MORTE IANNELLI. ANCHE LA PROCURA DEL CONI SCENDE IN CAMPO

NEWS | 08/11/2019 | 07:55
di Antonio Mannori

Anche il Comitato Regionale Toscana di ciclismo fa conoscere, tramite il suo presidente Giacomo Bacci, come segue la vicenda che riguarda la tragica morte del giovane atleta pratese Giovanni Iannelli, per il quale su Facebook è stato costituito su iniziativa di Francesco Chiuchiolo, già direttore sportivo di Giovanni, anche un gruppo “Giustizia per Iannelli” che in poche ore ha raccolto oltre 1000 adesioni. Ma la notizia principale è quella che anche la Procura del CONI ha aperto un’inchiesta per verificare se c’erano le condizioni di sicurezza necessarie per organizzare la gara. Così ora sono tre le Procure in campo. Quella della magistratura di Alessandria che sino dall’inizio ha avviato le indagini e prosegue l’inchiesta penale, quella della Federazione Ciclistica Italiana che lavora al fianco del magistrato di Alessandria che si occupa dell’inchiesta relativa alla gara del 5 ottobre, ed ora anche quella del CONI che ha aperto un fascicolo e che intende seguire tutti gli sviluppi.

“Come Comitato Toscano – dice il presidente Bacci - ci siamo attivati sino dal momento della morte di Giovanni Iannelli, perché venga fatta chiarezza sui fatti e tramite il consigliere nazionale della Federciclismo, il pisano Maurizio Ciucci, abbiamo invitato il presidente della Federazione Renato Di Rocco, a riferire in merito, cosa che il massimo dirigente ha fatto. Lo stesso Ciucci in piena sintonia con il Comitato Toscana che presiedo, si è battuto affinché fosse coinvolto anche il Coni e la scesa in campo della Procura, è la conferma del successo della nostra iniziativa”.

- A molti presidente ha dato fastidio la tempestività dell’omologazione della corsa.

“Tempistica a parte, io personalmente ed è un parere personale, avrei atteso qualche giorno in più, ognuno deve fare la propria parte e non sui social con affermazioni talvolta fuori dalle righe. Quanto all’omologazione del giudice sportivo piemontese come hanno detto anche il presidente nazionale Di Rocco e la vice presidentessa vicaria Daniela Isetti, è un fatto riferito solo all’aspetto sportivo in se stesso della gara che non inficia assolutamente gli sviluppi delle inchieste in corso e che sono state tempestivamente attivate. Confidiamo che si faccia presto ed aggiungo che parlando con il presidente del Comitato Regionale del Piemonte, Giovanni Vietri, esso si è detto a completa disposizione perché venga fatta chiarezza su quanto successo nella gara di Molino dei Torti in provincia di Alessandria. Come Toscana, e lo ripeto, massima attenzione nel seguire gli sviluppi e le inchieste in corso con ben tre Procure impegnate.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

L'eritreo Mulu Hailemichael ha vinto a Huye la seconda tappa del Tour du Rwanda. Il portacolori della Nippo Delko Provence, classe 1999, ha preceduto allo sprint il colombiano Restrepo della Androni Giocattoli - Sidermec e l'eritreo Biniam Girmay Hailu, anche...


Un altro podio in stagione e una vittoria sfiorata per l’Androni Giocattoli Sidermec che nella seconda tappa del Tour du Rwanda ha visto chiudere al secondo posto Jhonatan Restrepo. Il colombiano dei campioni d’Italia conferma così il suo brillante inizio...


Sotto il sole degli Emirati, Mauro Vegni divide i suoi pensieri fra la corsa - della quale è direttore - e l'Italia. Stamane, prima della partenza della seconda tappa del Tour, il dirigente del RCS Sport ha spiegato: «La situazione...


Un cambio netto per lasciarsi alle spalle un 2019 avaro di soddisfazioni. Romain Bardet, dopo sette anni in cui si è concentrato esclusivamente sul Tour de France, ha deciso di puntare per la prima volta sul Giro d’Italia. Ecco perché il Tour...


Operazione antidoping dei Carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria: fatta luce su una morte sospetta e smantellato un ingente traffico di anabolizzanti in palestre e nelle competizioni sportive; nove le misure cautelari personali, tra cui un forestale, e 20...


«Non è sempre facile essere me, ma i ciclisti... so­no masochisti». La bici è sofferenza, anche se sei un fenomeno. An­che se sei passato professionista a 18 anni e pronti-via hai sorpreso il mondo e te stesso vincendo fior di...


Una settimana di riposo forzato, la conseguente rinuncia alla Volta ao Algarve e poi finalmente Davide Ballerini ha potuto tornare in sella e riprendere ad allenarsi. A conclusione di un allenamento sulle strade svizzere, il portacolori della Deceuninck - Quick-Step...


Alla vigilia della stagione 2020, il BEAT Cycling Club si rafforza con l’arrivo di Stefano Museeuw, 22 anni. Il figlio minore di Johan Museeuw è l'undicesimo corridore della squadra. Non è un segreto che il BEAT Cycling Club intenda utilizzare...


È stata la suggestiva location del Palazzo della Regione Lombardia a fare da sfondo alla presentazione della Ktm Protek Dama, uno dei team lombardi di spicco del panorama del fuori strada. per leggere l'intero articolo e sfogliare la Gallery vai su...


Dal lunedì al sabato si allena come se la domenica potesse correre. Lavori, distanza, scarico, dietro moto. Poi, però, la domenica rimane a casa: niente numero dorsale, niente foglio firma, niente pronti via. Da venti mesi Andrea Innocenti è un...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155