CORONAVIRUS, L'UCI SCENDE IN CAMPO

MEDICINA | 21/02/2020 | 10:07

Prima presa di posizione ufficiale da parte dell'Uci riguardo al Coronavirus. Ecco il lungo comunicato emesso dalla Federazione mondiale:

«Alla fine del 2019,è stato rilevato un focolaio di polmonite (Covid-19) causato da un nuovo ceppo della famiglia dei coronavirus, noto come SARS-CoV-2, nella città cinese di Wuhan (provincia di Hubei). Il virus si è diffuso rapidamente da Wuhan ad altre città cinesi e anche ad altri paesi asiatici ed europei.

Ad oggi, sono stati confermati oltre 74.000 casi di contagio del virus SARS-CoV-2, la maggior parte dei quali in Cina, e 2.100 persone sono morte. Sebbene le persone di tutte le età siano a rischio di contrarre il virus, gli anziani e i pazienti con malattie croniche preesistenti come asma, diabete e malattie cardiache sembrano avere maggiori probabilità di ammalarsi gravemente.

Il periodo di incubazione del virus è attualmente stimato in circa 14 giorni, ma si ritiene che le persone infette da SARS-CoV-2 possano essere contagiose prima di mostrare segni clinici della malattia. Il virus Covid-19 provoca un'infezione respiratoria e una febbre superiore a 38° C. Il 30 gennaio, in risposta alla diffusione dell'epidemia, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha dichiarato una "emergenza sanitaria pubblica internazionale".

Questa epidemia improvvisa e in rapido movimento ha avuto un impatto anche sul mondo dello sport. I campionati del mondo di atletica leggera indoor, che si sarebbero tenuti a Nanchino, in Cina, dal 13 al 15 marzo, sono stati posticipati al 2021, il Tour di Hainan è stato cancellato, il Grand Prix cinese di Formula 1 previsto per il 19 aprile è stato posticipato, così come gli eventi di sci alpino nel futuro sito dei Giochi olimpici invernali di Pechino 2022 a Yanqing (15-16 febbraio), le gare di Hong Kong e Singapore della serie HSBC World Rugby Sevens in programma per aprile, le competizioni di qualificazione per la boxe olimpica, e via elencando. Vale la pena notare che anche il vertice SportAccord 2020 che si sarebbe tenuto a Pechino dal 19 al 24 aprile è stato annullato per motivi di salute.

Sono previste azioni specifiche in due diverse situazioni:
1. Gare internazionali che si svolgono in Cina.
Tenendo conto della portata potenziale dell'epidemia e dei dati forniti su casi clinici confermati, esistono motivi giustificabili per rinviare tutte le competizioni fino a quando i dati epidemiologici non saranno rassicuranti. L'UCI ha preso la decisione con l'Associazione ciclistica cinese di rinviare gli eventi ciclistici originariamente previsti per aprile e maggio. Il 15 marzo l'UCI comunicherà le nuove date delle competizioni che verranno organizzate più avanti nella stagione, nonché l'elenco degli eventi che verranno annullati.

2. Gare internazionali che si svolgono fuori dalla Cina e che accolgono delegazioni di paesi a rischio.
È importante che l'UCI vigili sulla salute di tutti gli atleti che partecipano alle gare internazionali. Ecco perché l'UCI sottolinea l'importanza di aderire rigorosamente alle raccomandazioni formulate dall'OMS e alle linee guida stabilite dalle autorità nazionali responsabili della sanità pubblica.
A tal fine, l'UCI raccoglierà informazioni sui movimenti e sui luoghi di allenamento dei membri di queste delegazioni (corridori e membri dello staff) nelle tre settimane che precedono la competizione.

Verranno fornite informazioni precise sulle misure sanitarie adottate per proteggere i ciclisti e il personale tecnico dal rischio di contaminazione
Il responsabile medico (OCM) ad ogni evento sarà in stretto contatto con le autorità sanitarie del paese in questione, informate del fatto che si sta svolgendo la competizione e dopo aver indagato sulle misure specifiche che devono essere prese.

Le raccomandazioni pubblicate dall'OMS al fine di ridurre il rischio di esposizione al 2019-nCoV saranno ampiamente diffuse. Queste raccomandazioni, peraltro, non sono specifiche per 2019-nCoV ma si applicano a tutte le malattie respiratorie infettive: lavarsi le mani regolarmente con acqua e sapone; evitare di toccare il più possibile bocca, naso e occhi; starnutire e tossire nell'incavo del gomito o in un fazzoletto.

L'UCI sta seguendo quotidianamente l'evoluzione di questa epidemia e le potenziali conseguenze per l'organizzazione di competizioni internazionali. La preoccupazione è proteggere i ciclisti da ogni rischio di contaminazione ed evitare la diffusione di SARS-CoV-2 in altri paesi.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Andrei Tchmil affida ai social un messaggio che ci fa tornare il sorriso. «Cari amici, vent'anni anni fa ho vinto la corsa dei miei sogni. Ora, a vent'anno di di stanza, ho dovuto combattere contro un altro avversario, che sembrava...


I professionisti francesi vogliono tornare ad allenarsi. E attraverso il loro presidente Pascal Chanteur hanno scritto una lettera al ministro dello Sport Roxane Maracineanu. «Chiediamo soltanto di essere trattati come gli altri lavoratori, come gli altri francesi - spiega Chanteur-....


L'elicottero si alzerà tra poco, alle 11, ovvero all'ora in cui i corridori del Giro delle Fiandre avrebbero dato il primo colpo di pedale. Si alzerà in volo da Anversa, da dove la corsa avrebbe dovuto partire. E volerà per...


"Le persone di diritto internazionale non sono tenute ad attenersi ad diritto dello stato se le norme non sono giuste". Marco Brazzo (il ciclista trentino balzato agli onori delle cronache il 15 marzo), si rivela un ottimo oratore e...


Mattia Frapporti, ventisei anni il prossimo 2 luglio, è un altro dei professionisti che vivono nella provincia di Brescia, una delle più colpite dalla pandemia Coronavirus. E’ passato tra i prof nel 2017 ed è sempre rimasto alla corte del...


  Immaginate di essere in un bar dello sport, fra vecchi della “parrocchia”, a raccontare storie di ciclismo. Qui, ritrovate nei miei cassetti, ce ne sono di meravigliose. “Quando trovava Eddy Merckx, Gino Bartali gli diceva: ‘Vieni qui, che ti...


Gabriel Fede è, nel suo genere, un corridore polivalente: forte su strada, ottimo nel ciclocross, bravo in pista. Diciasette anni tra pochi giorni (sabato 11 per la precisione, ndr), Gabriel è una giovane promessa che risiede nel cunese, a Santa...


Lo zampino dei pro serve sempre, soprattutto in casi come questo. È così che nasce Watt, la nuova sella per il triathlon di Selle Italia sviluppata insieme al campione Patrick Lange e al Team BMC-VIFIT. Ovviamente c’è il grande lavoro del reparto...


La Granfondo Squali - Trek di Cattolica e Gabicce Mare dà appuntamento a tutti al 14-15-16 maggio 2021. per leggere l'intero articolo vai su tuttobiciìtech.it


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155