvero un sogno, avevo tentato di procurarmi i biglietti per il concerto di Londra ma è andata male. Magari, chissà, se inserissero una data del loro tour anche in Francia...».

Copyright © TBW
COMMENTI
Davvero sfortunata
26 novembre 2021 09:58 daminao90
In bocca al lupo....

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Mentre scriviamo, i ragazzi neoprofessionisti e le ragazze "neo-WorldTour" del ciclismo italiano stanno seguendo i corsi organizzati, presso la sede del CONI Lombardia in via Piranesi a Milano, dalla Scuola Tecnici della Federazione Ciclistica Italiana, insieme all’Associazione Corridori Ciclisti Professionisti...


Si svolge oggi a Milano il corso organizzato da FCI, ACCPI ed LCP, dedicato ai ragazzi neoprofessionisti e alle ragazze neo-WorldTour. Ad aprire i lavori, l'intervento di Daniele Bennati, nuovo c.t. della Nazionale italiana maschile di ciclismo: «Oggi si...


L’inverno non è amico della bici, questo è poco ma sicuro. Il freddo, lo sporco, la pioggia, il gelo e il sale distribuito sulle strade sono da sempre fattori che mettono alle strette le parti meccaniche delle nostre bici e...


Il titolo italiano, quello europeo e poi la vittoria alla regina delle Classiche, la Parigi-Roubaix: Sonny Colbrelli è stato protagonista di una stagione davvero indimenticabile. Sidi ha deciso di concentrare le emozioni delle più belle vittorie sulla tomaia della sua Wire 2, una scarpa alla...


Prima o poi si torna alle origini. Capita anche a Sonny Colbrelli, il miglior ciclista italiano dell’anno: presentandosi nella sede della Merida Italy, a Corte Tegge, per ritirare una mountain bike realizzata in esemplare unico per lui, il Cobra rivive...


A pochi mesi dell'inizio della nuova stagione, il team Caja Rural-Seguros RGA completa la sua squadra con la firma di un corridore del valore e dell'esperienza di Mikel Nieve (Leiza, 1984). Il ciclista della Navarra arriva con la motivazione di...


Non è stato lui a scegliere la bici, ma la bici a volere lui. Come una dea che s’impadronisce di un guerriero fino a renderlo eroico, leggendario, mitico. E Piero Marchesi, a suo modo, eroico, mitico, leggendario lo è. Anche...


Oggi inizia dicembre, ultimo mese dell'anno solare ma già il primo della nuova stagione agonistica. Il calendario di un ciclista professionista non è lo stesso di una persona che svolge un lavoro con ritmi più canonici. Noi corridori in genere...


È una storia che va avanti quella tra Drone Hopper Androni Giocattoli e Bottecchia. Saranno, infatti, le biciclette dell’azienda di Cavarzere ad equipaggiare il team. Sarà il sesto anno di una partnership solida come spiega Marco Bellini, il responsabile sponsor...


Astoria Wines è protagonista non solo sul podio del grande ciclismo (come avviene al Giro d’Italia, a La Vuelta Espana o in tante altre occasioni internazionali), ma stavolta anche in gara. Filippo Polegato, AD di Astoria Wines, è stato infatti...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI