CATALDO. «MOVISTAR, NON VEDO L'ORA DI COMINCIARE...»

PROFESSIONISTI | 13/11/2019 | 07:51
di Francesca Cazzaniga

Dario Cataldo arriva da una delle sue stagioni più belle e sta ricaricando le batterie in vista di una nuova avventura: dopo cinque stagioni, infatti, l’abruzzese lascerà la Astana per accasarsi alla Movistar per le prossime due stagioni.

Abruzzese, classe 1985, in questo 2019 Cataldo ha vinto a Como la 15esima frazione del Giro d’Italia numero 102 al termine di una splendida fuga con Mattia Cattaneo, e ha “timbrato” anche sulle strade della Vuelta di Spagna, contribuendo al successo della Astana nella cronosquadre inaugurale di Torrevieja.

Dario, qual è il tuo bilancio di quest’ultima stagione?
«Sono decisamente contento di questo mio ultimo anno in Astana. Ho corso un buon Giro d’Italia nel quale la vittoria della 15esima tappa mi ha regalato un’emozione grandissima. Sono soddisfatto a livello personale ma anche come team siamo andati molto bene, sfruttando un ottimo gioco di squadra. Abbiamo raggiunto risultati davvero e ringrazio la squadra per aver dato valore al nostro lavoro».

Dai tuoi profili social vediamo che sei in vacanza... quando rincominci con la preparazione?
«Proprio così, finalmente un po’ di vacanza! Attualmente sono in California con la mia fidanzata Alexandra e resterò qui ancora qualche giorno. L’ultima tappa, prima del rientro, sarà una settimana in Costa Rica. Tornerò a casa il 25 e già dal giorno successivo mi metterò al lavoro: non c’è tempo da perdere, il 2020 è alle porte».

A Pamplona, prima di partire, hai già avuto una prima presa di contatto con la Movistar...
«Proprio così. Siamo stati quattro giorni a Pamplona per un meeting con la squadra. Ho avuto anche la fortuna di assistere alla presentazione del documentario sui 40 anni di attività della societá gestita da Eusebio Unzuè (la Abarcasport, ndr). È stato davvero emozionante vedere tutte quelle persone che hanno lavorato con Miguel Indurain e tanti altri campioni, scrivendo pagine di storia del ciclismo e che ora sono ancora lì con lo stesso entusiasmo di sempre. Avere la possibilità di lavorare con loro è senza dubbio un onore per me. A dicembre ci sarà un secondo ritiro che avrà il suo apice giovedì 19, giorno della presentazione ufficiale della formazione che si terrà a Madrid».

Cosa ti aspetti dalla prossima stagione?
«Bella domanda. Sinceramente non lo so, il programma è tutto ancora da scoprire. Approdo in una squadra nuova anche se la Movistar ha un’impostazione molto simile a quella della Sky e della Astana, quindi penso che il mio ruolo non cambierà molto ed io sarò sempre al fianco dei miei capitani. È stimolante il fatto di approdare in una formazione… rivoluzionata: hanno cambiato squadra leader come Mikel Landa, Nairo Quintana e Richard Carapaz, ma al tempo stesso è arrivato uno scalatore emergente come Enric Mas, c’è Marc Soler che ha già fatto buone cose e poi c’è il mitico Alejandro Valverde. Vi confesso che sono molto fiducioso e non vedo l’ora di cominciare la nuova stagione…».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ancora una pagina nera per il ciclismo e i ciclisti. il diciannovenne Nicolas Chiola, originario di Cepagatti, è rimasto gravemente ferito in un incidente stradale avvenuto questa mattina a Chieti, in via Dei Vestini, di fronte all'ospedale Santissima Annunziata. Il...


  Da 25 anni Franco Chiuchiolo è direttore sportivo, organizzatore di gare (una su tutte la Coppa Giulio Burci). In passato alla guida della Ciclistica Pratese 1927, oggi con i giovani della Pol. Milleluci. Sullo stop dell’attività ed ora sulla...


E' mancato nella notte Genesio Ballan fondatore (e vicepresidente), con il fratello Giuseppe (Presidente), dell'omonima azienda Ballan Spa. Era ricoverato da circa una settimana presso il nosocommio veneto di Cittadella. Genesio aveva 73 anni ed era conosciuto per essere l'uomo...


Il Consiglio federale del 30 giugno 2020, il settimo dell’anno, si è concentrato soprattutto sulla ripresa delle gare. Per quanto riguarda il supporto economico, ricordiamo che in occasione della scorsa riunione erano stati deliberati contributi per il sostegno delle affiliazioni...


«Il messaggio è troppo negativo nei confronti delle aut, questa pubblicità non pu essere trasmessa. Bocciata». La sentenza emessa dalla Autorité de régulation professionnelle de la publicité (ARPP) - organismo che si occupa di controllare le pubblicità trasmesse sulla tv...


La Giunta del Coni ha approvato una norma transitoria per la procedura elettorale relativa al rinnovo delle cariche del quadriennio 2021/24. Federazioni sportive nazionali e discipline sportive associate avranno la possibilità di procedere a elezioni a partire da settembre 2020...


La prima assemblea generale online dell’associazione mondiale dei corridori è stata caratterizzata da tante “prime volte”. Il 29 giugno scorso i corridori professionisti si sono riuniti virtualmente e, non era mai successo prima, hanno potuto confrontarsi direttamente con il presidente...


Le bici a pedalata assistita sono geniali, lasciatemelo dire. Conosco tantissimi ciclisti che sono ritornati in strada grazie a questi mezzi ed oggi possono riassaporare emozioni che non sarebbero mai più state alla loro portata. KTM Macina Mezzo è una e-Road...


La 42a edizione della Vuelta a Burgos (28 luglio-1 agosto) sarà la prima corsa internazionale per la Deceuninck Quick Step e giungerà al termine del lungo ritiro che il team belga affronterà sulle Dolomiti a partire da lunedì. A guidare...


Il Team Manager della Start Up Israel, Ron Baron, ha dichiarato che il passaggio di Chriss Froome dalla Ineos alla formazione israeliana, non è in programma, almeno in questa stagione e che il britannico rimarrà alla Ineos fino alla fine...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155