FELIPE ORTS, IL CROSSISTA VIAGGIATORE CHE VUOL CONQUISTARE IL BELGIO

STORIA | 19/01/2021 | 08:00
di Francesca Monzone

Quella di Felipe Orts Lloret è una storia bella, talvolta tinta con i colori romantici di chi cerca un riscatto o insegue l’opportunità della vita. Ha 25 questo ragazzo nato a Villajoyosa, vicino ad Alicante, e il suo sogno è quello di diventare un campione nel ciclocross.


Felipe Orts campione lo è già diventato nella sua Spagna, dove ha conquistato il titolo di campione nazionale già tre volte e nei Mondiali under23 di ciclocross del 2017 dove ha conquistato la medaglia d’argento. Nel suo Paese è senza dubbio il ciclocrossista più forte, tanto da tagliare il traguardo per primo in ogni gara.


Anche all’estero si difende e nelle gare elite, dove dominano Van Aert e Van der Poel oltre al britannico Pidcock, è spesso l’unico corridore nella top ten che non viene da Belgio e Olanda. Proprio in Belgio Felipe Orts ha trovato amici che lo aiutano, ma anche un soprannome importante: molti lo chiamano lo Sven Nys di Spagna.

Attualmente è decimo nella classifica UCI e in questa stagione è arrivato al quinto posto a Gullegem, sesto a Essen e tre volte settimo (al Campionato europeo, a Ruddervoorde e Merkplas).

Lo spagnolo sa che per poter essere competitivo deve correre in Belgio e Olanda e per farlo si è organizzato con un camper, con il quale ogni settimana percorre 3600 chilometri tra andata e ritorno. I voli aerei sono più che dimezzati e per lui, essere presente alle gare non è facile: così, senza fare troppe storie, Felipe e i suoi meccanici attraversano mezza Europa per essere alle gare, alternandosi alla guida in viaggi che talvolta superano le 20 ore.

Grazie al supporto del manager Benny Van Calster, Felipe riesce a rimanere in Belgio per lunghi periodi, come accade in questi giorni quando, dopo la gara a Mol dove ha chiuso al dodicesimo posto, resterà nelle Fiandre fino al Mondiale di Ostenda.

Il ragazzo spagnolo, che corre con la Teika-BH-Gsport, da marzo sarà impegnato con la maglia della ProTeam Burgos-BH, correrà su strada e gli piacerebbe essere al via della Vuelta.

Felipe Orts, da tutti conosciuto come il ciclocrossista solitario, vorrebbe realizzare un sogno: poter vivere in Belgio per diventare ancora più bravo. Felipe ha parlato con la stampa fiamminga e sorridendo ha detto di poter lasciare il sole spagnolo per inseguire la sua strada.

Non parla olandese e il suo inglese è abbastanza scolastico, ma sa farsi capire e soprattutto sa farsi voler bene e sarebbe disposto ad imparare anche l’olandese, se gli venisse chiesto. Lo Sven Nys spagnolo ha deciso di non arrendersi e spera di poter trovare un ingaggio, forse proprio con il vero Nys, che conosce la sua storia e la sua determinazione.

Ora comunque rivedremo Felipe nell’ultima tappa di Coppa del Mondo a Overijse e poi al mondiale di Ostenda, dove la sabbia sarà per lui un ostacolo ulteriore da superare per entrare nella top 10.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Dopo la mancata assegnazione della wild card per il Giro LA ANDRONI SIDERMEC scrive all’Mpcc (Movimento per un ciclismo credibile). Ecco la lettera. E’ credibile un ciclismo che non tenga in alcun conto i principi etico sportivi? Per noi: no,...


La campionessa belga Lotte Kopecky ha vinto Le Samyn des Dames, seconda classica belga della stagione. La portacolori della Luv Racing ha regolato allo sprint il gruppo delle migliori con la danese Jorgensen al secondo posto e l’australiana Hosking al...


Il Giro d’Italia si prepara a celebrare il proprio simbolo: la Maglia Rosa, che compie 90 anni. Un percorso da marzo a settembre che coinvolgerà tutti gli appassionati del grande ciclismo e in particolare la fan base della Corsa Rosa....


Alejandro Valverde aggiunge un altri riconoscimento prestigioso alla sua collezione: il campione murciano è stato premiato stamane da Re Filippo di Spagna: a Valverde è stato attribuito il Premio Rey Felipe, nel corso della cerimonia di consegna dei Premios Nacionales...


Un altro debutto. Un’altra prima volta. Un’altra giornata fatta di emozioni con un pizzico di incredulità. Sabato il team EOLO-KOMETA sarà al via della quindicesima edizione della Strade Bianche: la prima corsa di categoria UCI WorldTour per il nostro team...


Dopo l'ottimo debutto in campo nazionale la Work Service Marchiol Vega si prepara per due appuntamenti infrasettimanali di assoluto primo piano: domani, mercoleì 3 marzo, infatti, gli uomini dei patron Demetrio Iommi, Renato Marin, Giuseppe Lorenzetto e Massimo Levorato saranno...


Caro Direttore, ad essere Altolocati , ce la si potrebbe cavare con un indiscutibile " La Giustizia non è di questo mondo". Amen, e buonanotte suonatori.Siccome non vedo  in circolazione nessuno che sia... a due dita dal Padreterno, dobbiamo arrangiarci...


Roadlite:ON è stata ed è una bici importante per Canyon, infatti, questa fitness e-bike ha fatto capire anche ai più restii quanto mezzi come questo possano mantenere in salute chiunque li utilizzi con regolarità. Versatile e sportiva, Roadlite:ON sfrutta il compattissimo sistema...


Stima e credibilità. Attributi che calzano a pennello ad Andrea Schiavone, il massofisioterapista non solo di ciclisti professionisti e dilettanti, ma anche di personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport come Ignazio Moser, Cecilia Rodriguez, Marco Melandri, Alice Arzuffi,...


Tadej Pogačar e l’UAE Team Emirates hanno un ulteriore motivo per gioire dopo il successo nell’UAE Tour: le strade del giovane talento sloveno e quelle della squadra emiratina saranno unite fino ad almeno il 2026. Matar Al Yabhouni, Presidente dell’UAE...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155