SEI GIORNI DI TORINO. A LUGLIO GLI ULTIMI PASS PER TOKYO

PISTA | 28/01/2020 | 07:23

Sarà una stagione spettacolare, quella che si preannuncia al Velodromo Francone di San Francesco al Campo. Una stagione che sembra ancora lontana dal cominciare, dal momento che siamo appena a fine gennaio, ma che per il Velodromo Francone è in realtà incominciata da tempo in termini di programmazione, preparazione e organizzazione. Già, perché quest'anno – ora è ufficiale – torna la Sei Giorni di Torino. E sarà una grande Sei
Giorni di Torino, non soltanto perché si tratta della decima edizione ma soprattutto perché la Sei Giorni del Velodromo Francone, unitamente alla contemporanea Turin International Track che si correrà sulla stessa pista, costituirà l'ultimo grande evento internazionale prima delle Olimpiadi di Tokyo: una grande occasione, dunque, per i campioni internazionali della pista in cerca di punti per aggiudicarsi gli ultimi biglietti disponibili per Tokyo 2020.

La Sei Giorni di Torino e la Turin International Track 2020, infatti, si correranno sulla pista del Velodromo Francone dal 1° al 6 luglio. Dopo la fase preliminare di pianificazione, determinante per tracciare il percorso da seguire e valutare la disponibilità di forze e risorse economiche necessarie per sostenere simili eventi – entra ora nel vivo la fase organizzativa vera e propria, con l'obiettivo di portare sulla pista canavesana almeno un centinaio di atleti professionisti da tutto il mondo, che si daranno battaglia sia per aggiudicarsi la manifestazione torinese, che ormai è diventata una classica del ciclismo internazionale, sia per ottenere il pass e preprararsi al meglio per le Olimpiadi di Tokyo che partiranno appena tre settimane più tardi.

Ci sarà tempo, nei prossimi mesi, per parlarne più diffusamente. Il Velodromo Francone aggiornerà tempestivamente la stampa e gli appassionati su ogni sviluppo della preparazione. Ciò che conta, per ora, è l'impegno della struttura canavesana nel continuare a portare in Piemonte il grande ciclismo internazionale, con un duplice importante obiettivo: da un lato la promozione dello sport e del territorio, con il coinvolgimento delle Istituzioni e dell'intero tessuto imprenditoriale e sociale in particolare del Torinese e del Canavese, e dall'altro la valorizzazione del ciclismo giovanile, dal momento che la Sei Giorni di Torino costituisce un'importante occasione di crescita e di soddisfazione per i ragazzi, che possono correre accanto ai loro campioni. Anche quest'anno, infatti, durante le serate della Sei Giorni si correrà la Tre Giorni dei ragazzi, con gare dedicate alle categorie giovanili.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Anna Van der Breggen è abituata apodi e maglie importanti ma l'emozione risce sempre a far capolino sul suo volto: «È davvero bello essere qui e poter correre il mondiale: anche se c’è meno gente lungo le strade e al...


Ci sono "progressi significativi" nelle condizioni di Alex Zanardi, a fronte dei quali "i medici ribadiscono, comunque, il permanere di un quadro clinico generale complesso, sulla cui prognosi è assolutamente prematuro sbilanciarsi". E' quanto afferma una nota dell'ospedale San Raffaele...


Vittoria Bussi sorride al termine della sua fatica mondiale e spiega: «Il vento si è fatto sentire, vi assicuro che la prima parte sembrava interminabile. È stato molto bello, a 33 anni mi emozione ancora come una bambina. Ero tesa,...


Anna Van der Breggen è la nuova campionessa del mondo della cronometro e aggiunge un'altra perla alla sua collezione di vittorie. L'olandese, fresca vincitrice del Giro Rosa, ha preceduto la svizzera Reusser e l'altra olandese Ellen Van Dijk. Miglior azzurra...


Bruttissima caduta per la statunitense Chloe Dygert nel corso del campionato mondiale a cronometro. In netto vantaggio su tutte le avversarie all'intermedio, Dygert è stata inquadrata dalla regia televisiva mentre perdeva letteralmente il controllo della bicicletta impostando una curva -...


L’origine del mito dipende spesso da un luogo, un luogo che può anche diventare magia per un appassionato. È cosi che il nuovo gruppo gravel Campagnolo Ekar™, il più leggero al mondo, prende il nome dal Monte Ekar, una cima...


È uno dei talenti più puri del nostro ciclismo giovanile: Antonio Tiberi sta confermando anche tra gli Under 23 le belle cose che aveva fatto vedere tra gli juniores. E domenica ha firmato un capolavoro imponendosi nell'internazionale Trofeo città di...


Potrebbe essere una rivincita della Milano-Sanremo. Così gli analisti di Stanleybet.it vedono i campionati mondiali di ciclismo su strada, in programma domenica sul circuito di Imola, con partenza e arrivo nell’Autodromo. I favoriti sono infatti Wout van Aert e Julian...


Nuovo acquisto per la Cofidis in vista della stagione 2021: arriva infatti il ventinovenne scalatore spagnolo Ruben Fernandez che sarà un punto di riferimento importante per Guillaume Martin. Fernandez ha vinto il Tour de l’Avenir nel 2013 e poi nella...


Un grave lutto ha colpito Ivano Paleari, presidente del team dilettantistico Named Rocket. E' scomparso il padre Maurizio, di anni 71 (li aveva compiuti il 3 settembre). Era in cura presso il Policlinico di Monza. Nulla però lasciava presagire un...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155