L'ORA DEL PASTO. GIANNI, IL CICLOVIAGGIATORE

LIBRI | 13/08/2020 | 07:50
di Marco Pastonesi

 

Correva in un velodromo: ora il suo velodromo è la Terra. Correva su una bici da corsa: ora corre su una mountain bike. La sua bici aveva lo scatto fisso ed era senza freni: ora la sua bici ha tre corone, una decina di pignoni, tre borracce e due zaini. Correva contro il tempo: ora corre con il tempo. Correva per mille metri: ora corre per migliaia di chilometri. Correva fotografato con il photofinish: ora corre fotografando con la macchina fotografica.

Campione del mondo nel chilometro da fermo nel 1969 (più tre titoli italiani e un quarto posto olimpico), ora – a 73 anni - Gianni Sartori è un cicloviaggiatore. Pedala ed esplora, scopre, fotografa; pedala e percorre, attraversa, raggiunge; pedala e respira, condivide, abita; pedala e vive. Più pedala, più sente il bisogno, la necessità, l’esigenza di spingersi, spaziare, sconfinare. Che si traduce in natura, solitudine, libertà.

E adesso si traduce anche in un libro. Quadrato, a colori, 152 pagine di fotografie e didascalie. Da annusare e ammirare, di cui riempirsi e saziarsi, in cui tuffarsi e nuotare, con cui volare e sognare. “La natura nei sogni, il cuore sui pedali” è un cicloviaggio in Patagonia nel 2010: dal deserto di Atacama ai ghiaccioli di Los Penitentes, dalle impronte della Cueva de las Manos alle immersioni dei Flamengos sulla laguna, dal Lago General Carrera in primo piano alle guglie del Cerro Castillo all’orizzonte, dallo Stretto di Magellano alla strada infinita verso Los Nacimientos.

Sartori ha lo spirito inquieto di chi sa che c’è sempre un traguardo, una meta, c’è sempre un dietro, un oltre, c’è sempre un altro tratto, un altro pezzo. La strada è, come quella che conduce verso Los Nacimientos, infinita. Lui fotografa per testimoniare e ricordare, per documentare e trasmettere, per accompagnare i suoi racconti durante gli incontri scolastici o ciclistici. Tanta bellezza, soltanto a parole, potrebbe sembrare pura immaginazione. Racchiusa in un libro, come in uno scrigno, diventa reale.

 

 

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Non aveva ancora sulle spalle la maglia gialla quando Tadej Pogacar ha inviato al Comitato Organizzatore dei Campionati del mondo UCI 2020 di Imola - Emilia Romagna questo video, ma già aveva nel mirino la rassegna iridata che andrà in...


Archiviata anche la passerella finale degli Champs Elysées, è il momento di fare i conti: il Tour de France 2020 ha raggiunto quota 30 ritiri. Di 176 corridori partiti il 29 agosto, 146 hanno preso parte alla decisiva crono di ieri....


Tom Pidcock, vincitore quest'anno del Giro d'Italia Under 23, è il primo acquisto del Team Ineos Grenadiers per la prossima stagione. Lo anticipa il Telegraph spiegando che il giovane britannico è solo il primo tassello della rifondazione che Sir Dave...


  In 170 alla bella festa presso la sede della Misericordia di Carmignano per festeggiare gli 80 anni di Franco Bitossi, un grande campione del ciclismo nato in questo comune nella piccola borgata di Camaioni sulle rive del fiume Arno,...


Non è stato un sabato qualunque, ma un sabato alla grande, quello trascorso il 19 settembre da un gruppo d’amici, legati al ciclismo da eccellenti meriti personali con contorno di medaglie d’oro conquistate alle Olimpiadi, ai mondiali e ai campionati...


Che spettacolo il cross country del Campionato Italiano! Al Ciocco, in Garfagnana (Lucca), Eva Lechner (CS Esercito) è salita sul piedistallo ed è nuovamente la reginetta della mtb. Luca Braidot (CS Carabinieri) fa un bel bis...


L'ex campione del mondo di ciclismo su strada Joop Zoetemelk, 73 anni, che conquistò la maglia iridata nel 1985 mentre cinque anni prima aveva vinto il Tour, è stato investito da un'auto mentre andava in bicicletta nella regione metropolitana di...


La borsa sottosella è davvero utile e questo non lo dico solo nella veste di appassionato di gravel, infatti, mi è capitato diverse volte di montarla sulla bici da corsa per le uscite particolarmente lunghe. Nelle ultime settimane non ho...


Pogacar ha stupito tutti ma non se stesso. Dopo l’incredulità iniziale, il giovane sloveno, che domani compirà 22 anni, è rimasto con i piedi per terra e con calma sta metabolizzando la sua impresa."E’ tutto incredibile. Anche se fossi arrivato...


Nella sua Slovenia Primoz Roglic viene chiamato l’Aquila di Zasavje mentre Pogacar è soprannominato il Lupo della Gorenjska. L’Aquila il prossimo anno tornerà, questa è una certezza. E tornerà per sfidare il suo avversario e lo farà a partire dal...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155