ALLARME EGAN BERNAL: IL GIRO È IN FORSE, SABATO PARTE E POI...

GIRO D'ITALIA | 03/05/2021 | 14:00
di Guido La Marca

Una cosa è certa: sarà un Giro in corsia. Tra acciaccati e convalescenti, quello di quest'anno sarà un Giro d'Italia piuttosto ammaccato. Nibali ha sciolto le riserve e ci sarà, ma viene da una brutta frattura al radio e l'ulna e non è come dirlo. Stesso discorso vale per Remco Evenepoel che dagli ambienti di casa sua arriva solo la eco di una condizione eccezionale, ma una cosa è certa, dopo il volo al Lombardia non ha più corso e il Giro sarà la gara del rientro. E poi tra i nomi celebri e attesi c'è proprio il 24enne colombiano della Ineos vincitore del Tour 2019, che da un anno lamenta mal di schiena (per la stessa ragione Pinot ha dato forfait) a causa di una gamba più corta e quindi per problemi posturali non di facile soluzione da affrontare. Al momento Bernal è in squadra, ma da troppo tempo rimbalzano notizie contrastanti e si susseguono rumors sulla sua defezione. Francamente, per lui ma anche per noi, speriamo che queste siano solo voci e come tali restino. In serata filtrano notizie confortanti dal clan Ineos: Bernal sabato ci sarà, con tanto di numero 1 spillato sulla maglia. Forza Egan, il Giro ha bisogno del tuo talento, del tuo sorriso, della tua classe. Il Giro è casa tua!


Copyright © TBW
COMMENTI
Logico
3 maggio 2021 15:09 pickett
Secondo voi,se non avesse avuto problemi fisici importanti, lo scorso inverno avrebbe optato per il Giro?Vedremo se la Ineos lo sostituirà con un corridore decente o col primo che capita.

x l'ineffabile pickett
3 maggio 2021 15:41 noodles
Sì . lo voleva già correre l'anno scorso prima del Tour. Poi da detentore scelsero di rimandare. Lo ha detto Lui stesso varie volte.

sostituto
3 maggio 2021 16:02 fransoli
il sostituto che non farebbe rimpiangere Bernal sarebbe Carapaz, che per quanto ha fatto vedere nelle Ardenne è in buonissima condizione... vediamo se hanno il coraggio di dirottarlo dal tour al giro

Carapaz lo tengono per il Tour
3 maggio 2021 19:30 marco1970
Carapaz lo tengono per il Tour per giocarsi le sue carte o in supporto a Thomas se resta in piedi,perchè cade sempre.Speriamo che a Moscon sia data la libertà di conquistare qualche tappa come pure a Ganna che è uscito piuttosto appannato dal Giro di Romandia.

perchè lo danno come secondo favorito?
3 maggio 2021 21:00 alerossi
è dal tour 2019 che non fa nulla (nemmeno un piazzamento), e il tour 2019 è stato uno dei più scadenti degli ultimi anni, basti pensare che la maglia gialla alla 19° tappa era sulle spalle di un non scalatore come loulou e che è stata tagliata 1 tappa per maltempo.

noodles
3 maggio 2021 23:29 pickett
Lo voleva correre ma ,guarda un po',non lo ha corso.La semplice verità é che il Giro lo corre chi non ha nessuna speranza,non dico di vincere,ma neppure di salire sul podio del Tour.Vedasi Landa,che lo scorso anno ha preparato il Tour a puntino,e si é reso conto che ormai é fuori dalla sua portata.Ed eccolo al Giro.

x l'ineffabile pickett
4 maggio 2021 13:29 noodles
hai ragione. In effetti negli ultimi anni, da quando con Cairo il Giro è tornato nel posto che merita, lo hanno corso froome quintana thomas pinot kruijswijk nibali valverde uran porte. tutta gente che in effetti non è mai salita sul podio di Parigi in carriera.

x lo zuccone noodles
4 maggio 2021 15:37 pickett
Tutti i corridori che hai citato(a parte Nibali,ovviamente),l'anno in cui hanno corso il Giro,non avevano alcuna speranza di lottare per la vittoria del Tour.Se poi sono saliti sul podio del Tour 3 anni + tardi,o tre anni prima,é un altro discorso.La prima volta non ho aggiunto un aggettivo davanti al tuo nick,ma poiché tu continui a farlo col mio,mi sono adeguato.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Le domeniche del Giro d’Italia – anzi i due giorni di fine settimana, così come per tutti i giri a tappe, di solito, soprattutto negli ultimi decenni – presentano tappe disegnate per offrire spettacolo, in omaggio anche alla ricerca dell’’audience...


A circa una settimana dal suo lancio sul mercato internazionale, sono certo che la nuova Canyon Grizl abbia già smosso l’immaginario e il desidero di molti appassionati di gravel. Dalla sua questa nuova bici si propone come un mezzo estremamente...


Torna il grande ciclismo in provincia di Cremona con il 38° Gran Premio Sportivi Sestesi che si svolgerà quest'oggi a Sesto ed Uniti con l'organizzazione del Velo Club Cremonese B&P Recycling del presidente Cristiano Colleoni e del direttore tecnico Fulvio Feraboli. Come...


È emersa una nuova interessante idea per far rispettare la distanza di sicurezza tra un ciclista e un altro mezzo al passaggio: una barra luminosa in grado di ruotare di 90 gradi così da formare una sorta di piccola barriera di segnalazione...


Continuano le iscrizioni alla BERGHEM#molamia, l’evento cicloamatoriale che è in programma domenica 13 giugno 2021, sempre a Gazzaniga, in Valle Seriana, e che rappresenta un momento imperdibile già per tanti appassionati.  La BERGHEM#molamia vuole far scoprire il benessere offerto dalla...


Malgrado il Covid e l’incertezza legata alle regole per gli ingressi sul territorio italiano, sarà un’edizione record per il Rally di Romagna MTB - Gyproc Saint Gobain. La manifestazione di Riolo Terme - in programma dal 29 maggio al 2...


Si avvicina un’intensa stagione di gare al Velodromo “Attilio Pavesi” di Fiorenzuola d’Arda (Piacenza), che culminerà con la 24^ edizione della 6 Giorni delle Rose Internazionale, gara di classe 1 Uci dal 30 giugno al 5 luglio. A “tirare la...


  Novità per la maglia ufficiale della Toscana, che viene indossata dagli atleti e dalle atlete del ciclismo toscano quando fanno parte della rappresentativa regionale. Il debutto della nuova divisa domani domenica in due gare juniores, il Memorial Michael Antonelli...


Victor LAFAY. 10. Ce la fa, ce la fa, ce la fa. Ce l’ha fatta Victor Lafay che si pronuncia lafé! Il 25enne lionese diretto da Roberto Damiani coglie il suo primo successo da pro al Giro al termine di...


In ammiraglia a guidare Victor Lafay verso il successo c’era Roberto Damiani, il tecnico italiano che a questo Giro d’Italia ha portato ragazzi con l'obiettivo di inseguire le vittorie di tappa. «Siamo tutti felici e abbiamo sempre creduto nelle capacità...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155