MERCKX. «LA JUMBO VISMA HA COMMESSO UN GRAVE ERRORE, HA SOTTOVALUTATO POGACAR»

INTERVISTA | 21/09/2020 | 14:43
di Francesca Monzone

Il cinque volte vincitore del Tour de France Eddy Merckx non vuole rimanere in silenzio e critica il lavoro della Jumbo-Visma, spiegando perché, secondo lui, hanno perso il Tour.


«Hanno giocato con il fuoco e per questo hanno perso. Hanno gestito la corsa stupidamente». Con queste parole il “Cannibale” ha spiegato gli errori del team olandese. Secondo il campione belga, il vantaggio di Roglic sul suo avversario Pogacar non sarebbe stato sufficiente per vincere con una prova a cronometro.


Per Merckx l’errore della squadra sarebbe stato proprio quello di aver permesso a Pogacar di avvicinarsi troppo a Roglic.
«Chiedete a mia moglie e ai miei amici. Ho detto a tutti che dubitavo che un vantaggio di appena 50  secondi, con una cronometro da affrontare, fosse sufficiente per una vittoria. Pogačar non poteva attaccare da solo, sapeva perfettamente che la Jumbo Visma era più forte di lui. Ha giocato d’astuzia e per vincere ha aspettato di essere da solo contro il suo avversario. Pogacar stava solo aspettando la cronometro e la squadra di Roglič gli ha permesso di vincere».

Secondo Eddy Merckx, la Jumbo Visma avrebbe dovuto mettere al sicuro la maglia prima della cronometro, ribadendo che 50 secondi in una tappa a cronometro non sono mai un’assicurazione sulla vittoria.
«Pogačar ha solo 22 anni, è molto più fresco di Roglič e la Jumbo si è semplicemente dimenticata di lui. È come se si fossero dimenticati della Vuelta dell'anno scorso, dove Pogačar stava già mostrando la sua forza».

Il giovane della UAE Emirates ha fatto una grande impressione ad Eddy Merckx che pensa già alla prossima stagione e alle sfide tra i giovani campioni. «Penso che Pogacar abbia messo paura a tanti. Guardate Bernal per esempio, non poteva certamente immaginare un finale così. Mi viene in mente il nostro Evenpoel e onestamente non penso che sarebbe capace di tener testa a questo giovane sloveno. Sono veramente curioso di vedere come andrà la prossima stagione».

Copyright © TBW
COMMENTI
GIRO
21 settembre 2020 22:43 a01500
Così come al Giro dello scorso anno Roglic (e Nibali) hanno sottovalutato il terzo incomodo lo stesso è avvenuto quest'anno al Tour. Roglic è molto forte ma secondo me dovrebbe avere il coraggio di attaccare più spesso come facevano Froome Nibali Aru quando erano al top della forma.

Dirlo adesso è troppo facile
21 settembre 2020 23:23 pickett
Dopo la crono,anzi,già durante la crono,quando é apparso in sovrimpressione il primo intermedio,l'abbiamo capito tutti che la Jumbo aveva sbagliato tattica,aveva sottovalutato le doti da cronomen di Pogacar,non lo aveva mai attaccato,eccetera eccetera.Però col senno di poi sono bravi tutti.Merckx doveva dirlo ad un giornalista,non a sua moglie,allora sì che sarebbe stato credibile.

Mi sembra un commento ragionevole
22 settembre 2020 11:01 vecchiobrocco
La Jumbo ha copiato il copione da Sky/Ineos, però alla fine funziona solo se sei sicuro di avere abbastanza margine nelle cronometro. Alla fine in pratica hanno fatto i gregari di Pogacar, mentre Roglic si è sempre accontentato di attacchi negli ultimi metri...(forse non poteva fare di più). Avrebbero potuto sfruttare meglio Doumulain con attacchi da media distanza che avrebbero costretto le altre squadre a reagire, invece che trascinare tutti i primi di classifica fino all'arrivo... in ogni caso sempre senno di poi, ma sarà di sicuro un Tour che farà scuola per chi vuole vincere alla "Indurain"...

sempre con il senno di poi
22 settembre 2020 13:37 Manu77
A me pare che nessuno abbia interpretato in modo ''ufficiale'' la versione della corsa data dal grande Eddy...che , a posteriori, fa un'analisi peraltro corretta a mio parere. Tra l'altro forse ci eravamo dimenticati che al campionato nazionale a crono chi ha vinto era stato prorprio pocagar

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Nella giornata in cui il Giro d'Italia è tornao a Madonna di Campiglio, Mario Cipollini è intervenuto a “Sulle strade del Giro”, la trasmissione di Radio 1 Rai dedicata alla trasmissione in diretta delle fasi finali della tappa della corsa...


Primo atto della "due giorni della verità" di questo Giro d'Italia 103. I 203 km dolomitici da Bassano del Grappa a Madonna di Campiglio premiano l'australiano Ben O'Connor della NTT, che con un attacco decisivo a 8 km dall'arrivo cancella la...


Il direttore del Giro d'Italia Mauro Vegni ha confermato in diretta tv il cambiamento della tappa di sabato: «Sullo Stelvio ci andiamo sicuramente - ha esordito Vegni - ma siamo costretti ad annunciare il cambiamento della penultima tappa del Giro....


Yves Lampaert scrive il suo nome nell'albo d'oro della Tre Giorni di La Panne vincendo per distacco l'ultima classica belga della stagione. Classica peraltro condizionata dal forte vento, al punto che gli organizzatori sono stati costretti a cancellare un giro...


F come fantasmi. Nel senso di team che sono in gara, ma nessuno se ne accorge. Corrono all’insaputa di tutti, a volte anche di loro stessi. E’ una vecchia abitudine della corsa rosa, col tempo diventata obbligo: per regolamento deve...


Il timbro verrà messo tra poche ore, ma ormai è certo che non si disputerà nella sua forma originale la tappa numero 20 del Giro d'Italia, quella dell'Agnello e dell'Izoard. Come avevamo riportato questa mattina, le previsioni meteo annunciano neve...


Tutti si aspettano la tappa di domani, con arrivo a Cancano, per le dure salite che i concorrenti troveranno lungo il percorso. In realtà, dettaglio da non sottovalutare, sarà la discesa della Stelvio. 21 km dentro un freezer. Sulla cima...


Tornava ieri a correre inun grande giro dopo due anni, ha subito accumulato un distacco importante - più di 11 minuti - ma non si è aasolutamente preoccupato. Stamame, infatti, Chris Froome twitta così dalla Spagna:«Battesimo del fuoco per il...


La decisione definitiva verrà presa domani, alla luce delle più aggiornate previsioni meteo, ma di ora in ora calano le possibiltà di salire al Colle dell'Agnello e quindi all'Izoard. Le previsioni meteo, infatti, in questo momento non danno grande speranza...


È veramente difficile trovare ultimamente un marchio oltre a POC che si sia distinto di più per il design dei prodotti, forme innovative sempre connesse alla performance, questo sia chiaro. Il noto brand svedese ha portato una vera ondata di...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155