L'ORA DEL PASTO. LA FAUSTO COPPI E LA MITICA

EVENTI | 26/06/2019 | 07:38
di Marco Pastonesi

 


Nel nome di Coppi. Nei pedali, nel manubrio, nella sella di Coppi. Nel ricordo, nell’omaggio, nell’esempio di Coppi. Nelle terre, sulle montagne, sulle strade di Coppi. Nei paesaggi, nell’atmosfera, con la gente di Coppi.


La Fausto Coppi e La Mitica. Sabato 29 e domenica 30 giugno migliaia di cicloturisti e cicloamatori, ciclostorici e ciclisti di tutti i polpacci, età e taglie si ritroveranno in Piemonte per i due appuntamenti in occasione del centenario della nascita del Campionissimo.

La Fausto Coppi è la granfondo: partenza e arrivo a Cuneo, due i percorsi (111 e 177 i chilometri, rispettivamente 2550 e 4125 i metri di dislivello), nel primo caso le salite della Fauniera e della Madonna del Colletto, nel secondo anche quelle di Valmala e La Piatta, fra gli obblighi indossare la maglia che celebra l’evento. La Mitica è la ciclostorica: partenza e arrivo a Castellania-Coppi, quattro i percorsi (53, 70, 88 e 98 i chilometri), nell’ultimo caso sono previsti anche un gran premio della montagna a Sant’Agata Fossili e il passaggio su una strada bianca ribattezzato “La Rampina”, fra gli obblighi quelli tradizionali di cavalcare una bici costruita prima del 1987, dunque con gabbiette ai pedali, fili esterni e cambio al telaio, e vestire abbigliamento d’epoca, cioè maglia di lana e pantaloncini rinforzati con la pelle di daino.

La Fausto Coppi si apre alle famiglie: in programma anche la prima edizione di una e-bike non competitiva sul percorso di 111 chilometri e la “Mangia e Pedala”, una pedalata di 50 chilometri nella natura, con visite culturali e soste enogastronomiche. Anche La Mitica contempla tanti appuntamenti collaterali, fra cultura e spettacolo. In particolare c’è un incontro che commuoverebbe lo stesso Coppi. E’ quello con quattro corridori che lo hanno conosciuto bene, dentro e fuori: Vittorio Seghezzi, 95 anni, l’unico sopravvissuto della Cuneo-Pinerolo del Giro 1949, Aldo Moser, il maggiore della dinastia trentina, Pippo Fallarini, gregario con licenza di vincere, e Alfredo Bonariva, gregario del Campionissimo nella Bianchi del 1958.

Per informazioni e iscrizioni: www.faustocoppi.net e www.lamitica.it.

 

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Primoz Roglic finalmente ha alzato il suo Trofeo senza Fine, simbolo del vincitore del Giro d’Italia. Il campione sloveno era emozionato e allo stesso tempo sereno per come ha conquistato la corsa. «E’ stato indescrivibile quello che ho provato ieri...


E' sorridente, incredulo e quasi commosso Cavendish quando, dopo aver festeggiato con i compagni, raggiunge i giornalisti che lo aspettano. Queste le sue prime parole «Gaviria ha lanciato presto la volata, per me è venuto tutto perfetto. La squadra ha...


GIRO 106. 6. È stato il Giro di taglia, nel senso che calza a pennello a Primoz Roglic, che era chiaramente fin da Fossacesia uno dei punti di riferimento di questa “corsa rosa”, che è stata anche tagliata (Crans Montana)...


La sua ultima volata della carriera al Giro d'Italia Mark Cavendish l'ha vinta... per distacco. Perfetto il campione di Gran Bretagna, impressionante la sua potenza sui sampietrini del Foro Imperiale, bellissima la sua vittoria sotto il sole di Roma e...


Una piccola grande pagina dis toria del Giro d'Italia è stata scritta questo pomeriggio a Roma: il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è arrivato ai Fori Imperiali per assistere all'arrivo dell'ultima tappa dell'edizione numero 106 della corsa rosa. Non era...


Thibau Nys conquista la sua prima vittoria tra i professionisti: il giovane belga della Trek Segafredo ha conquistato il successo nella seconda tappa del Tou of Norway, la Valle-Stavanger di 172 km, grazie ad un bellissimo colpo di mano nel...


Sprint vincente di Matteo Fiorin (Pool Cantù-GB Junior) a Graffignana nel Trofeo Armofer per la categoria juniores che chiude di fatto la giornata del Bike Festival di Ciclismo nel Lodigiano. Grazie ad un perfetto colpo di reni, il pistard azzurro...


L’olandese Arvid De Kleijn, che difende i colori della Tudor Pro Cycling Team, ha vinto allo sprint la terza e ultima tappa della Boucles de la Mayenne-Crédit Mutuel (2.Pro),   disputata da Montsûrs a Laval. De Kleijn ha battuto nell’ordine...


Mattia Pongiluppi regala alla Sias Rime Cicli Drali un altro successo di prestigio. Il velocista modenese si è aggiudicato il Trofeo città di Castelfidardo seconda manche della Due Giorni Internazionale Marchigiana per dilettanti. Nello sprint a gruppo compatto, Pongiluppi ha...


Anche loro hanno a che fare con i fondi: stradali. E anche loro sanno guidare, condurre e consigliare: sono una garanzia. E sempre loro sono da anni in Giro per l’Italia del Giro, con a fianco campioni affermati e alcuni...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi