CARO CARLO NON SONO DI PARTE, MA NIBALI MERITA RISPETTO E IL CICLISMO È QUESTO

LETTERA APERTA | 21/06/2021 | 12:20
di Pier Augusto Stagi

Caro Carlo,


grazie per il suo commento e per il suo più che garbato post sotto le mie pagelle. Chi mi conosce sa perfettamente che non sono il depositario della Verità. Non sono il Verbo, ma solo un grande innamorato della bicicletta e di cose ciclistiche. Detto questo, quindi, di buon grado accetto sempre i pareri educati e rispettosi di tutti, perché Lei e tutti quelli che da anni ci seguono (e grazie al cielo siete davvero in tanti) avete tutto il diritto di dissentire, precisare o enfatizzare ciò che Voi avere visto.


Sono troppo di parte, mi dite. Troppo indulgente nei confronti di Giulio Ciccone e Vincenzo Nibali, più per il siciliano che per l’abruzzese? può essere. Però la invito ad una riflessione. Il ciclismo italiano sta vivendo un momento molto delicato, un cambio generazionale radicale e profondo in un movimento – quello del World Tour – che si sta sempre più mondializzando. Al prossimo Tour de France avremo in corsa (i conti li faremo appena saranno ufficializzati e ultimati tutti i roster) dieci corridori. Per averne così pochi, bisogna tornare al 1984 quando al via ce n’erano solo 9. Pensi che nel 1996, quando si vincevano tappe, ma non i Tour, in corsa ne avevamo 61! Questo per dire che cosa? Che quando io faccio una pagella mi sforzo di tenere conto di tante cose: del livello della corsa, del momento storico che stiamo vivendo, dello stato di forma dei corridori. Alcuni lettori parlano di Caruso che è andato piano: ma il siciliano è uscito alla grande dal Giro, ha dovuto staccare e ha fatto l’italiano più per dovere morale che per ambizioni personali. Più per aiutare Colbrelli, che per inseguire un sogno tricolore. Per Caruso l’obiettivo è Tokyo: è lì che deve raggiungere il suo secondo picco di condizione, per provare ad essere utile alla causa azzurra.

Nibali è andato piano? Assolutamente no. Per uno che è stato costretto a fare il Giro nelle sue condizioni e alla fine l’ha pure portato a termine e poi si è ripresentato al via del tricolore di Imola mostrando in ogni caso un ottimo colpo di pedale, non è cosa da poco. È stato meglio di tanti altri. Su questo non ho alcun dubbio.

Lui e Ciccone si sono corsi contro? Sì, purtroppo sì. E, francamente, l’egoismo di Nibali lo giustifico rispetto all’egoismo dell’abruzzese, che anche lui ieri non poteva essere al top, visto che Tokyo è ancora lontana. Ma Giulio un posto “olimpico” ce l’ha, mentre Vincenzo, per una ragione o per l’altra, si è trovato nella condizione di dover dare un segnale al CT Cassani in chiave olimpica. Giulio che la convocazione ce l’ha, forse avrebbe potuto dare una mano allo Squalo, ma così non è stato. Solo loro sanno cosa è realmente successo in corsa, e credo che solo loro potranno chiudere questa questione parlandosi (mi risulta che si parleranno in giornata: Giulio dovrebbe chiamare Vincenzo e conoscendo i due, calata l’adrenalina agonistica, tutto potrà tornare nei canoni della normalità) in vista proprio di Tokyo 2020, per non complicare la già difficile vigilia del nostro CT.

Sono troppo buono? Lo faccio perché manca abbondanza. Volete che faccia volare i 4 come frisbee? non mi piace. Non abbiamo i Bartoli o i Bettini, i Rebellin o i Fondriest o i Bugno, i Chiappucci i Pantani o i Cipollini, nemmeno i Petacchi. In quegli anni, complicati per altre ragioni, soffrivano d’abbondanza, adesso siamo contati. Spero con tutto il cuore – da inguaribile ottimista - che Fabio Aru possa tornare a volare come un tempo, ma devo provare anche tenere conto anche da dove il sardo è ripartito, da dove era sprofondato e da dove deve riemergere.

Nibali ha quasi 37 anni, siamo chiaramente ai titoli di coda, ma non mi sembra assolutamente uno che sta portando in giro la bicicletta tanto per farlo, ma è meglio di tanti giovani (ci vuole poco, direte voi…). Insomma, per storia, per quello che ha rappresentato Lo Squalo e per quello che ancora rappresenta io gli porto rispetto, non sono un tifoso, anche se io dal talento sono attratto e Enzo di talento ne ha da vendere. In ogni caso non voglio convincere nessuno: cerco di fare con assoluta serietà quello che da anni faccio con passione pari alla vostra, e poi come vedete, se i miei giudizi non sono di vostro gradimento, ci sono sempre i vostri.

W il ciclismo e i ciclisti

Pier Augusto Stagi

Caro Direttore Stagi,
ho grande stima di lei e del suo sguardo competente sul ciclismo e leggo TuttoBici da sempre. Però, per cortesia, deve rendersi conto che questo continuo, pressante e opprimente campanilismo verso Nibali non solo è molto imbarazzante, ma è anche ciò che più anti-giornalistico esista.
Si può essere giornalisti e tifosi nella vita privata, ma perché continuare a difendere alla morte il proprio idolo in tutti gli articoli possibili? Non credo alle illazioni su accordi commerciali come dicono in molti nel mondo del ciclismo, credo che lei sia solo un grande tifoso di Nibali, ma deve ricordarsi di essere il direttore di un punto di riferimento come TuttoBici e questa narrativa distorta della realtà (si legga tutti i commenti alle pagelle e sui social tipo “Ma che corsa ha visto?”) non gioca a favore della sua creatura. Anche perché quello che scrive e sostiene, a discapito di ciò che in realtà avviene, nuoce anche a Nibali stesso, che rischia di fare la fine di molti campionissimi che sulla via del crepuscolo non si rendono conto di rovinare tutto ciò che di buono, di ottimo, hanno fatto in carriera anche per via della stampa tifosa.
Aver lodato e tifato per Nibali negli anni d’oro e criticarlo ora non significa essere ingrati, significa raccontare la realtà. Continuare a immaginare che possa ritornare a dominare Giri e Classiche è malsano. Continuare a giustificare tonfi e fallimenti è fallace. Perseverare a raccontare Nibali per quel che non è più non è giornalismo.

Con sincera stima, Carlo.

Copyright © TBW
COMMENTI
Caro Direttore
21 giugno 2021 13:51 carloprimavera
la ringrazio molto per la sua risposta: in un mondo online, dove dominano aggressività e posizioni tranchant a tutti i costi (non solo da parte dei lettori, anche degli autori degli articoli) è purtroppo una rarità un dialogo tranquillo e sereno.
Comprendo e rispetto appieno il suo punto di vista e i motivi per i quali Nibali gode di un occhio di riguardo nei giudizi e nei racconti di gara. Sul fatto che stia dando tutto se stesso per andare spesso oltre i propri limiti d’età non c’è niente da aggiungere: è un atleta eccezionale. Tuttavia, rimango della mia idea sul fatto che una prestazione da quattro (fosse anche Fausto Coppi) merita un quattro, a prescindere dal passato e dal palmares, ma questa è la mia opinione, ribadisco.
Premettendo che non mi sento affatto portatore della voce del popolo, ci mancherebbe, le posso condividere ciò che io e una buona quantità di appassionati di ciclismo (e lettori di TuttoBici) pensiamo: l’atteggiamento troppo bonario nei confronti di Nibali sortisce l’effetto opposto a quello dei suoi seppur nobilissimi intenti: genera quel loop di fallimento-giustificazione che ormai si sta ripetendo tra troppo tempo, a discapito dei bei ricordi delle sue imprese. E soprattutto crea spesso un’aspettativa impossibile da soddisfare.
Che Nibali abbia deciso di raschiare il fondo del barile senza ritirarsi in modo dignitoso è una sua scelta; umanamente, credo sia difficilissimo lasciare quando si è ancora poco sotto il top, quindi niente da recriminargli, ma spero davvero dopo questa stagione qualcuno gli parli in modo deciso per farlo ragionare. Forse, dico forse, riconoscere tutti che ormai si sta vivendo di ricordi gli renderebbe molto più rispetto e giustizia.
Sul momento del ciclismo italiano non posso che convenire con lei ed è molto triste pensare ai non così lontani problemi di abbondanza. Ma se si guarda alla nuova leva ci sono molti motivi per essere ottimisti e vedo sempre più giovani riavvicinarsi con entusiasmo al ciclismo italiano che - come ogni sport, come ogni ambito del tutto - ha una vita ondulatoria. Non credo siamo sul fondo dell’abisso, credo stiamo già risalendo.
Viva il ciclismo, viva il ciclismo di tutte le nazioni non solo quello italiano.
Un affettuoso e sincero saluto. E grazie per il vostro lavoro quotidiano, Carlo

ma Ciccone è sicuro?
21 giugno 2021 16:12 AleC
cioè sì, io lo porterei, ma davvero Ciccone è sicuro per Cassani?
se sì, il suo discorso fila, caro direttore...posto che nè Ciccone nè Nibali avrebbero potuto giocarsi il titolo italiano

Pagelle
21 giugno 2021 17:17 Anbronte
Caro Stagi non le riesce proprio a dare un voto negativo a Nibali , non sta portando in giro la bicicletta? Ok , mi dica quante volte negli ultimi tre anni è salito sul podio o meglio, per avvantaggiarla, quante top five ha fatto Nibali, nello sport non si vive per quanto fatto nel passato ma si vive per quanto si fa bel presente, ma con lei è tutto inutile, basta tornare all ultimo Giro, acclamato per quello scattino fatto in discesa.

Nibali
21 giugno 2021 18:15 lupin3
É ancora tra i primi 5/6 ciclisti italiani in una corsa dura, poi lui non é mai stato veloce né superscattante, quindi a quasi 37 anni é calato quel poco Che non lo fa piu essere vincente, ma cio non toglie che potrebbe sempre azzeccare un grande risultato. In Piu é pagato bene e si impegna sempre. Perché dovrebbe ritirarsi???? Sembra che si stia parlando dell'ultimo Bugno o Cunego... Mah

Nibali
21 giugno 2021 19:32 Il serpente
Sono contento che il suo campanilismo nei confronti di nibali, le porti tutte queste critica che merita ampiamente. Se ne faccia una ragione quanto prima per non perdere anche tantissimi lettori più competenti di lei.

Nibali un grande
21 giugno 2021 20:11 Serpad
Per quello che Nibali sta facendo o non sta facendo a dipende da come la si vede.. Penso che sia una cosa giusta che lui continui a correre.. Chi ha dato 4 al suo campionato italiano pensa che arrivare nei top ten sia una cosa semplice e tutti quelli anche nomi famosi che sono arrivati molto più indietro dovrebbero ritirarsi ? Se Nibali non può più vincere una gara importante pazienza ma la sua presenza nel ciclismo italiano e mondiale è ancora necessaria e fa bene a tutto il movimento!

Nibali
21 giugno 2021 20:28 Maurone
Forse a parole Nibali attualmente è tra i primi 5/6 ciclisti italiani..........

maurone
21 giugno 2021 23:06 maxspeed2
se Nibali e' tra i 5/6 italiani più forti siamo messi davvero male

Nibali sull'asfalto di Rio merita una rivincita, gliela dobbiamo.
24 giugno 2021 23:33 Corrsaro
Nibali è da portare a Tokyo semplicemente perché è più considerato all'estero che in Italia e se scatta lui anche non vincendo condiziona la corsa molto più di ogni altro Italiano.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Se non l'avessi vissuta dal vivo, stenterei a crederci. È successo davvero: l'Italia del ciclismo è nell'Olimpo. Il quartetto azzurro si è tramutato d'oro firmando un nuovo record del mondo: 3'42”032. La Danimarca, che tanto ci ha fatto innervosire negli...


Doppio colpo per la Intermarché-Wanty-Gobert Matériaux che annuncia l'ingaggio dei norvegesi Alexander Kristoff, vincitore di 79 gare tra i prof, e di Sven Erik Bystrøm, ex campione del mondo U23. L'esperto duo di Stravanger sta attualmente gareggiando per l'UAE Team...


Sventola la bandiera colombiana sul traguardo della seconda tappa della Vuelta Burgos 2021. Juan Sebastian Molano, velocista 26enne della UAE Team Emirates, ha ottenuto la prima affermazione stagionale anticipando sulla linea bianca il veneto Alberto Dainese (Team DSM).Terzo gradino del podio...


Anche in Romania sventola il tricolore. Andrea Guardini si è aggiudicato la prima tappa del Tour of Szeklerland, da Târgu Mureș a Odorheiu Secuiesc di 124 chilometri. Lo sprinter del team Giotti Victoria Deu Savini ha regolato l'austriaco Daniel Auer...


Cambia decisamente volto la Bora Hansgrohe per le prossime stagioni e lo fa annunciano i contrati triennali firmati con Jai Hindley, Sergio Higuita e Marco Haller. «La firma di Jai, Sergio e Marco è un passo importante verso un'ulteriore mutamento...


Doppio annuncio per la Groupama FDJ che ingaggia per le prossime due stagioni Quentin Pacher e Michael Storer. Il 29enne francese e il 24enne australiano, recente vincitore del Tour de l'Ain, rafforzeranno il gruppo degli scalatori del team francese. ...


Grandissima emozione in casa Biesse Arvedi Premac! Il nostro Francesco Lamon, con Simone Consonni, Jonathan Milan e Filippo Ganna regala un oro storico all'Itala nel quartetto e il record del mondo. Francesco ha sposato il progetto Arvedi Cycling, fortemente voluto...


Ivano Fanini nella sua carriera di scopritore di talenti, ne ha lanciati davvero tanti e tra questi c'è anche Marco Villa, attuale tecnico della nazionale italiana e responsabile della pista. Con Fanini, Villa ha vinto un mondiale, quindi è naturale...


L’avventura olimpica della nazionale italiana al velodromo di Izu continua domani con l’omnium che vedrà impegnato a Elia Viviani.Il veronese è campione olimpico uscente anche se la specialità da Rio 2016 è completamente cambiata: allora erano sei specialità in due...


Il primo vagone, colui che apre le danze, che fa carburare i motori e lancia i compagni. Francesco Lamon verrà ricordato come il grande apripista di questo quartetto azzurro che ha fatto la storia: «La partenza è delicata perché non devo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI