TEAM INEOS. C'È UN BIENNALE PER BRANDON RIVERA

MERCATO | 21/11/2019 | 12:14

Arriva un altro talento colombiano alla corte del Team INEOS: si tratta del ventitreenne Brandon Rivera che ha firmato un contratto di due anni. «Sono molto felice e posso dirmi fortunato perché il Team INEOS è la squadra perfetta per crescere come corridore. È un sogno che diventa realtà, quello di entrare a far parte di una squadra incredibile con i migliori ciclisti del mondo. Sono cresciuto come ciclista in mountain bike ma adoro le salite, le cronometro e le corse in linea. Sono pronto ad aiutare i miei compagni di squadra quando ne avranno bisogno, ma anche a sfruttare al meglio tutte le opportunità. I miei obiettivi sono chiari: imparare il più possibile».

Coach Xabier Artetxe spiega: «Brandon è versatile e può diventare un ottimo corridore di supporto per il team. È un forte cronometrista, va bene in salita ed è anche veloce quando si arriva con un gruppo ristretto. Ha corso in Europa due anni fa, ma non ha avuto fortuna a causa di un infortunio al ginocchio. L'anno scorso è tornato in Colombia (con la maglia della GW Shimano, ndr) e nel 2019 ha avuto un'ottima stagione. Penso che sia pronto per il WorldTour: lavoreremo a fondo con lui nella prossima stagione e sono convinto che al secondo anno con noi possa diventare un ottimo punto d’appoggio per i nostri capitani. Quando era più giovane, lui ed Egan erano i due migliori specialisti di mountain bike in Colombia. Erano grandi rivali ma sono davvero buoni amici. Passano molto tempo ad allenarsi insieme, quindi Egan può davvero aiutarlo a trovare il suo ruolo nella squadra».

E proprio su Bernal, Rivera aggiunge: «Egan e io siamo molto amici. Ci conosciamo dall'età di 10 anni, quando abbiamo iniziato in mountain bike a Zipaquirá. Eravamo entrambi pieni di sogni e trovarci a pedalare di nuovo insieme è incredibile. Devo ringraziarlo moltissimo per aver sempre creduto in me. In Colombia Egan è un esempio do come i sogni possano diventare realtà ed è un idolo per grandi e piccoli».

ENGLISH VERSION

Team INEOS are pleased to welcome Brandon Rivera to the team after the Colombian penned a two-year contract.

The 23 year old will step up to the WorldTour in 2020 and his all-round capabilities should make him a valuable and versatile member of the team.
 
On joining the team, Rivera, the current Pan American time trial champion, explained: “I feel very happy and fortunate to be joining the team – it’s a golden opportunity that I hope to take advantage of. Team INEOS is the perfect place to develop as a professional with great staff, coaches and sponsors. It’s a dream come true to be part of an incredible team with the best cyclists in the world.

“I grew up as a mountain biker but I love climbing, time trials and one-day races. I’m ready to help my teammates when they need it, but also prepared to make the most of any opportunities.
 
“My goals are clear: to learn as much as I can. I’m aware that it will be my first year in the WorldTour category and I will be racing with experienced riders, but I’m looking forward to it.”
 
Team INEOS Coach Xabier Artetxe feels that Rivera will have plenty to add to the team once he is settled into the demands of pro racing.
 
He confirmed: “Brandon is versatile and he can become a really good support rider for the team. He’s a strong time trialist, he can climb well and he’s also fast when sprinting from a small group.
 
“He was racing in Europe two years ago but he didn’t have the best experience as he had a knee injury. But last year he came back to Colombia and he had a really good season. He’s stepped up a lot and I think he’s ready for the WorldTour.
 
“He’s really motivated to use this opportunity to develop himself and become a better rider. It will be important for him to learn how we work and get used to the WorldTour level. Then in the second year I’m sure he can turn into a strong support rider.
 
“When he was younger, he and Egan were the two best mountain bike riders in Colombia. They were the biggest rivals but they are really good friends. They spend a lot of time training together so Egan can really help him find his feet in the team.”
 
Now set to be teammates at the highest level of the sport, Rivera speaks fondly of Bernal and his friend’s support.
 
He added: “Egan and I are very good friends. We have known each other since the age of 10 when we started on the mountain bike in Zipaquirá. We were both full of dreams, and so to now be riding together again is incredible. I have to thank him very much for riding with me all these years and for always believing in me. In Colombia Egan is an example that dreams do come true and he’s an idol for children and adults.”

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Si è spento a Torino Walter Martin, ex prof, nato a Roma il 26 settembre 1936. Professionista dal 1958 al 1964, ottenne tre successi tra i professionisti: il Gran Premio Ceramisti e una tappa del Giro dei Svizzera nel 1960...


Pirelli accelera la sua strategia verso un coinvolgimento sempre maggiore nel ciclismo professionistico e annuncia la partnership con il prestigioso team World Tour Trek-Segafredo. Prima uscita ufficiale, dopo la firma della partnership, è ora in corso al Santos Tour Down...


Il dado è tratto: Chris Froome ha annunciato questa mattina che tornerà a correre all'UAE Tour, l'unica gara di WorldTour che si disputa in Medio Oriente, organizzata dal Dubai Sports Council, dall'Abu Dhabi Sports Council e dallo Sharjah Sports Council,...


Esce domani in libreria “Der Rudy”, l’autobiografia di Rudy Pevenage, scritta con John Van Ierland per l’editore olandese JEA. Come sempre in questi casi, le anticipazioni riguardano le storie di doping o comunque poco chiare. Pevenage ammette nel suo racconto...


Elia Viviani purtroppo è stato uno dei corridori coinvolti nella caduta che ha caratterizzato il finale della seconda tappa del Tour Down Under. Il campione d'Europa ha tagliato regolarmente il traguardo - dopo sei minuti dal passaggio di Caleb Ewan...


Ben Hermans è uscito davvero malconcio dalla caduta avvenuta al Tour Dwn Under. Il belga della Israel Start-Up Nation ha riportato infatti fratture alla spalla, a due costole e alla clavicola. Il corridore volerà in patria dove sarà sottoposto ad...


Domenica 26 gennaio, in Argentina alla Vuelta a San Juan, prenderà ufficialmente il via la stagione sportiva 2020 del team Bardiani CSF Faizanè. Per prepararsi a questo appuntamento i 6 atleti selezionati dal team si sono alleanti sulle strade spagnole...


Con il sogno di prendere parte al Giro d'Italia che scatta dalla sua Ungheria, Janos Pelikan approda alla Androni Sidermec. Classe 1995, l'anno scorso il magiaro correva alla Pannon Cycling Team con la quale ha ottenuto tre vittorie in corse...


Il Tour de l'Oman quest'anno non si correrà. L'edizione 2020, l'undicesima della serie, è stata cancellata per lutto: il 10 gennao scorso, all'età di 79 anni è morto il sultano Qabous ibn Saïd. Nell'emirato sono stati proclamati 40 giorni di...


È partita ufficialmente da Gorizia la stagione olimpica dei gemelli Daniele e Luca Braidot. I due biker hanno illustrato il loro programma in un incontro conviviale che si è svolto nella calda atmosfera del Birrificio Antica Contea... per leggere l'intero...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155