IL TOTO CT È GIA' PARTITO, E IN POLE C'È DAVIDE BRAMATI

NAZIONALE | 30/07/2021 | 13:09
di Pier Augusto Stagi

È chiaro che ora si apre la caccia al nome del dopo Davide Cassani. Siamo già oltre, siamo già avanti, a dopo gli Europei di Trento e al dopo mondiali di Lovanio in Belgio. Il presidente Federale Cordiano Dagnoni, giustamente, prende tempo per rispetto del Consiglio Federale e di tempi politici che devono essere rispettati, così come Roberto Amadio, nuovo direttore generale, le idee chiare le ha da tempo, avendole anche condiviose e confidate a qualche suo collaboratore fidato e non solo.


C’è in atto un cambio di marcia e di visione, che non riguarderà solo e soltanto la guida della Squadra azzurra, rigorosamente con la “S” maiuscola. Il ciclismo italiano non va rifondato, ma chiaramente va aiutato a trovare vocazioni, eccellenze e credibilità, su questo credo non ci siano dubbi. Quindi si fa chiara all’orizzonte anche una nuova via, che è quella di un selezionatore a “gettone”, a nomina o “ad acta” che dir si voglia, per un breve periodo. Come fanno da anni moltissime nazionali, ad incominciare dalla Slovenia, con quel Andrej Hauptman che lavora per la Uae Emirates e appunto anche per la propria nazionale.


Si è fatto il nome di Gianni Bugno, anche se credo che non sia lui il dopo Cassani. Cordiano Dagnoni considera Gianni davvero un fratello e vuole solo il suo bene, non il suo male. Per Gianni è probabile che ci possa essere nella nuova scacchiera azzurra/federale una collocazione, ma non sotto la voce CT o selezionatore che dir si voglia.

È molto più probabile e gettonato il nome di Davide Bramati, tecnico apprezzatissimo in gruppo, che in questo caso continuerebbe a ricoprire il ruolo di tecnico della Deceunick Quick-Step e all’occorrenza si metterebbe più che volentieri a cdisposizione e al volante dell’ammiraglia azzurra. Sarebbe un cambio storico e culturale. Un altro tecnico che potrebbe entrare in questo giro è Beppe Martinelli, così come Roberto Damiani. Ma il gradimento sul nome di Davide Bramati, sarebbe davvero ai massimi.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Ohhhh
30 luglio 2021 13:32 FrancoPersico
Finalmente. Tutti nomi validi e uomini di grande esperienza. La gestione a gettone potrebbe funzionare e perché no permettere anche una rotazione del selezionatore con una sinergia tra gli stessi. Sperem

bramati
30 luglio 2021 13:39 alerossi
stai lì dove sei adesso, molto apprezzato, considerato tra i migliori e vincente. cosa che svanirebbe da ct dell'italia (anche se come secondo lavoro)

Bene, ma.
30 luglio 2021 14:22 Cyclo289
E’ evidente che il flop di Tokyo è stata solo una scusa: certi piani non possono essere stati concepiti negli ultimi 4 giorni.
Ciò nonostante, Bramati (come pure Martinelli o Damiani) ottimi nominativi: casualmente tutti lombardi, ma rispetto ad altri nominativi “pittoreschi” che erano venuti fuori il livello è molto alto.
Ma ingaggiare un CT a part time ha qualche conseguenza, non scordiamocelo:
- Il rischio che per ogni scelta che fa gli venga agitato contro “lo spettro” del conflitto di interessi;
- Il fatto che la Nazionale non potrà più partecipare alle gare nazionali: già è un grosso problema per molti ottimi organizzatori riuscire a mettere su un campo di partenti all’altezza, vogliamo togliergli anche la Nazionale?
Ci sarebbe poi anche il fatto che Cassani dovrebbe preparare un Europeo e un Mondiale da separato in casa: per favore, evitiamoci questo strazio, Dagnoni prenda il coraggio a due mani e faccia subito quello che ha deciso di fare.
Se Cassani ha il contratto fino al 30 Settembre, non è un problema: abbiamo saputo che la FCI sta bene economicamente, cosa mai sarà una penale da pagare?
[lo so, la “tribunetta” di Tuttobiciweb ha deciso che gli Europei non contano nulla: ok, ne prendo atto, ma andatelo a dire a chi caccia fuori i soldi per Trento 2021].

Commissario tecnico
30 luglio 2021 14:39 Valcava
Perché non proviamo qualcosa di nuovo
Gente che ha fatto più esperienze dirette che ha vinto giro d'Italia esperienze in squadre estere e perché no nel ciclismo femminile.
Giovanni Fidanza potrebbe fare parte del gruppo no sfigurerebbe senz'altro anzi

CASSANI
30 luglio 2021 14:48 carrera39
Non ho niente contro Cassani, ma non penso che il cambio Ct possa migliorare almeno per il momento il nostro ciclismo, nonostante i nomi che si sentono dire, mancano in questo momento corridori completi sia per i grandi giri che per le corse di un giorno. Bisogna avere pazienza.

Si ma....
30 luglio 2021 14:51 PedroGonzalezTVE
Detto che credo che questa situazione nasca dal fatto che Cordiano non vede di buon occhio non tanto il ruolo di CT di Cassani ma la sua esposizione mediatica va detto che 1) Cassani in Federazione non è stato solo CT, ma ha portato sponsor, ha ricreato il Giro Under ecc ecc... 2) Avessimo in azzurro Sagan, VDP o Van Aert ...o per essere più diretti un Bettini, forse un mondiale lo vincevamo anche, 3) Gli Europei ed il titolo di Ganna contano poco? ..Ora è ovvio che l'avventura di Davide in azzurro è finita.. ma se è davvero così che tutto si risolva prima di Trento e di Lovanio...altrimenti sarebbe ancora tutto più paradossale.... ah..secondo me senza avere fuoriclasse del tipo che ho citato i miracoli non li farebbe nessùno, nè il Brama, nè Martino....

Andrej Hauptman
30 luglio 2021 15:07 GiorgioDF
Come si fa a dimenticare il lavoro di Davide Cassani, quanto ha fatto per i ciclismo italiano negli ultimi 8 anni, quanto entusiasmo e impegno ci ha messo. Per lui la nazionale è sempre stata una vocazione, fin dai tempi in cui da corridore copriva il ruolo di direttore sportivo in corsa.
Purtroppo è un personaggio mediatico, e come tale si attira le invidie di personaggi noti e meno noti del ciclismo italiano (inutile fare nomi, sappiamo chi ha riempito negli ultimi tempi il web di insulti verso il CT).
Come si può paragonare il suo compito a quello di Andrej Hauptman, sarei capace anch'io di fare il CT della Slovenia a gettone e vincere con due fenomeni come Pogacar e Roglic, per non parlare di Mohoric....

ricordiamoci
30 luglio 2021 15:12 canepari
di Paolo Savoldelli....

È questa la strada giusta?
30 luglio 2021 15:29 FrancoMoro
Credo che fino ad ora il lavoro del ct tutto sommato non sia stato malvagio. Guardando in toto il suo operato, ha fatto molto per il movimento italiano, ovviamente avendo avuto l'appoggio della federazione.
Per quanto riguarda invece i risultati, credo che oltre alle colpe che si possano dare a Cassani per convocazioni o tattiche sbagliate di gara (cosa di cui dubito, per le Olimpiadi forse si, ma ad una manifestazione del genere non si presentano i nomi il giorno prima, ma è un progetto partito dal dopo Rio) il problema è dovuto anche che noi abbiamo buoni corridori in questa era mentre nel resto delle nazioni hanno dei fenomeni.
Quindi più che rivedere il ct, se non si parte con decisione a fare ciò che fanno nel resto delle altre nazioni, andando a cercare tra i ragazzi, facendo conoscere questo sport, facendo promozione, individuare i talenti e magari gestirli a livello federale e non lasciarli a squadre che puntano a fargli vincere 10 gare da allievo e juniores per poi vederli sparire già tra i dilettanti, credo che dobbiamo sperare solo nel fenomeno che nasce a si trovi vicino persone che lo sappiano gestire e indirizzare al meglio per ottenere i risultati dove poi contano veramente.

Cassani
30 luglio 2021 16:39 fulvio54
Possiamo mettere chiunque a fare il ct ma se non hai i campionissimi vedi Van Aert, VdP, Pogacar e via dicendo di strada ne fai poca.


A prescindere
30 luglio 2021 17:47 Bicio2702
da chi vuole riconfermare Cassani e da chi lo vuole buttar fuori, io direi che dopo 8 anni con qualche soddisfazione ma anche con tanti rimpianti, si è chiuso un ciclo ed è ora di di aprirne uno nuovo con un altro commissario tecnico che abbia nuove idee, un altro carisma e un altro modo di lavorare. Non dico che dopo puliamo il melo dalle medaglie, ma proviamo a cambiare marcia e a far trovare almeno un italiano a giocarsi la corsa assieme ai 4 mostri stranieri, perché le gare si vincono e si perdono sulla riga...

CIPOLLINI
30 luglio 2021 17:55 alessandro
Perchè non mettere MARIO CIPOLLINI, che oltre a essere mio concittadino ( quindi lo stimo a prescindere), è stato un gran campione. E ha avuto sempre da contestare il metodo CASSANI con la sua esposizione mediatica. Mario Cipollini saprebbe come fare. E' un motivatore, e mandare lui in giro per l'Italia risveglierebbe interesse che adesso appare addormentato nei ragazzini

io
30 luglio 2021 17:57 Line
in più al nome di bramati , aggiungerei Tosatto ... sono i due italiani in attività , che si fanno rispettare e sono vincenti ..tutti gli altri nomi letti sopra come mai non fanno i direttori attualmente

Cassani
30 luglio 2021 19:20 paree
Premetto che per me dopo che ha fatto attaccare Moscon alla macchina ad un mondiale non avrebbe più dovuto fare il CT,avete visto come hanno fatto in fretta i tedeschi a rimuovere il tecnico...
Ma secondo voi in questi ultimi anni Cassani non è che ha voluto fare troppo :
Pubblicità per diverse aziende,testimonia attivo per la sua regione e secondo me commentatore al giro ecc.ecc.al giro sonob30 giorno,da piccolo mi hanno insegnato:chi troppo vuole nulla stringe..

Dt
30 luglio 2021 19:43 Pedalafiore
Paolo savoldelli... il migliore

Povero Davide.
30 luglio 2021 21:22 gravel
Ma nessuno si rende conto che Cassani con i corridori Italiani che ha a disposizione, ha fatto miracoli??!!?? Se Davide dal 1 Ottobre non guiderà più la nazionale ( c'è ha bisogno di Atleti più che di CT) sarà solo perché ha qualcosa di più interessante da fare e NON per demerito

IL FALCO
30 luglio 2021 22:37 thered
L’ unico che può sostituire Cassani e’ il solo PAOLO SAVOLDELLI.

Se Cassani salta, è per le occasioni
31 luglio 2021 00:12 fifdotcom
Io comprendo che ha fatto tante cose buone, principalmente per il movimento di base, ma se salta è per le (poche) colpe che gli vengono imputate.
Innanzitutto la mancata vittoria del Mondiale di Trentin a vantaggio del carneade Pedersen, senza dimentica il blackout di Moscon a Bergen.

Ricordatevi peró che il CT oggi prende solo 75k€ (E Cassani ha rinunciato a 180k della RAI): solo mantenendo un altro ruolo un personaggio di valore potrà accettare di fare il CT.

Ct o selezionatore
31 luglio 2021 18:56 pagnonce
IL problema e a monte,il ciclismo va improntato dalle scuole materne,quando si incomincia le prime pedalate.Qui bisogna investire,solo cosi potremo ritornare ad avere un paese che pedala e tra questi tanti partecipanti alle gare di qualsiasi categoria.

fenomeni in Italia oggi? NESSUNO! squadre pro tour? NESSUNA!!!
31 luglio 2021 20:45 npapinpapi23
anche se ti ho criticato forza Cassani!!!!! a .. anche la VUELTA ESPANA CI HA SUPERATO!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Gianni Moscon lascerà oggi l'ospedale universitario Torrette Lancisi di Ancona con un sorriso in volto largo così: il trentino, infatti, non dovrà subire alcun intevento al cuore. Gli esami svolti ieri dal professor Antonio Dello Russo, affiancato dal dottor Roberto...


«Ero un ragazzino scatenato, uno "da collegio" e posso dire che la bicicletta e il ciclismo sono stati la mia salvezza, mi hanno evitato di prendere strade sbagliate quando avevo 16-17 anni». È un Vincenzo Nibali con tanta vogla di...


Alejandro Valverde non si ferma ma rilancia per l'ultima volta: «Lo dico con assoluta chiarezza: il 2022 sarà il mio ultimo anno da ciclista professionista. Non ci sarà una pagina ulteriore della mia storia in bici» ha detto il quarantunenne...


Athletica Vaticana è diventata membro ufficiale dell’Unione ciclistica internazionale e domani ci sarò il battesimo ufficiale. Il riconoscimento per Vatican Cycling (sezione della polisportiva Athletica Vaticana) è avvenuto venerdì 24 settembre a Leuven, grazie all'abile lavoro diplomatico sportivo di Renato...


Il Team BikeExchange si assicura la medaglia olimpica Kelland O'Brien per le stagioni 2022 e 2023. Il 23enne australiano ha conquistato il bronzo nell'inseguimento a squadre a Tokyo e ora concentrerà tutta la sua attenzione sulla strada con il team...


La stagione agonistica si è appena conclusa e ancora una volta chiediamo ai lettori di esprimere il proprio voto per eleggere il miglior tecnico italiano della stagione. Insieme ad alcuni grandi saggi, abbiamo selezionato una rosa di sette tecnici per...


L'Oscar tuttoBICI Gran Premio Mapei riservato alle Allieve vede quest'anno il netto trionfo di Federica Venturelli, portacolori della Cicli Fiorin Lombardia. Federica ha dominato la stagione chiudendo con 186 punti, ben 70 in più rispetto a Valentina Zanzi della POL....


Anticipata dal Resto del Carlino, la notizia del ritorno del Giro d’Italia a Reggio Emilia dopo cinque anni trova subito conferma in un messaggio via social del sindaco Luca Vecchi. «E’ ufficiale: il Giro d'Italia 2022 farà tappa a Reggio...


A poco più di sei mesi dallo spettacolo dell’edizione 2021, il Tour of the Alps è pronto a svelare le proprie carte per il 2022, quando dal 18 al 22 Aprile i più importanti campioni internazionali di ciclismo torneranno a sfidarsi sulle strade dell’Euregio,...


TUTTI ASSIEME APPASSIONATAMENTE. Dal Trentino alle Fiandre, una lunga serie di successi e di emozioni senza tempo che con il tempo hanno a che fare. Nel senso che Filippo Ganna si è confermato in Belgio per il secondo anno consecutivo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO
SONDAGGIO
OSCAR TUTTOBICI 2021. SCEGLIETE IL MIGLIOR TECNICO ITALIANO DELL'ANNO
I voti dei lettori saranno conteggiati insieme a quelli di una giuria di addetti ai lavori e giornalisti specializzati





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI