KRON. «TAPPA FOLLE, MA I GIUDICI HANNO PRESO LA DECISIONE GIUSTA»

PROFESSIONISTI | 11/06/2021 | 19:35
di Giorgia Monguzzi

Subito dopo il traguardo di Sedrum Andreas Kron aveva la delusione stampata sul volto, seduto con la testa bassa stava facendo i conti con un secondo posto rimediato alle spalle di Rui Costa al termine di una giornata in cui aveva lottato con le unghie e con i denti. Il responso dei giudici di gara però ha cambiato tutto, retrocesso il portoghese per scorrettezze, mentre il danese portacolori del team Lotto Soudal si è ritrovato in tasca la più importante vittoria della carriera.


«Subito dopo l’arrivo avevo mille pensieri che mi frullavano nella mente, tagliato il traguardo non sapevo chi avesse vinto, quando ho scoperto di essere secondo tutto ha lasciato il posto alla rabbia - spiega Kron - sinceramente avevo avvertito che Rui Costa mi aveva chiuso, poi però mi hanno fatto vedere il filmato e mi sono reso conto che la scorrettezza era ancora più grande di quel che avevo sentito io, i giudici hanno fatto la cosa giusta, anche se sono sicuro che lui non la pensi allo stesso modo. Se mi avessero detto che avrei ottenuto una vittoria in questo modo, sinceramente non ci avrei mai creduto».


Il danese del team Lotto Soudal è stato il protagonista di una tappa incredibile che non ci ha mai lasciato un attimo di respiro, dall’inizio con i numerosi tentativi di andare in fuga fino all’incredibile chiusura con tanto di colpo di scena. «È stata una tappa folle, siamo andati a tutta sin dall’inizio, una volta entrato nella fuga ho fatto di tutta per portarla a buon fine. Sulla penultima salita tutti continuavano a scattare e de la Cruz ha preso il largo, sinceramente non me la sono sentita di seguirlo, temevo di fare un fuori giri e così ho cercato di studiare gli altri cercando l’azione buona, così appena ho visto Rui Costa andare via ho capito che era il tentativo giusto e siamo andati a tutta».

Andreas Kron si era presentato al via del Tour de Suisse proprio con l’obiettivo di vincere una tappa e di fare bene in classifica, ma la frazione di ieri gli è però stata fatale e non è riuscito a tenere le ruote dei migliori. Una grande delusione che gli è stata di stimolo per prendersi il successo odierno che ha ben ripagato la fiducia della squadra. Dieci giorni fa Kron ha compiuto ventitré anni, è l’ennesimo talentino danese che dovremo tenere d’occhio, è al secondo successo stagionale dopo la prima tappa della Volta Ciclistica Catalunya. La vittoria di oggi gli dà lo stimolo per migliorarsi ancora di più, è giovane e non ha paura di sbagliare, vuole imparare e ci promette che molto presto sentiremo molto parlare di lui.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Tom Dumoulin è tornato a vincere, non solo sulla strada, ma anche nella sua vita, perché il titolo nazionale a cronometro conquistato ieri per l’olandese è il più bello di tutti. Per Dumoulin questo è il quarto titolo nazionale a...


Difficile trovare due sport tanto distanti quanto il ciclismo e il basket. Eppure, c’è un trait d’union interessante che risponde al nome di Matteo Marchi. Imolese classe 1982, Matteo è un conosciutissimo fotografo nell’ambito della palla a spicchi, in particolare...


Ciao a tutti, pronti per il week end tricolore? Io sono in partenza per la Puglia dove domenica andrà in scena il Campionato Italiano Elite in linea. Non avrò troppo tempo per godere delle meraviglie della Costa dei Trulli perchè...


La tappa che può dare l'ultimo scossone alla classifica presenta un profilo completamente pianeggiante e ben sei tratti di sterrato per un totale di 15 chilometri da affrontare sulle strade bianche. Dopo l'uscita da Ferrara si punterà diritti verso Argenta...


Trentanove anni fa. Non ciclismo, ma calcio. Non Europei, ma Mondiali. Sempre generoso, mai domo. Maglia azzurra, numero 19. Francesco Graziani. Ma per tutti, affettuosamente, Ciccio. Pronto e pimpante, pirotecnico e pelato, incrocio Graziani in uno di quegli incontri virtuali...


Il 19 giugno Francesco Moser compie 70 anni. All'evento è dedicato un libro curato dal giornalista sportivo Beppe Conti, che lo ha seguito in ogni gara durante la sua lunga carriera. Il volume, realizzato in collaborazione con Azzurra Music e...


Su un tracciato di 40 chilometri intorno a Losanna Stefan Küng si è riconfermato campione nazionale a cronometro, lasciandosi alle spalle Marc Hirschi e Thery Schir. «Il mio obiettivo era difendere il titolo, ma è stato anche un buon banco...


Il covid ridisegna gli spazi della 26. granfondo Sportful Dolomiti Race, la granfondo in programma a Feltre (BL) domenica 20 giugno con inizio delle operazioni preliminari venerdì e sabato. Abbiamo dovuto riorganizzare gli spazi dedicati all’evento creando delle zone GIALLE...


La svizzera Marlen Reusser non delude i pronostici e si conferma campionessa nazionale svizzera a cronometro. L’atleta del team Alé BTC Ljubljana, festeggia col titolo, la sua terza vittoria personale della stagione, conferma le sue grandi doti nelle prove contro...


È stato il padrone assoluto del Giro d'Italia Under 23 e tra pochi giorni Juan Ayuso farà il suo debutto tra i professionisti con la maglia della UAE Emirates. Lo spagnolo della Colpack Ballan ha accettato di raccontarsi al podcast...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155