L'ORA DEL PASTO. ERA IL COPPI DI GIUNCUGNANO

STORIA | 20/09/2019 | 07:48
di Marco Pastonesi

 

Era il Coppi di Giuncugnano. E quando il Coppi di Castellania scoprì, scelse e adottò il Coppi di Giuncugnano nella Tricofilina-Coppi, anno 1959, almeno nell’Alta Garfagnana si pensava a una nuova stella. Fu invece una meteora.

Silvano Lunardi era il Coppi di Giuncugnano. Negli scavi cicloarcheologici intorno al mio “Coppi ultimo”, ho cercato una luce, un bagliore, una scintilla di quel corridore. Era nato il 3 agosto 1933, a Giuncugnano, Lucca, Toscana, e non a Cinigiano come erroneamente riportato in alcuni siti. Allievo nella Società ciclistica Manifattura Valserchio, dilettante nella Brooklin, vincente (a Montecarlo, dove terzo fu Roberto Poggiali, a cronometro a Ponte a Greve nel Chianti, e c’era anche Arnaldo Pambianco, l’ultima vittoria nel Gran premio Riello a Monterappoli), indipendente alla fine del 1958 (nono nella Coppa Sabatini), professionista nel 1959 nella Tricofilina. Corse la Milano-Torino (ottantasettesimo) e la Milano-Sanremo (centoquinto), partecipò (ma si ritirò) alla Parigi-Roubaix, era al via del Giro d’Italia, dorsale 128. La terza tappa, la Salsomaggiore-Abetone, 180 chilometri, è stata tramandata da Maurizio Tognini, corridore di Castelnuovo Garfagnana: “L’allora cappellano della parrocchia di Castelnuovo, don Natale Del Sarto, organizzò per noi ragazzi di Azione Cattolica una gita in corriera per incoraggiare e applaudire il nostro Lunardi. Eravamo schierati nella zona della Dogana Nuova e, su quella salita, confesso che ci scappò anche qualche spintarella a beneficio del nostro paesano”. L’avventura al Giro durò poco: Lunardi abbandonò nella quinta tappa, la Arezzo-Roma di 243 chilometri. Ezio Salza, suo compagno nella Tricofilina-Coppi, lo descrive come un ragazzo semplice: “Un giorno si parlava di una possibile trasferta in Olanda, io dissi che sarebbe stato necessario il passaporto. Passaporto? Quale passaporto? Lunardi non ne aveva mai sentito parlare”.

Non fu, il 1959, un’annata speciale per quelli della Tricofilina-Coppi. Se si escludono i trionfi di Federico Martin Bahamontes, che conquistò, primo spagnolo nella storia, il Tour de France, rare furono le vittorie, modesti i piazzamenti. La morte del Coppi di Castellania lasciò a piedi il Coppi di Giuncugnano. Nel 1961, con tanto di passaporto, Lunardi emigrò a Perth, in Australia. Cercò lavoro e lo trovò. Ma il richiamo del ciclismo era irresistibile. Così ricominciò a gareggiare e finalmente a vincere. A Geraldton, nella Douglas Jones, nella Midland-Bassendean, in una tappa e nella classifica finale della tre giorni “The Advertiser”. Nelle foto sui giornali appariva con una maglia sponsorizzata San Pellegrino e con un’altra in cui c’era la scritta Toscana. Negli ordini di arrivo, fra parentesi, la provenienza: WA, Western Australia. Le poche notizie che lo riguardavano, gli attribuivano la rinuncia a una sicura maglia azzurra per l’Olimpiade di Roma per essere passato al professionismo (possibile) e segnalavano addirittura la partecipazione a uno o due Tour de France (falso). Fra le stranezze, una partecipazione al “Musichiere”, programma musicale a quiz, condotto da Mario Riva, lo stesso programma in cui Coppi e Bartali avevano duettato scambiandosi bonarie accuse sulle “bombe”.

Lunardi morì in Australia nel 2003. Sulla tomba, a Fremantle, una sua immagine in bicicletta.

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Da qualche giorno, con una rappresentativa di quattro atleti italiani,  Jalel Duranti sta prendendo parte al Giro della Nuova Caledonia, in Oceania. Una gara che vuole essere anche un’esperienza di vita per tanti ragazzi europei che vi prendono parte. Gli italiani, nell’occasione,...


Vanno forte i ragazzi di Roberto Bressan! Terza vittoria in venti giorni per il Cycling Team Friuli che oggi festeggia la prima di Filippo Ferronato, classe 1998 vicentino di Bassano del Grappa, che sfreccia nella Coppa San Vito al Tagliamento...


L'ex campione europeo Toon Aerts ha vinto a Boom (Belgio) la seconda prova del Superprestige Elite. Il belga, della Telenet Baloise, si è imposto davanti al connazionale e compagno di squadra Quinten Hermans e al giovane britannico Thomas Pidcock (Trinity...


Alice Maria Arzuffi ha ottenuto una strepitosa vittoria nel Cross di Boom, valido per il SuperPrestige donne Eltie. L’azzurra del Team 777.be ha staccato le rivali nel corso dell’ultimo giro: a completare il trionfo italiano è arrivato il secondo posto...


Poco più di un minuto di messaggio, ma carico di significati. Samuele Manfredi, il talento del ciclismo azzurro alle prese con una lunghissima riabilitazione dopo l'incidente che lo ha visto protagonista nel dicembre scorso, ha registrato un messaggio in inglese...


È nata martedì Ginevra, un piccolo grande vagito che ha riempito il mondo e il cuore dei suoi giovani genitori, di mamma Valentina e di papà Fabio. «Tutta la mia vita in una foto. Benvenuta Ginevra». Questo è il post...


Alla soglia del Centenario la Coppa d'Inverno che domani festeggierà la 98sima edizione. Torna puntale la classica di Biassono (Monza e Brianza) che per antonomasia chiude la stagione su strada della categoria Elite e Under 23 anche se ufficialmente il...


Continua il finale di stagione d'oro della Trek Segafredo. Il belga Edward Theuns ha vinto infatti allo sprint il Criterium Japan Cup, prova che anticipa di 24 ore l'appuntamento con la corsa più amata del Giappone. Battuto al fotofinish Sonny...


In qualsiasi parte del mondo lui si trova, Jacopo Mosca attacca subito dopo il via e va in fuga. Fino ad agosto correva con la D'Amico-DM Tools nel circuito continental, poi la Trek-Segafredo gli ha dato l'opportunità di fare il...


  I promotori delle due iniziative in campo ciclistico per la prossima stagione, ci stanno lavorando con impegno e la collaborazione delle istituzioni. Nel 2020 tra varie ricorrenze ce ne sono due particolari in campo ciclistico. Nel febbraio del prossimo...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy