TRENTIN. «SONO PRONTO A SORPRENDERE...»

PROFESSIONISTI | 18/10/2020 | 09:11
di Francesca Monzone

Matteo Trentin è pronto per il suo finale di stagione in Belgio, al termine del quale toglierà la maglia dellla CCC per vestire quella della UAE Emirates. Dopo il terzo posto alla Gent-Wevelgem, oggi affronta il Giro delle Fiandre per terminare con la Driedaagse Brugge-De Panne.


Lei ha già corso altre gare in Belgio in questi giorni. Com’è andata?
«E’ andata abbastanza bene, non abbiamo avuto pioggia e questa è già una cosa buona considerando la stagione, anche se fa abbastanza freddo. Ho fatto un terzo posto alla Gent-Wevelgem e penso che sia un buon risultato in vista del Fiandre. Sono sempre stato davanti e ho attaccato e questi sono tutti segnali positivi».


Quali sono i suoi obiettivi per oggi?
«La mia sarà una corsa tranquilla perché i favoriti saranno Van der Poel e Van Aert e tutti seguiranno loro e quindi io correrò senza essere controllato troppo».

Cosa potrebbe accadere in gara?
«Il Fiandre è una corsa che può sorprendere, ci sono i favoriti e poi all’improvviso parte quel corridore che non ti aspetti. Tra i favoriti io metterei anche Alaphilippe e tutti quelli che saranno nel gruppo di testa. Questa è una corsa che vinci solo se riesci a stare davanti e la squadra più forte per me rimane la Deceuninck-Quick Step».

Il Belgio è la patria del ciclismo. Quanto sono cambiati gli scenari con il lockdown?
«Ovviamente è diverso dal solito. Quando veniamo qui in primavera c’era odore di patatine fritte ovunque e un bagno di folla, adesso c’è un’altra percezione. Alla Gand-Wevelgem non c’era nessuno alla partenza e all’arrivo e anche lungo il percorso non c’era gente. Mi ha fatto impressione passare lungo i settori di gara e non trovare tende montate o camper, che di solito si vedevano già dal giovedì. Qui il messaggio degli organizzatori è passato chiaro».

Di quale messaggio stiamo parlando?
«Gli organizzatori di Flanders Classics, hanno chiesto alla gente di rimanere a casa per far continuare le corse e la gente ha capito. Certo non subito perché alla Liegi-Bastogne-Liegi c’era molto pubblico, ma adesso non c’è più una persona neanche lungo il percorso. Tutti guardano le corse da casa e speriamo che lo facciano anche oggi».

Cosa pensa delle polemiche che ci sono state sul Giro d’Italia e il Covid da parte di alcune squadre e corridori?
«Molte le ho trovate sterili. Se uno vuole andare a casa, lo faccia davvero. De Gendt ha espresso il suo pensiero ai giornalisti, altri fanno i ciclisti mascherati e scrivono messaggi anonimi. Non capisco perché lamentarsi dopo 10 giorni di corsa, se uno a Palermo ha visto delle cose che non gli sono piaciute, doveva parlare subito. Probabilmente qualcosa c’è stato, io non posso giudicare perché non c’ero, ma veramente parlare dopo tanti giorni non aiuta nessuno».

Lei ha corso anche in Italia, si è sentito al sicuro?
«Ho corso poco in Italia solo Milano-Sanremo e Campionati Italiani, mi sono sentito al sicuro, ma vorrei dire che gli errori a mio avviso sono stati a livello di comunicazione delle società organizzatrici. Flanders Classics e gli organizzatori dell’Amstel Gold Race hanno subito detto alla gente di stare a casa, attraverso un messaggio molto chiaro. Aso ed RCS hanno sempre detto di mantenere le distanze e mettere le mascherine, ma non hanno mai detto alla gente c’è il covid state a casa quest’anno».

Lasciando le varie polemiche sta seguendo il Giro d’Italia?
«Sì, lo sto guardando con molta attenzione e devo dire che fino ad ora non ci sono state grandi sorprese. Ganna ha fatto nuovamente un capolavoro ieri e Almeida con Kelderman hanno guadagnato qualcosa sugli altri».

Si andrà in montagna la prossima settimana, il meteo quanto potrebbe influire?
«Per la prossima settimana il meteo dovrebbe essere in miglioramento, con temperature un po’ più miti. Naturalmente salire sopra i 2000 metri non sarà facile e il freddo potrebbe creare molti problemi. Non mi preoccupa molto la tappa con il Sestriere, ma Stelvio e Colle dell’Agnello le vedo improbabili».

State correndo mentre nel mondo c’è una pandemia e dovete sottoporvi a test e ad una vita con molte limitazioni. Vivete tutto questo come uno stress?
«Certamente non è facile ma dobbiamo pensare che ci stanno facendo correre e che l’alternativa sarebbe stata quella di rimanere a casa. Dobbiamo abituarci a nuove regole e se vogliamo che le cose funzionino, dobbiamo rispettare quanto ci viene indicato dai nostri governi».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
E come english. In sense of Giro’s official language. Sorry, rewind. I come inglese. Nel senso di lingua ufficiale del Giro. Perlomeno, la più utilizzata: sui profili social della corsa, l’italiano scritto è come un italiano in gara, viene...


La giornata più importante del Giro d'Italia è iniziata con una brutta avventura domestica per il ct Davide Cassani. Stamane, infatti, è rimasto vittima di un incidente che avrebbe potuto avere conseguenze più gravi ed ha riportato alla mente quello...


Alla Vuelta di Spagna un altro ritiro importante: si tratta di Thibaut Pinot, che oggi non si è presentato al via della terza tappa che prevede l'arrivo in salita da Lodosa a La Laguna Negra. Il corridore della Groupama Fdj...


La nuova collezione invernale Equipe offre una naturale estensione dell’Assos Layering System, un sistema che abbina capi, quindi strati diversi, per garantire a chi pedala durante l’inverno la massima stabilità a livello di temperatura corporea. Il passaggio è semplice, più...


Giovanni Visconti non prenderà il via nella 18^ tappa del Giro d'Italia da Pinzolo ai Laghi di Cancano. Come informa Paolo Raugei, dottore della Vini Zabù - Brado - KTM, il siciliano soffriva da alcuni giorni di una tendinite del...


RCS Sport, in accordo con l'UCI (Union Cycliste Internationale) e con le squadre al Giro d'Italia, ha sottoposto queste ultime ad ulteriori controlli antigenici, al fine di rafforzare le misure sanitarie previste dal protocollo UCI, e nel rispetto delle misure...


Anche noi siamo sulla nostra Cima Coppi, la vetta più alta e più bella che la corsa rosa affronterà quest’oggi, mentre noi l’abbiamo scalata inconsapevoli ieri. Un altro record, per quanto ci riguarda pazzesco: in un solo giorno 145.142 visitatori,...


Comunque vada la corsa, non avrà tempo di brindare in cima allo Stelvio e allora lo facciamo qui, tutti insieme perché il traguardo che taglia oggi Roberto Bettini è davvero importante. «Succede anche questo nel 2020: si cambia decennio, il...


Stelvio chiuso da ieri pomeriggio verso le 17, ma qualcuno ha deciso di salire comunque in vetta e di dormire al gelo. Pochi, pochissimi, 15 persone in tutto (contate passando in auto stanotte). Soluzioni come tenda, e inevitabile mangiata...


Guerciotti è pronta a presentare la sua nuova gamma elettrica, che sarà svelata lunedi 26 ottobre alle ore 19.00 su tutti i canali social dell’azienda milanese. per leggere l'intero articolo vai su tuttobicitech.it


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155