TEAM TAYLOR. NEGLI STATES NASCE UNA SQUADRA UNIVERSITARIA PER RICORDARE UN PIONIERE DI COLORE

NEWS | 06/06/2020 | 07:50
di Bibi Ajraghi

Una storia che profuma d’altri tempi sia per il personaggio a cui si ispira che per quella sorta di dilettantismo - nel senso più puro della parola - che le ruota attorno.


La storia è quella dell’Università Saint Augustine di Raleigh, nella Carolina del Nord, che ha deciso di creare una squadra di ciclisti intitolata a Major Taylor, il primo campione di colore della storia del ciclismo americano. Un campione poco conosciuto negli stessi Stati Uniti, un pioniere la cui storia diventa ancora più attuale in questi giorni di fermento e di proteste a seguito della morte di George Floyd.


La mente del progetto è quella del professor Umar Muhammad, titolare della cattedra di management sportivo, grande appassionato di cultura dello sport che confessa candidamente: «Pensavo di conoscere tutte le leggende dello sport che hanno infranto le barriere razziali, ma approfondendo gli studi mi sono imbattuto in Major Taylor ed è stata una grande scoperta». Fin da ragazzo, Marshall W. Taylor, figlio di un veterano della Guerra di Secessione, aveva iniziato a conquistare gli appassionati di Indianapolis con le sue acrobazie in bici e nel 1899 passò professionista arrivando a conquistare il titolo mondiale della velocità.

Un risultato straordinario e di grande significato per l’America che, lo ricordiamo, non ha mai visto un corridore di colore militare in un team di WorldTour (corridori di colore ce ne sono stati e ce ne sono, ma tutti di origine europea o africana, ndr).

È nata così l’idea della squadra ciclistica per rendere omaggio a Taylor ed è significativo che l’iniziativa nasca dall’Università di Saint Augustine, 800 studenti, una delle poche ad accogliere giovani di colore negli Stati del Sud durante i tempi della segregazione.

La squadra è regolarmente tesserata alla Federazione statunitense e conta al momento sei atleti, con l’ambizione di arrivare a dieci. E qui, dopo il profuno di storia, arriva quello del dilettantismo: già perché una atleta, Aaliyah Williams, fino ad ora faceva parte della squadra di basket; un altro viene dall’Eritrea e non ha mai gareggiato in bici; un altro ancora, Brandon Valentine-Parris, ha disputato i Giochi di Rio 2016 per Saint-Vincent-and-Grenadines nei 400 piani giungendo 45esimo e vuol essere il primo della storia a partecipare alle Olimpiadi tanto nell’atletica quanto nel ciclismo...

Per ora, anche a causa della pandemia, gli atleti del Team Taylor si sono misurati in allenamenti e sfide virtuali ma l’obiettivo è quello di iniziare a gareggiare il prossimo anno su strada. Nel nome di un grande campione di colore che ha scritto alucune delle primissime pagine della storia ciclistica degli States.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Finalmente le gare sono iniziate. Il primo titolo olimpico di Tokyo2020 del ciclismo se l'è aggiudicato Richard Carapaz. Lo scalatore dell'Ecuador che abbiamo conosciuto nel 2019 come re del Giro d'Italia ha tagliato un traguardo storico e fatto impazzire di...


Il Giro della Valle d'Aosta, chiuso in terza posizione, gli ha dato la perfetta condizione di forma e subito Mattia Petrucci l'ha sfruttata a dovere. Colpo vincente del veronese della Colpack Ballan nella Coppa città di Ovada per dilettanti che...


Sul traguardo di Quaregnon, Fabio Jakobsen mette a segno la sua doppietta personale e chiude tra gli applausi il Tour de Wallonie. L'olandese della Deceuninck Quick Step, che aveva vinto a Zolder nella seconda tappa, si è ripetuto nella frazione...


Richard Carapaz è al settimo cielo quando si presenta in sala stampa con l'oro olimpico al collo: «È stata una giornata un po' pazza, una corsa molto dura, io ho avuto pazienza e aspettato il mio momento, poi ho avuto...


Wout van Aert rende onore al suo avversario e nasconde la sua delusione dietro ad una splendida medaglia d'argento: «Corro sempre per vincere ma oggi sono molto più felice che ai mondiali di Imola 2020, ho sempre un argento al...


Tadej Pogacar sorride al traguardo, sorride sul podio e sorride anche incontrando i giornalisti in conferenza stampa: «Sono felicissimo per il terzo posto, ho dato il massimo, sono super super contento di essere riuscito a salire sul podio dei Giochi...


Richard CARAPAZ. 10 e lode. È cambiato il mondo, è cambiato da un po’ e anche questo ragazzo ha contribuito a farlo. Un tempo nazioni come l’Ecuador davano vita alle fughe di giornata: i primi scatti erano i loro. Adesso...


Il CT Davide Cassani analizza la gara dei suoi ragazzi in questa prova olimpica: „Peccato per i crampi di Alberto Bettiol: non sappiamo per quale motivo siano venuti, soprattutto in un tratto di strada facile, era discesa ed è stato...


Con la solita disponibilità Vincenzo Nibali si ferma dopo il traguardo per analizzare la sua prestazione ai Giochi Olimpici: «Ci è mancato il risultato finale ma abbiamo corso davvero bene, abbiamo giocato le nostre carte nel modo giusto. Abbiamo cercato...


Sessantasette atlete per 39 nazioni: sarà questo il quadro della prova in linea femminile che si disputerà domani, con partenza alle ore 6 italiane. Sarà una gara atipica, formazioni ridotte all'osso - le nazionali migliori possono schierare solo 4 atlete...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI