EUROTRACK, IL DOMINIO E' OLANDESE

PISTA | 21/10/2019 | 07:51

Con la vittoria dei danesi Michael Morkov e Lasse Norman Hansen nella Madison Uomini, si è conclusa ad Apeldoorn (Paesi Bassi) l’edizione 2019 dei Campionati Europei su pista per la categoria Elite. All’evento hanno preso parte 274 atleti (154 uomini e 120 donne), in rappresentanza di 25 nazioni, in un impianto che ha fatto registrare complessivamente circa 15.000 spettatori nelle cinque giornate, a conferma dell’alto livello tecnico della rassegna continentale la cui prima edizione si è disputata nel 2010 e che quest’anno si è proposta come uno degli ultimi appuntamenti internazionali in vista dei Giochi Olimpici di Tokyo in programma il prossimo mese di agosto.

Ad imporsi nel medagliere sono stati i Paesi Bassi, nazione ospitante, che con 5 medaglie d’oro, 4 d’argento e 4 di bronzo, hanno preceduto la Francia, seconda con un bottino complessivo di 8 medaglie (5, 1 e 2) e la Russia che ha chiuso con 3 ori, 2 argenti e 1 bronzo. Sotto l’aspetto tecnico da segnalare le prestazioni di alcuni tra gli atleti più in vista del panorama internazionale, non solo per quanto riguarda la pista.

Il Campione Europeo su strada ed oro olimpico nell’Omnium a Rio de Janeiro 2016, l’italiano Elia Viviani, si è imposto nella prova dell’Eliminazione. Di spessore sono state anche le prove dei francesi Benjamin Thomas e Bryan Coquard, vincitori rispettivamente delle medaglie d’oro nell’Omnium e nella Corsa a Punti ma soprattutto quella del quartetto danese che nel primo turno dell’inseguimento a squadre ha fatto registrare il tempo di 3’48”762, a 750 millesimi di secondo dal record del mondo.

I Paesi Bassi si confermano come una delle nazioni di riferimento per quanto riguarda il settore della velocità grazie ai successi nella Velocità a squadre con Hoogland (primo anche nello Sprint), Van den Berg e Lavreysen, quest’ultimo vincitore anche del titolo nel Keirin e con il secondo posto di Theo Bos nel KM da fermo vinto dal francese Quentin Lafargue.

In campo femminile la stella di casa Kirsten Wild ha perfettamente rispettato i pronostici chiudendo i suoi campionati europei con due ori: Eliminazione ed Omnium, mentre la sprinter russa Anastasiia Voinova ha dimostrato ancora una volta di essere una delle atlete di riferimento conquistando i titoli nella Velocità, nei 500 metri e nella Velocità a squadre (con Ekaterina Rogovaya e Daria Shmeleva). Tra le altre conferme del 2018 sono arrivate le vittorie del quartetto britannico nell’inseguimento a squadre, di Mathilde Gros (Francia) nel Keirin, dell’italiana Maria Giulia Confalonieri nella Corsa a Punti e delle danesi Amalie Dideriksen e Julie Leth nella Madison.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ve ne avevamo già dato contezza: il Giro dovrebbe effettivamente partire da Palermo. Oggi anche l’ottimo Cosimo Cito su “La Repubblica” ha riportato questa nostra anticipazione arricchendola di qualche particolare molto interessante. Intanto lo scambio di Grandi Partenze o Grand...


Grazie all'impegno e alla disponibilità della famiglia di imprenditori Pedron, grande amica del ciclismo, il Reparto di Terapia Intensiva e Patologia Neonatale dell'Azienda Ospedaliera dell'Università di Padova potrà disporre di una preziosa apparecchiatura ad ultrasuoni necessaria a monitorare le funzioni...


La diciasettesima tappa della HTV Cup . la Da Lat - Bao Loc di 110 km - ha visto l'ennesima volata sulle strade del Vietnam ed il successo è andato a Le Nguyet Minh (Ho Chi Minh City - MM...


«Dopo tre mesi di stop, comincio ad accusare l'astinenza da corse, ho bisogno dell'adrenalina da competizione...». Gianni Savio scalpita, non vede l'ora di tornare in ammiraglia, anche se ovviamente in questi mesi di pandemia non è mai stato fermo. «È...


Una storia che profuma d’altri tempi sia per il personaggio a cui si ispira che per quella sorta di dilettantismo - nel senso più puro della parola - che le ruota attorno. La storia è quella dell’Università Saint Augustine di...


Pochi giorni fa, per la precisione il 27 maggio, ha tagliato il traguardo dei suoi primi 50 anni e per l'occasione ha fatto uno strappo alla regola, accettando l'invito di BlaBlaBike che lo ha voluto intervistare: è proprio Michele Bartoli...


Parliamo di Gabriele Landoni, corridore professionista dal 1977 al 1983, passato nella massima categoria all’età di 24 anni essendo nato il 26 marzo 1953. E’ di Cislago, paese in provincia di Varese, ai margini con quelle di Milano e Como,...


Viene da Olbia uno fra i giovani più interessanti della Sardegna. Parliamo di Lorenzo Mura, diciotto anni compiuti, con alle spalle una bella lista di successi dei quali quattro conseguiti nella passata stagione, la prima con gli Juniores. Bicampione...


Sei giugno, dolce sei giugno. Giuseppe Saronni oggi sei giugno 2020 ha buoni motivi per brindare: sono trascorsi esattamente 41 anni dal suo primo trionfo in classifica generale al Giro d’Italia. Lo straordinario campione nel 1979 al Giro vinse maglia...


Ora che possiamo finalmente rimetterci in viaggio e superare in auto i confini regionali, ritorna il desiderio di spostarsi per le vacanze, magari portandoci dietro la nuova bici acquistata anche grazie al Bonus Mobilità. Come trasportare la bici se l’auto...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155