LECHNER. «DELUSIONE TRICOLORE, CERCHERO' RISCATTO AL MONDIALE»

CICLOCROSS | 14/01/2021 | 08:15
di Francesca Monzone

I Campionati Italiani non sono andati come voleva: a Lecce Eva Lechner (@BettiniPhoto) si è dovuta accontentare del terzo posto. Eva è il simbolo del ciclocross italiano da tanti anni, lei campionessa instancabile, l'atleta che per 11 volte ha indossato la maglia con il tricolore. Solo nel 2011 aveva ceduto il primo posto, a Roma dentro l’ippodromo delle Capannelle, dove a vincere, quella volta in una volata ristretta, era stata Vania Rossi davanti alla Cucciniello. A Lecce domenica scorsa la vittoria è andata alla Arzuffi che ha chiuso davanti alla Teocchi seconda, con Eva Lechner terza.


Atleta straordinaria e instancabile, nella sua carriera ha vinto tanto sia nel ciclocross, dove spicca l’argento di Hoogerheide nel 2014, che con la Mountainbike. In Puglia c’è stata delusione, ma la ragazza di Bolzano, adesso in ritiro ad Ardea alle porte di Roma, guarda avanti, a quel Mondiale di Ostenda dove vuole andare bene e dimostrare che tra le grandi ciclocrossiste mondiali c’è anche lei.


Per lei i Campionati Italiani si sono conclusi con un terzo posto, non era questo il risultato che voleva. Cosa è successo in gara?
«La gara per me è andata abbastanza male. Ero un po’ indurita all’inizio e alla fine mi sono lasciata innervosire troppo. Ho reagito nei tempi sbagliati e la gara era troppo corta. Quindi posso dire che non è andata come volevo».

Si rimprovera qualcosa?
«Forse, è difficile da dire, non ho ancora ben chiaro cosa sia successo in gara. C’è stata delusione perché nel ciclocross ho sempre conquistato il titolo io. Dal 2009 ad oggi ho vinto 11 titoli, saltando solo nel 2011, quindi è logico che ci sia delusione».

Come sta vivendo questo periodo di avvicinamento al Mondiale di Ostenda?
«Siamo venuti ad Ardea dopo la gara in Puglia. Stiamo lavorando tanto con la nazionale già da lunedì mattina: il mio è un lavoro adesso di carico, con doppio allenamento ogni giorno e abbiamo corso anche sulla sabbia. Domani dovrò tornare a casa perché partirò per il Belgio».

Che gare affronterà prima del Mondiale?
«Sabato farò una gara in Belgio, perché non ho più corso da dopo Natale. Hanno spostato a febbraio la gara in Olanda di domenica prossima a causa del Covid-19, quindi andremo ad Ostenda per provare il percorso. Non c’erano voli disponibili per tornare in Italia, così ne approfittiamo per andare sul percorso. Poi una settimana prima del Mondiale, faremo l’ultima tappa di Coppa del Mondo che sarà un test importante per tutti».

La sua stagione fino ad oggi come è stata?
«Non bellissima e ci sono stati diversi problemi dopo la caduta a Tabor, dove avevo colpito forte le ginocchia. Ancora oggi ho dei risentimenti fisici a causa di quella caduta e purtroppo devo dire che dopo quell’incidente sono stata costretta a fermarmi. Dopo le gare in mountain bike non ho avuto un solo attimo di pausa, devo dire che è stata una stagione veramente non facile per me».

Che tipo di percorso è quello di Ostenda mondiale?
«Lo potrò vedere solo la prossima settimana, sappiamo che domenica la nazionale francese proverà il percorso e andrò anche io con la mia squadra. E’ un percorso con poca salita, molto pianeggiante, con un ponte abbastanza impegnativo e tratti di sabbia. Ci saranno molti tratti di prato e bisognerà vedere anche il meteo».

Che tipo di terreno vorrebbe trovare?
«Io spero che ci sia del fango per fare la gara dura, saremo vicino al mare e anche il vento che viene dal mare potrebbe avere un ruolo importante».

Chi saranno le sue avversarie?
«Ci sono le olandesi che vanno veramente tanto forte. Ma anche loro sono degli esseri umani e possono commettere degli errori. Io comunque cercherò di dare il massimo come sempre, di essere concentrata e di correre il miglior Mondiale Possibile».

Il 2021 per lei sarà un anno intenso: chiuso il Mondiale inizierà la preparazione per le Olimpiadi di Tokyo. A che punto siete con le qualificazioni?
«Abbiamo ancora due prove di Coppa del Mondo, che aggiungeranno nuovi punti per le qualificazioni. Siamo a buon punto per la strada che porta a Tokyo, ma per avere la certezza di essere qualificati dovremo aspettare maggio».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Anche se non potrà ancora andare in bici, Remco Evenepoel è tornato in Spagna per restare con i suoi compagni di squadra. Il giovane talento belga, dopo una battuta d’arresto nel percorso di recupero, era rientrato in Belgio ma, dopo...


È un periodo di difficile per i lavoratori, costretti a fare i conti con una crisi economica dirompente, ma anche per i bambini e ragazzi, obbligati a restare in casa nei mesi che dovrebbero essere i più spensierati della loro...


Gli organizzatori della Volta a Catalunya hanno ufficializzato le wildcard per la corsa che si disputerà nel mese di marzo. Accanto alle 19 squadre di WorldTour e alla Alpecin Fenix che è invitata di diritto, le wildcard sono state assegnate...


La Groupama FDJ cambia le carte in tavola e soprattutto cambia obiettivo per i suoi grandi leader: nel 2021 Arnaud Demare andrà a caccia di volate al Tour de France mentre Thibaut Pinot tornerà al Giro d’Italia per dare la...


Il campione del mondo Julian Alaphilippe inizierà la sua ottava stagione da professionisa pro tra tre settimane al Tour de la Provence, che si svolgerà tra l'11 e il 14 febbraio. Creata cinque anni fa, la gara avrà ancora una...


Si allunga la lista delle corse cancellate di inizio stagione a causa dell'emergenza epidemiologica: le ultime a dare forfait sono state il Saudi Tour (2-6 febbraio) e il Tour of Oman (9-14 febbraio), entrambe organizzate dal gruppo ASO. La spiacevole...


Il Giro d’Italia si prepara a tornare a Sestola e Giulio Ciccone e tornare sul luogo... del delitto! La notizia arriva direttamente dal Governatore della regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini: ospite a Trc per commentare la partita del Modena contro la...


Per celebrare il suo centenario, Shimano annuncia con orgoglio l’estensione della partnership con Amaury Sport Organization (ASO), proprietaria di prestigiose gare a tappe come il Tour de France, la Vuelta, la Parigi-Nizza e il Critérium du Dauphiné, oltre a prestigiose...


Dopo 20 anni trascorsi a pedalare Federico Zurlo volta pagina, scende dalla bici e lo fa senza rumore. Non è un tipo che drammatizza, ma è un addio amaro, immaginava un finale diverso. Smette per mancanza di opportunità: dopo due...


Mentre parte del team è impegnato sulle strade del Venezuela dove si sta svolgendo in questi giorni la Vuelta al Tachira, 10 atleti della Bardiani CSF Faizanè questo mercoledì 20 gennaio voleranno in direzione di Valencia per il primo training...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155