VISCONTI. «SONO UN VECCHIETTO, MA HO ANCORA MOLTO DA DIRE»

PROFESSIONISTI | 18/09/2019 | 16:43
di Paolo Broggi

Era l'11 luglio, a due chilometri dalla conclusione della quinta tappa del Giro d'Austria, Giovanni Visconti cadeva riportava gravi conseguenze, un infortunio che ha rischiato di fargli chiudere la stagione. Due settimane più tardi, il siciliano di Toscana aveva ancora un buco - letteralmente un buco, come tuttobiciweb ebbe modo di documentare - aperto sul fianco per farvorire il drenaggio del brutto ematoma che faticava a riassorbirsi.


Ed oggi Giovanni ha dominato il Giro di Toscana, dopo aver mandato segnali importanti al ct Cassani nelle corse del fine settimane, vale a dire la Agostoni e la Bernocchi.


«Ho dimostrato di essere sì un vecchietto ma di avere ancora qualcosa d'importante da dire - spiega Visconti dopo aver abbracciato la moglie e i due figli -. Oggi abbiamo visto un grandissimo Bernal: sappiamo che non è al top, ma ha cercato di metterci tutti in fila sul Monte Serra e la sua azione si è rivelata decisiva. Io sono stato bravo a contenere il distacco, ho tirato per tutto il Monte Serra e credo di aver fatto un'impresa. Devo ringraziare la squadra perché anche oggi è stata perfetta, dai miei compagni a Scinto e Frassi in ammiraglia. La nostra Neri Sottoli è una piccola grande squadra e oggi ne abbiamo dato bella dimostrazione. Il Mondiale? Ho fatto vedere che la condizione c'è, quindi confido nella chiamata del ct e penso di poter essere utile alla causa della nostra Nazionale».

Per Visconti quella odierna è la terza vittoria stagionale dopo i successi di tappa colti al Giro di Slovenia e al Giro d'Austria, proprio due giorni prima del gravissimo incidente di cui vi abbiamo detto. E di un recupero che - lo sottolineaimo ancora di più - è stato davvero straordinario. Un recupero al quale, comunque, Giovanni ha sempre creduto: il 26 luglio, due settimane dopo l'incidente, ancora tutto incerottato e alle prese con una costola rotta e con l'ematoma da drenare, ci aveva raccontato di voler rientrare al Giro della Repubblica Ceca per ritrovare la condizione e andare poi a caccia della maglia azzurra. Progetto chiaro, obiettivo centrato. Da applausi.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La giornata di denuncia della violenza sulle donne tocca ogni settore della società e naturalmente anche lo sport e il ciclismo. Il segno rosso sul viso campeggia sul volto di tanti campioni e le panchine rosse sono il simbolo di una lotta...


«Michele Bartoli è stato un campione straordinario, buono come il pane. E con me ha vinto sette classiche, dico sette...». Giancarlo Ferretti, il sergente di ferro, apre il suo cuore nella nuova puntata di BlaBlaBike e racconta i suoi campioni,...


È stata la riunione più veloce della storia di Zoom: non per problemi tecnici, anzi, ma per l'accordo praticamente unanime sulla decisione da prendere: conferma totale delle indicazioni espresse dai lettori di tuttobiciweb, Marco Villa conquista l'Oscar tuttoBICI come miglior...


Il campione kazako Alexey Lutsenko ha rinnovato il suo contratto con l’Astana - Premier Tech per un'altra stagione, mentre il canadese Steve Bauer e il kazako Dmitriy Muravyev entreranno nel team come direttori sportivi. Così l’Astana- Premier Tech ha completato...


Dallo scorso 11 ottobre, dopo la corsa a Montecatini Terme in Toscana, ha attaccato la bici al chiodo e ha già trovato lavoro, ma il suo obiettivo è arruolarsi nell’Esercito. Questa è la storia di Aldo Caiati, nato il 19...


«Mi sentivo come su un Ferrari nel traffico di Milano alle 8 del mattino... magicamente questo test negativo mi ha proiettato direttamente nell’autodromo di Monza ! Finalmente!»: Filippo Ganna esulta e torna finalmente libero. Il quarto tampone ha dato esito...


La data è di quelle da ricordare: il 25 novembre del 1945, a poco più di 13 anni e mezzo, con tanto di documento “aggiustato” per raggiungere l’età consentita, Ernesto Colnago varcava i cancelli della “Gloria” e iniziava ufficialmente il...


I medici in questo periodo fanno, comprensibilmente e giustamente, più notizia degli sportivi. Non è però per questo che Matteo Bellia ha deciso di appendere la bici al chiodo e indossare il camice. Il 23enne di Domodossola, fino a quest’anno...


La loro è una storia d’amore nata sulla bici in Slovenia e oggi vengono considerati la coppia più bella del ciclismo. Stiamo parlando del vincitore del Tour de France Tadej Pogačar e di Urška Žigart, entrambi campioni nazionali, che stanno...


Enrico Battaglin, Bardiani-CSF-Faizanè, Capitolo II. I Reverberi lo avevano lanciato nel mondo dei grandi nel 2012 e ora, cinque anni dopo l’arrivederci, lo riaccolgono, ritrovando un corridore più maturo, consapevole dei propri pregi e difetti, e con ancora tanto da...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155