CASSANI ALLA FESTA DEL TEAM SCULAZZO. «IL MONDIALE, LA MIA CORSA»

NEWS | 15/11/2019 | 12:35
di Angelo Costa

’Quando salgo in bici, ritorno bambino’, confessa Davide Cassani mentre l’affollata sala di Campagnola Emilia in cui si celebrano i vent’anni del Team Sculazzo sprofonda in uno di quei silenzi ricchi di significati che soltanto il grande Martini sapeva generare. Già, l’Alfredo, ‘il mio maestro di vita’, ribadisce Cassani rivelando che ‘avrei tanto desiderato che lui mi vedesse sull’ammiraglia che era stata sua: purtroppo, se n’è andato un mese prima’.

Eppure di sogni con la bici l’attuale ct azzurro ne ha realizzati tanti: in sella prima, poi al microfono della Rai, adesso alla guida della Nazionale che per lui da sempre è qualcosa di speciale. ‘La mia corsa è il mondiale: lo era da corridore, perché ci tenevo in modo particolare ad esserci e infatti ne ho corsi nove col privilegio di essere il regista di Martini in gara, lo era da commentatore tv perché quel giorno lì non aprivo nemmeno il computer pur di godermi quell’emozione, lo è a maggior ragione adesso che lo inseguo guidando gli azzurri’, dice Cassani col solito sorriso che lo illumina quando parla della maglia alla quale è più legato.

Da lì è facile tornare all’ultimo mondiale, raccontato con la consueta serenità: ‘Nello Yorkshire quest’anno ho vissuto la giornata più intensa di sempre: in ammiraglia, ma anche a bordo strada, mi sono fermato a guardare la Nazionale che correva come fosse radiocomandata, pur non avendo le radioline. Gli ultimi metri li ho seguiti alla radio, quando ho sentito il nome di Pedersen mi sono sentito crollare il mondo addosso: vincere avrebbe suggellato una grande stagione azzurra, avrei potuto salutare tutti e tornarmene a casa. Sono andato al tendone per abbracciare Trentin, che era con la sua famiglia, e quando mi sono ritrovato da solo lì dentro, ho pianto: non per la rabbia, ma perché vivere emozioni così è davvero una cosa unica’.

Unica è anche la passione di un uomo che gira l’Italia e il mondo a spiegare quanto sia bello godersi la bicicletta, descrivendo salite, incorniciando sensazioni, ricordando a tutti ci si batte per la sicurezza sulle strade non pretendendola e basta, ma dandone anche agli altri. Un uomo che ai ragazzi del Team Sculazzo, cento iscritti per fare soprattutto mountain bike, confida con gioia che ‘ho appena ritirato la bici nuova: non vedo l’ora di provarla’: proprio come un bambino.  

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

La Vuelta a San Juan perde una delle sue stelle: Julian Alaphilippe, infatti, non prenderà il via stasera nella terza tappa, la crono di 15 km da Ullum a Punta Negra. Il francese della Deceuninck Quick Step è stato colpito...


«Lasciatemi ancora qualche giorno per sistemare tutto, poi parlo io. Poi spiego davvero come stanno le cose e come sono andate». Tony Monti si dice «costernato» dalle parole di Patrick Lefevere. Si dice addolorato e lo ripete all’infinito. «Se fossi...


Il Gruppo Sportivo Alto Garda, organizzatore del Tour of the Alps, e PMG Sport hanno raggiunto un accordo di collaborazione triennale che prevede la concessione dei diritti media e dei diritti marketing dell’evento euroregionale a partire dall’edizione 2020. L’accordo è...


In attesa della presentazione ufficiale che si terrà lunedì 9 marzo (ore 19, 30) presso il Grand Hotel Leonardo da Vinci di Cesenatico (via G. Carducci 7) la Settimana Internazionale Coppi e Bartali (25/29 marzo) ha definito le tappe che...


Tutto pronto per la 4 giorni di gare del Playa de Palma Challenge che segnerà il debutto europeo del team nella stagione 2020. 4 competizioni, con percorsi differenti che permetteranno ad atleti con differenti caratteristiche di mettersi in luce.Dal 30...


«Grande incertezza per il vivaio della Deceuninck Quick Step»: titola così il sito Wieleflits l'intervista realizzata con il manager del team WorldTour Patrick Lefevere. «Non so bene cosa stia accadendo, ma non voglio correre altri rischi e quindi ho fermato...


Spesso si è utilizzato a sproposito il termine di ciclista intellettuale. Laurent Fignon, per esempio, era definito così solo perché portava gli occhiali... Altri corridori sono stati definiti tali per i loro studi, ma un ciclista filosofo, un intellettuale tout...


Si tratta sicuramente dell'attacco manubrio più lungo che abbia mai visto e ad utilizzarlo è un atleta australiano, si chiama Leigh Phillips e corre nella formazione Nero Continental.  Il ragazzone, è altro 195 cm, pedala su una Bianchi Oltre XR3,...


Quello che le donne non dicono, lo fanno capire. Era chiaro che Alessia Piccolo avrebbe fatto qualcosa di importante. Chiaro perché la crescita del suo team femminile era lì sotto davanti gli occhi di tutti. Mancava solo il grande salto,...


In questi giorni vi abbiamo descritto uno per uno (clicca qui) i 12 corridori della Kometa-Xstra, team Continental della Fondazione Contador, e abbiamo seguito la presentazione ufficiale per il 2020 (clicca qui). Nel roster, come sappiamo, ci sono anche 4...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155