METTI UNA SERA CON GIBI' BARONCHELLI A PIAMBORNO...

NEWS | 21/10/2019 | 07:38

Riuscitissima serata di ciclismo, con annessi e connessi, è stata quella vissuta a Piamborno, in valle Camonica, nel comune di Piancogno, nei dintorni di Darfo-Boario Terme, che ha avuto, in primo piano, Giovan Battista Baronchelli, indimenticato campione degli anni 1970/1980, la cui carriera – vittorie e pure sconfitte, amicizie, rivalità e via discorrendo – è sempre nel ricordo degli appassionati delle due ruote. Era la sera prima del Giro di Lombardia, la classica monumento di chiusura della stagione dove G.B. Baronchelli ha trionfato due volte, la prima nel 1977 sul lungolago di  Como in una giornata di freddo e pioggia battente, la seconda nel 1986 in piazza Duomo a Milano. Bei ricordi.

Piamborno è costantemente frequentato da Gianni Infantino, attuale presidente della FIFA, la cui madre è originaria del luogo.

Chiusa la breve divagazione di tipo calcistico, torniamo all’iniziativa, auspicata da vari ciclisti praticanti della zona delle due ruote d'ogni tipo, strada e mtb, proprio in linea con l’attività svolta nel settore da Gibì Barochelli. Un’iniziativa che, detto per inciso, ha unito realtà bergamasche e bresciane per la realizzazione. L’incontro è stato voluto e favorito dalla VI.BI. di Vigilio Bigasio, l’ospitale “padrone di casa” della Cantina Bignotti. E’ stata una sorta di partnership collaborativa portata avanti a più mani e voci, in unione con La Lombarda Cicli di Segrate (Milano) e al suo “patron”, Alberto Venturini, nome e figura di lungo corso e specifico rilievo per molteplici motivi nel settore ciclistico della distribuzione della componentistica e altro, con i figli Fabrizio e Andrea, ora “in ditta” con papà.

Fra i presenti c’era anche Alfio Bettoni, conosciuto anche come il “rosso”, titolare di un frequentato negozio di bici nella vicina Costa Volpino, nella provincia orobica, sul lago d’Iseo.

E’ così riuscita una serata piacevole, senza canoni cerimoniali, discorsi e simili, improntata soprattutto allo spirito d’amicizia fra pedalatori e appassionati, con coinvolgimento anche delle famiglie.

L’ambientazione, suggestiva, piacevole, caratteristica  e intrigante la sua parte, è stata la sede della Cantina Bignotti, I Cultivar delle Volte, in storiche cantine del Quattrocento, riuscita idea per un progetto indirizzato a fare riscoprire e proporre l’antichissima tradizione vitivinicola del vino di montagna, di varia tipologia, messa in atto più di venti anni fa e che si va affermando sempre più.

E in tema, abbinato al buon vino, dopo l’interessante visita alle storiche cantine rimodernate, il buon cibo: salumi, formaggi e, in tale ambientazione, non potevano mancare varie versioni della tipica polenta.

Così, informalmente ma comodamente e familiarmente, in piacevole e confortevole contesto conviviale, Gibì Baronchelli, ha sciorinato all’attento e numeroso uditorio con il quale ha interagito, ricordi, episodi e personaggi che hanno attraversato la sua carriera, con spontanea sincerità, come del resto sono rilevabili dal libro “Gibì Baronchelli-12 secondi” scritto da un suo appassionato tifoso, Gian Carlo Iannella con prefazione di Marco Pastonesi, edito da Lyasis, che compendia con incisività la carriera e dintorni. E' un libro che ha avuto largo successo editoriale e che, in un certo qual modo, ha “costretto” Gibì a rivelare, un tempo insospettabili, sorprendenti, doti oratorie.

Fra i presenti, con il sindaco di Costa Volpino, Mauro Bonomelli, c’era un altro bergamasco con rilevante e brillante palmarès professionistico, Giuseppe Guerini e un professionista, bresciano di Bornato, Alessandro Tonelli della Bardiani CSF, in buona ripresa dopo la lunga degenza in un ospedale della Cina – 45 giorni – per le conseguenze di un incidente in corsa capitatogli il 19 luglio scorso.

La torta (squisita) celebrativa di prassi presentava la scritta “per quei dannati secondi”, chiaramente riferiti ai 12 minuti secondi conservati dal grande Eddy Merckx alle Tre Cime di Lavaredo, nel 1974, nella classifica generale – e poi finale – del Giro d’Italia d’esordio di Gibì Baronchelli.

Un piccolissimo spazio temporale che da sempre accompagna e “perseguita”, a detta di molti, il Tista. E’ forse la misura della differenza fra storia e leggenda ciclistiche ma che lui accetta e vive con sereno, consapevole, filosofico, distacco e ragionato equilibrio, elementi che rientrano nel suo carattere e nella sua natura.

g.f. 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ve ne avevamo già dato contezza: il Giro dovrebbe effettivamente partire da Palermo. Oggi anche l’ottimo Cosimo Cito su “La Repubblica” ha riportato questa nostra anticipazione arricchendola di qualche particolare molto interessante. Intanto lo scambio di Grandi Partenze o Grand...


Grazie all'impegno e alla disponibilità della famiglia di imprenditori Pedron, grande amica del ciclismo, il Reparto di Terapia Intensiva e Patologia Neonatale dell'Azienda Ospedaliera dell'Università di Padova potrà disporre di una preziosa apparecchiatura ad ultrasuoni necessaria a monitorare le funzioni...


La diciasettesima tappa della HTV Cup . la Da Lat - Bao Loc di 110 km - ha visto l'ennesima volata sulle strade del Vietnam ed il successo è andato a Le Nguyet Minh (Ho Chi Minh City - MM...


«Dopo tre mesi di stop, comincio ad accusare l'astinenza da corse, ho bisogno dell'adrenalina da competizione...». Gianni Savio scalpita, non vede l'ora di tornare in ammiraglia, anche se ovviamente in questi mesi di pandemia non è mai stato fermo. «È...


Una storia che profuma d’altri tempi sia per il personaggio a cui si ispira che per quella sorta di dilettantismo - nel senso più puro della parola - che le ruota attorno. La storia è quella dell’Università Saint Augustine di...


Pochi giorni fa, per la precisione il 27 maggio, ha tagliato il traguardo dei suoi primi 50 anni e per l'occasione ha fatto uno strappo alla regola, accettando l'invito di BlaBlaBike che lo ha voluto intervistare: è proprio Michele Bartoli...


Parliamo di Gabriele Landoni, corridore professionista dal 1977 al 1983, passato nella massima categoria all’età di 24 anni essendo nato il 26 marzo 1953. E’ di Cislago, paese in provincia di Varese, ai margini con quelle di Milano e Como,...


Viene da Olbia uno fra i giovani più interessanti della Sardegna. Parliamo di Lorenzo Mura, diciotto anni compiuti, con alle spalle una bella lista di successi dei quali quattro conseguiti nella passata stagione, la prima con gli Juniores. Bicampione...


Sei giugno, dolce sei giugno. Giuseppe Saronni oggi sei giugno 2020 ha buoni motivi per brindare: sono trascorsi esattamente 41 anni dal suo primo trionfo in classifica generale al Giro d’Italia. Lo straordinario campione nel 1979 al Giro vinse maglia...


Ora che possiamo finalmente rimetterci in viaggio e superare in auto i confini regionali, ritorna il desiderio di spostarsi per le vacanze, magari portandoci dietro la nuova bici acquistata anche grazie al Bonus Mobilità. Come trasportare la bici se l’auto...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155