ALLARME COMO. «NON SI RIPARTE, PRATICAMENTE IMPOSSIBILE ORGANIZZARE EVENTI»

GIOVANI | 06/07/2020 | 08:04
di Massimo Moscardi

Ciclismo giovanile comasco fermo fino al 2021. Niente gare e dispersione di corridori che, fermi da marzo e senza la prospettiva di competizioni, non si stanno più ripresentando agli allenamenti. È un quadro a tinte fosche quello che riguarda l’attività per i ragazzi sul territorio, ma che rispecchia la realtà.

«A livello nazionale sono state imposte direttive per l’emergenza Coronavirus che purtroppo non si possono conciliare con l’organizzazione delle nostre società, che si basano sul volontariato» sostiene il commissario provinciale della Federazione ciclistica Christian Rigamonti. «I nostri eventi sono basati sullo stare assieme, sui parenti che incitano i loro ragazzi, sul fatto che le gare si disputino per le strade e non in luoghi chiusi».

«I protocolli impongono spazi separati, distanziamento e, per esempio, la misurazione della febbre – aggiunge Christian Rigamonti – oltre che la raccolta di tutti i nomi con i recapiti da conservare per quindici giorni, in caso venga segnalata una positività al Covid-19. Cosa possibile per organizzazioni importanti, ma nel nostro caso, quando si fa fatica a trovare anche gente che vada a presidiare un incrocio, proporre una gara diventa impensabile».

«Queste sono le linee guida della Federazione e le accettiamo – afferma ancora il commissario provinciale - pur sapendo che stanno bloccando l’attività. A questo punto penso proprio che tutto sia destinato a ricominciare nel 2021».

Nel Comasco, da sempre uno dei territori più vivaci nell’organizzare corse giovanili, l’unica prova rimasta in calendario è la Giornata della bicicletta a fine settembre. Ma in realtà anche questo evento pare destinato a saltare.

C’è poi il problema dei ragazzi che non si stanno più ripresentando agli allenamenti delle loro squadre. «Ho segnalazioni da più società – conclude Christian Rigamonti – di corridori che non si sono più fatti sentire dopo il lockdown. Quindi quando si ripartirà bisognerà vedere anche quanti atleti avranno deciso di andare avanti a fronte di quelli passati ad altri sport o che – ma speriamo di no – avranno deciso di fermarsi definitivamente per delusione e carenza di motivazioni».

dal Corriere di Como a firma di Massimo Moscardi

Copyright © TBW
COMMENTI
Protocolli....
6 luglio 2020 10:06 Beffa195
Il Covid ha fatto molti danni e altrettanto sta facendo il famigerato comitato tecnico scientifico con i loro protocolli.....

La Federazione dov'è?
6 luglio 2020 10:18 Roxy77
Questa è la realtà il Signor Rigamonti non si è nascosto ha raccontato la verità , per le gare regionali nessuno si prende la responsabilità di dire come stanno le cose...si pubblicano protocolli impraticabili per le competizioni su strada...forse era meglio dire quest'anno non si corre ...non come stiamo facendo ora dove a parte la gare in pista (ad esempio a Pordenone mercoledì dovrebbero correre .....dovrebbero perché la gara non compare ufficialmente) è impossibile immaginare una gara su strada....

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Davide Fomolo è finalmente raggiante dopo la fuga solitaria di 70 km che gli ha permesso di conquistare il successo nella terza tappa del Giro del Delfinato: «Questa vittoria giunge dopo settimane di allenamento in altura con la squadra e...


La seconda Classica Monumento della stagione,  ultima corsa di agosto targata RCS Sport,  si prospetta come uno scontro generazionale tra corridori di esperienza pluriennale e giovani emergenti.  Tra i nomi di spicco il vincitore dell'edizione 2019 Bauke Mollema, il trionfatore del Giro d'Italia 2019 Richard Carapaz,...


Davide Formolo firma una vera e propria impresa tricolore. Il campione italiano è stato protagonista di una bellissima azione solitaria (70 km di azione individuale per il veronese), staccando i compagni di fuga sul Col de la Madeleine e andando...


Dopo il titolo dell'Inseguimento e il  secondo posto ottenuto ieri nel campionato italiano della corsa a punti, oggi Manlio Moro brinda al titolo tricolore dell'Ominium. Il friulano classe 2002 che difende i colori della Borgo Molino Rinascita Ormelle ha concluso...


La quinta ed ultima prova della Transmaurienne Vanoise, gara internazionale di mountain bike, ha ribadito l’egemonia delle ragazze del Trinx Factory Team che hanno letteralmente sbriciolato la resistenza delle avversarie nelle classifiche Donne Elite con Eva Lechner, e Donne Juniores...


Fabio Felline ritrova finalmente il sorriso dopo aver trascorso alcuni giorni difficili a causa dei postumi di una caduta che lo ha costretto a fare i conti con un'infrazione alla sesta costa. «Dopo qualche giorno di riposo ho ripreso a...


«Mancanza di sicurezza, distanziamento sociale non garantito e viabilità stradale fuori controllo»: questo il motivo che ha unito maggioranze e opposizioni di alcuni Comuni del Lago di Como che hanno fatto giungere la loro voce attraverso il sindaco di Oliveto...


4 gare in 4 giorni per i ragazzi del Team Colpack Ballan. Si comincia la DOMENICA con un doppio impegno, a Camerata Picena, in provincia di Ancona, con Antonio Tiberi e Andrea Piccolo in una prova contro il tempo con...


Per un Lombardia che non ha orecedenti nella storia, la Trek Segafredo mette in campo due corridori che questa classica momumento l’hanno già vinta: Bauke Mollema (2019) e Vincenzo Nibali (2015 e 2017, oltre al secondo posto nel 2018). Bauke...


Daniel Martin è stato coinvolto ieri nella caduta che si è verificata prorpio ai piedi del Col de Porte. L’irlandese della Israel Start Up Nation è finito a terra con Higuita e Latour tra gli altri e, dopo essere rimasto...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155