ASTANA, PARTE OGGI DA CALPE LA NUOVA STAGIONE. E MARTINO...

PROFESSIONISTI | 05/12/2019 | 07:10
di Guido La Marca

Le biciclette sono partite tre giorni fa, i corridori si metteranno in viaggio per Calpe oggi. Comincia anche per l’Astana la stagione 2020. Ventotto corridori (un anno fa erano 29, ndr), con soli tre italiani, mai così pochi in quindici anni di onoratà attività nella massima serie. «È vero, avremo solo Boaro, Fabio Felline e mio figlio Davide – spiega Beppe Martinelli, 64 anni, tecnico di lungo corso alla sua stagione numero 11 con i celestini di Alexander Vinokourov -, ma tra il personale l’italianità c’è eccome. Tra tecnici, preparatori, meccanici e massaggiatori, per non dimenticare il cuoco (Daniele Zanieri, ndr), la dietista (Erica Lombardi, ndr) e la responsabile della segreteria e della logistica (Francesca Martinelli, ndr), lo staff è molto tricolore. Con il sottoscritto ci sono Bruno Cenghialta, Stefano Zanini, Federico Borselli, Gabriele Tosello, Francesco Bonini, Morris Possoni, Alessandro Stocco, Andrea Bezzoli, Filippo Ballerini, Umberto Inselvini, Oscar Saturni, Cristian Valente e Leonardo Morelli. I preparatori sono tre e battono tutti bandiera italiana: Maurizio Mazzoleni, Claudio Cuccinotta e Giacomo Notari. Insomma, siamo proprio un gran bel gruppo», dice con soddisfazione il tecnico bresciano di Lodetto.

Dal 5 al 20 dicembre il primo raduno per gettare le basi di una stagione importante e impegnativa. «L’entusiasmo è quello di sempre – spiega a tuttobiciweb il tecnico bresciano che in carriera ha vinto nove Grandi Giri (il Tour con Pantani e Nibali; il Giro con Pantani, Simoni, Garzelli, Cunego e due volte con Nibali; la Vuelta con Aru, ndr). Per me inizia l’11° stagione con l’Astana Premiertech e sono felicissimo di far parte di un gruppo che ormai sento come una mia seconda famiglia…».

A proposito di famiglia, quest’anno ci sarà anche Davide Martinelli, che dopo quattro stagioni alla Deceunick Quick-Step di Patrick Lefevere, approda al team kazako. «Fa sicuramente un certo effetto, forse più a me che a lui – dice Beppe -. Però le nostre strade difficilmente si incontreranno: lui è un corridore da Classiche, io da Grandi Giri. Se quest’anno tornerò anche al Tour? Vedremo, sicuramente sarò in ammiraglia per il Giro d’Italia, ma un po’ di appetito mi è tornato anche per la corsa francese…».

La nuova Astana ha lasciato andare sette corridori: Pello Bilbao (Bahrain), Magnus Cort Niensen (EF), Villella e Cataldo (Movistar), Davide Ballerini (Deceunick), Zeits (Michelton Scott) e Hirt (CCC). E ne sono arrivati altrettanti: Davide Martinelli; il giovane (classe ’95) Alex Aranburu, Oscar Rodriguez, Alekxandr Vlasov (vincitore del Giro Baby nel 2018), il kazako classe ’98 Vadim Pronskiy, il colombiano Harold Tejada (classe ’97) e Fabio Felline. «A fine agosto ero lì che valutavo chi era sul mercato e chi no quando mi è cascato l’occhio su Fabio – racconta Martino -. Ne parlo immediatamente con Shefer, ben sapendo che forse mi avrebbe anche stoppato, invece mi dice: “Non male, ma non è vecchio?”. “Assolutamente no”, ribatto. “Allora parliamone”, mi dice Aleksandr. L’accordo con Fabio l’abbiamo raggiunto a Plouay e sono convinto che potremo fare grandi cose insieme. È un ragazzo di soli 30 anni che non ha fatto ancora vedere tutto il suo potenziale. È una scommessa, ma siamo felici di farla. Partirà subito dall’Australia, e poi vedremo strada facendo. Lui ha voglia, motivazione e talento. Deve solo mettersi in gioco: qui ha tutto lo spazio che vuole per farlo».

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Twins
5 dicembre 2019 08:40 Ponciarello
C'era Boaro e avete preso anche Felline: ma poi li riconoscete? :-)

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il presidente della Federciclismo Renato di Rocco tira le prime somme e fa un bilancio sul ciclismo italiano e la situazione politica del nostro Paese.Presidente finalmente si è tornati a correre, si sente soddisfatto di questa ripartenza?“A luglio avevamo ricominciato...


Se ne è andato dunque, in quest' anno 2020 che non ha conosciuto la bella stagione del ciclismo, Sergio Zavoli, il suo ciclismo per amore. Se ne è andato, ed useremmo soltanto le sue parole, lui che ad ogni maggio aspettava ancora...


Come una maledizione, la cattiva sorte si scaglia nuovamente sul Giro di Polonia. Esattamente a distanza di un anno dalla tragica morte di Bjorg Lambrecht,  ancora una volta un drammatico incidente ha sconvolto la gara. Era il 5 agosto del 2019...


Era un gigante del giornalismo. Anche il Premio internazionale Emilio e Aldo De Martino ricorda Sergio Zavoli, un gigante del giornalismo, cui nel 1990 era stato assegnato il Memorial Barendson nella stessa circostanza in cui erano stati insigniti anche Sandro...


Il “bike-boom” scoppiato dopo il lockdown ha impresso un’accelerata vigorosa al settore del ciclismo, che già da alcune stagioni era in continua espansione. Una crescita che si prevede continuerà anche nel prossimo futuro e che per essere gestita nel migliore...


Se stai cercando una scarpa da gara o una calzatura tuttofare, le nuove SHIMANO ME7 e ME5 sono quello che fa per te. La ME7 è la scarpa da competizione élite di Shimano, quindi, come ci si può aspettare è...


La Zalf Euromobil Désirée Fior cala il poker della ripartenza. Dopo la ripresa dal lockdown avvenuta con le prove di ExtraGiro è il momento di tornare nel pieno dell'attività agonistica e i tecnici del team trevigiano hanno messo in programma per i...


Anche in Spagna è ripartita la stagione giovanile e lo ha fatto con una 2 giorni a Cartagena (Murcia) con corse organizzate all’interno del locale circuito motociclistico. La ripartenza ha visto una doppia grandissima prestazione degli Aliievi dello Stefano Garzelli...


Si rinnova per il quarto anno di fila in piena estate l’International Piceno Sprint Cup-Memorial Alfonso Ceci, appuntamento ospitato al velodromo di Monticelli ad Ascoli Piceno nelle giornate di venerdì 7 e sabato 8 agosto. La gara, catalogata di classe...


Nel corso della sua carriera era già salita sul podio e aveva ottenuto diversi buoni piazzamenti, ma la vittoria in questa gara le era sempre sfuggita: fino ad oggi, quando Olga Shekel per la prima volta ha conquistato il titolo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155