I VOTI DI STAGI. CON EWAN METTETEVI IL CUORE IN PACE, CON ATTILA FATE PACE

I VOTI DEL DIRETTORE | 14/05/2021 | 19:16
di Pier Augusto Stagi

Caleb EWAN. 10 e lode. Il tasmaniano della Lotto Soudal sta crescendo, non di statura, ma di condizione. Quindi, avviso per i naviganti, che poi sono gli sprinter, i velocisti, gli uomini-jet: mettetevi il cuore in pace, con questo 26enne talento del velocismo mondiale penso che ci sia poco da fare. Uomo potente, uomo veloce e scaltro come pochi, occhi alle spalle, occhi davanti. Bravissimo Jasper De Buyst che lo guida e lo porta lì, ai 400 metri e poi è il tasmaniano a fare quello che vuole, come vuole e con chi vuole. Olé!


Attila VALTER. 12. Per la pazienza che dimostra in questi giorni. All’apparenza il suo nome è il più facile del mondo, quindi è bene storpiarlo. Per tutta la vita abbiamo detto Attila? Da oggi si dice Ottilla, Uottila, Otillà. Se volete saperne di più Paolo Broggi ha fatto un pezzetto dei suoi, e soprattutto c’è il vocale, dove Attila dice che il suo nome si dice Attila. Ma temiamo che la partita sia persa. Da domani il povero Attila lo chiameranno Ugo.  


Davide CIMOLAI. 8. Il 31enne accademico della Israel fa una grandissima volata, ma davanti al proprio naso ha un grandissimo corridore e non può fare certamente di più. 

Tim MELIER. 6. A 40 chilometri dal traguardo prende la via dei campi per questioni fisiologiche. Insomma, in questo Giro “green” andiamo anche a concimare. Alla fine, però, è un po’ vuoto. 

Matteo MOSCHETTI. 6,5.  Il milanese della Trek Segafredo si butta anche questa volta nella mischia e porta a casa un più che buon quarto posto.  

Andrea PASQUALON. 6,5. Entra in collisione con Peter Sagan e qualcosa perde, ma centra un buon piazzamento nella top five.

Fernando GAVIRIA 5,5. Ha il merito di provare a cambiare schema, e tenta la carta a sorpresa, partendo lunghissimo. Forse più che alla vittoria, pensava a scappare da Molano. 

Dylan GROENEWEGEN. 6. Prova a fare una volata che non è propriamente nelle sue corde, e porta a casa un settimo posto che vista la lunga inattività e la ruggine che ha accumulato non è poi da gettare via. 

Filippo FIORELLI. 6. C’è sempre il ragazzo dalla Bardiani CSF Faizané. C’è sempre negli arrivi in volata, anche questa volta. 

Giacomo NIZZOLO. 5. Lui ha la gamba per poter sprintare anche su arrivi non propriamente in piano, ma oggi va un po’ più piano.

Peter SAGAN. 5. Mi dà l’impressione di partire da dietro a tutta, ma va a cozzare con Pasqualon e non solo si disunisce, rischia pure di rovinare per terra. Resta miracolosamente in piedi, ma la volata è andata.

Elia VIVIANI. 5. Niente, oggi quasi neanche sprinta. 

Umberto MARENGO. 8. Il ragazzo della Bardiani CSF Faizané si butta anche oggi, con Simon Pellaud (Androni Giocattoli Sidermec) e il britannico Mark Christian (Eolo Kometa). Il primo aveva già tentato nella seconda, (brevemente nella) quarta e nella quinta tappa, il secondo nella terza e nella quinta. Insomma, i due vanno di fretta. E l’interrogativo è sempre lo stesso: ma se non ci fossero questi tre squadre invitate, chi si prenderebbe la briga di fare qualcosa in tappe così noiose? Ah saperlo…

ANDRONI Giocattoli. 8. La formazione di Gianni Savio e Giovanni Ellena per il sesto giorno consecutivo entra nella fuga di giornata. Solo nella crono iniziale di Torino si sono dovuti adeguare ad una lista di partenza, e Gianni Savio non l’ha presa benissimo: «Vi volevo anche oggi all’attacco!». Noi scherziamo, i ragazzi dell’Androni no.

Domenico POZZOVIVO. 17. Tirato giù dopo soli 2 km dal colombiano Jonathan Caicedo, dopo poco rifinisce a terra e per uno che di incidenti ne ha avuti a frotte avrebbe tutto il diritto di tirare giù accidenti.

UCI. 4. È un ciclismo molto “green” ma anche un po’ folle, che chiede ai corridori del Giro e non solo a loro, di rispettare l’ambiente (e andrebbe anche bene), con regole perlomeno da rivedere. Occhio alla gabba, occhio alla borraccia, occhio alla stagnola, occhio alle green-zone, occhio a tutto, poi se un corridore si distrae: abbattiamolo, così impara! È un ciclismo estremo, fatto però di regole estremiste. Al limite della comprensione umana. 

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
OSS
14 maggio 2021 20:31 pagnonce
DANIEL questa volta hai buttato una vittoria

Già...OSS oggi poteva vincerla
14 maggio 2021 20:56 Roxy77
Peccato per Daniel oggi gli ordini lo hanno frenato altrimenti chissà ..

Le frasi celebri
14 maggio 2021 23:34 pickett
Immaginate una musica solenne in sottofondo,e la voce di Vittorio Gassman a pronunciare la frase:"Molti corridori non hanno fatto la ricognizione,e conoscono l'arrivo solo PER SAPUTO DIRE;sull'ultimo strappo qualcuno potrebbe partire IN CONTROMANO"(Giada Borgato).Giovanni Trapattoni le fa un baffo!

ma gaviria
15 maggio 2021 08:36 Line
un talento , che si sta perdendo forza Fernando

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Apllausi per Mattia Pinazzi che si aggiudica l'inedito Gran Premio Criterium d'Italia-città di Saronno per la categoria under 23. La kermesse varesina, svoltasi stamane nel tardo pomeriggio, è dunque appannaggio del ventenne parmigiano della Biesse Arvedi che sul traguardo ha...


Si è tenuto oggi nell'Aula di Palazzo Madama l'"Omaggio allo sport tricolore", evento dedicato alle vittorie dei campioni italiani che hanno brillato nelle Paralimpiadi e Olimpiadi di Tokyo 2020, agli Europei di calcio e in altre...


Arne Marit, 22enne belga di Vollezele del team Sport Vlaanderen Baloise, ha vinto a sorpresa il Grand Prix Plumelec-Morbihan di classe 1.Pro che si è corso in Francia. Marit, che si è sbloccato cogliendo la prima affermazione, allo sprint ha...


Tornano, a più di un anno di distanza, i mondiali di ciclismo su pista. Dal 20 al 24 ottobre, sul velodromo Jean-Stablinski di Roubaix si svolgerà l’ultimo appuntamento di un anno, il 2021, intenso e ricco...


Il talento danese Johan Price Pejtersen (Uno X Pro Cycling), che proprio in queste ore ha firmato un contratto da professionista con la Bahrain Victorious per il prossimo anno, ha conquistato il titolo nazionale a cronometro degli under 23 che...


Brutta avventura per Stefano Sirotti, storico fotografo del ciclismo professionistico: in questi ultimi giorni il professionista romagnolo è impegnato a seguire le ultime corse di stagione in terra veneta e mentre si stava spostando in auto, tra Jesolo e Venezia...


Caro direttore, da ieri sono stato sommerso di telefonate, a seguito di articoli riguardanti le nostre sponsorizzazioni per il 2022, ed oggi il vostro articolo ha fatto precipitare la situazione al punto che ho dovuto abbandonare una pedalata con amici...


Ieri terza nella Classique Morbihan, oggi prima nel Grand Prix Plumelec-Morbihan. Finale di stagione in gran spolvero per Chiara Consonni, bergamasca della Valcar Travel & Service, che piazza la botta vincente sul traguardo della classica francese svoltasi sulla distanza di...


È in calendario domani, domenica 17 ottobre,   la prima edizione della Veneto Classic per professionisti. La corsa fa parte di un pacchetto chiamato "Ride the Dreamland", creato dall’ex professionista Filippo Pozzato, Jonny Moletta e altri collaboratori e il sostegno...


La puntata di Velò andata in onda giovedì sera su TvSei è stata particolarmente interessante, sono stati diversi gli argomenti trattati con Stefano Giuliani, Riccardo Magrini, Fausto Scotti e Luciano Rabottini. Se la volete vedere o rivedere, potete farlo andando su all'indirizzo https://youtu.be/pQIO7aweg_A


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI