VIVIANI. «CHIUDO UN GRANDE ANNO TRICOLORE»

PROFESSIONISTI | 25/06/2019 | 07:56
di Giorgia Monguzzi

È una giornata calda e assolata ad Ulrichen, sede di partenza e di arrivo dell’ultima tappa del Tour de Suisse 2019. Tre importanti salite aspettano i corridori al termine delle quali Egan Bernal verrà poi incoronato vincitore dell’edizione di quest’anno. Il gruppo ha affrontato molte salite, ma c’è stata l’occasione di assistere anche a degli arrivi allo sprint che hanno visto come protagonista Elia Viviani che si portato a casa due splendidi successi. È stata l’ultima occasione per il portacolori del team Deceunick di sfoggiare la maglia di campione italiano, domenica prossima infatti sarà tempo della prova in linea su un tracciato che non sembra per nulla adatto alle sue caratteristiche. Approfittando dell’ultima giornata in Svizzera, tuttobiciweb ha avuto modo di incontrare Elia di fare il punto sulla sua stagione, le sue ultime emozioni in tricolore e anche sui prossimi appuntamenti.

Come è stato tornare al successo dopo il ritiro al Giro?

«Aver vinto queste due tappe in Svizzera è stato bellissimo. Durante questa stagione non sono mai mancato, ma al Giro indubbiamente è successo qualcosa, non avevo quella marcia in più che speravo di avere. Devo dire che comunque alla partenza la condizione era buona ed escludendo la squalifica nella tappa di Orbetello ho fatto comunque qualche piazzamento, peccato non essere riuscito a vincere».

Quest’anno la corsa rosa è arrivata nella tua Verona: sicuramente non è stato semplice rinunciare all’idea di concludere nell’Arena…

«La decisione di tornare a casa è stata presa molto a malincuore, probabilmente ha fatto male molto più a me che alla squadra, però era la scelta giusta da fare. Con il senno di poi mi sono reso conto di aver pensato troppo alla squalifica, quella tappa ha sicuramente condizionato tutte le mio volate successive perché poi ho fatto fatica a rimanere lucido e concentrato. Per certi versi tornare a casa mi è servito, ho avuto modo di staccare un po’, così da preparare al meglio questo Tour de Suisse soprattutto in ottica Tour de France.»

A proposito di Tour de France: quest’anno la Grande Boucle si aprirà con una tappa per velocisti: hai mai fatto un pensierino circa la possibilità di vestire la prima gialla?

«Certo, per noi velocisti c’è questa possibilità, ma purtroppo siamo anche in molti a giocarcela. Con questo inizio è necessario arrivare al Tour già al 110%, devo essere al massimo della forma e nelle migliori condizioni possibili. La prima settimana è quella chiave, come già ho dimostrato anche al Giro dell’anno scorso partire bene è fondamentale per avere il morale alto, se si inizia così il resto non può che andare bene.»

Il Tour de Suisse è l’ultimo appuntamento prima del tricolore. Come hai vissuto la tua ultima giornata con la maglia da campione italiano?

«Sinceramente speravo in una tappa diversa come ultima giornata in tricolore, sarebbe stato bello concludere questa avventura con una vittoria. Purtroppo il percorso della frazione finale del Tour de Suisse non era assolutamente nelle mie corde, l'ho vissuta nelle retrovie, ho voluto a tutti i costi terminarla perché comunque è stata una giornata importante».

Qual è il tuo bilancio di questo anno da campione italiano?

«Sono molto soddisfatto di questo anno con il tricolore, è stata una bella responsabilità e penso di averlo onorato al meglio. Mi sono tolto delle belle soddisfazioni come ad Amburgo e alla Vuelta, è arrivata una vittoria anche in Italia alla Tirreno davanti a Sagan e Gaviria: vincere è sempre bello, ma con questa maglia lo è ancora di più».

Hai qualche rimpianto?

«È stato davvero un peccato non aver raggiunto il successo al Giro, ma tutto sommato questo è stato un anno bellissimo ricco di soddisfazioni; forse è mancata una classica, ma si sa, non si può mica avere tutto. Sicuramente se un giorno dovessi ritornare a vestire il tricolore riproverò sicuramente a vincere una grande corsa: peccato che in questa edizione il percorso non mi favorisca, speriamo che l’anno prossimo venga disegnato un tracciato che si adatta meglio alle mie caratteristiche».

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Viviani, il treno, questo sconosciuto
25 giugno 2019 10:30 geo
Con i compagni che ha, mi lascia perplesso come Viviani non usi il treno come hanno fatto Gaviria o Kittel, che lo portavano indisturbato ai 150 mt. Sembra che a Viviani piaccia complicarsi la vita.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Nuovo prestigioso incarico in ambito internazionale per il manager romagnolo Massimiliano Catasca che, nei giorni scorsi, è stato nominato dal Ministero dello Sport Colombiano e dalla Federazione Ciclistica Colombiana team Manager della neonata formazione “Talentos Colombia Mindeportes”, una squadra che...


  E’ stata presentata ufficialmente alla stampa la 70^ Targa Crocifisso, in programma domani a Polignano a Mare, provincia di Bari. Sono 163 gli atleti iscritti alla gara - riservata a elite e under 23 - organizzata dalla Polisport Polignano...


A poco più di un mese dall’apertura dell’Esposizione Internazionale Ciclo e Motociclo, EICMA FOR KIDS torna a Milano. Saranno infatti CityLife Shopping District, il weekend del 21 e 22 settembre all’interno del palinsesto dell’evento ciclistico DJ100, e Piazza Città di Lombardia, domenica 29 settembre, a...


Arrivo in solitaria per Kevin Rivera in vetta a Mengding Mountain che domina il panorama di Ya'an con le rinomate piantagioni di té. Lo scalatore costaricano della Androni Giocattoli Sidermec si è scrollato di dosso i rivali a circa 1,...


È il destino dei nuovi progetti: fin quando non arrivano le notizie ufficiali, voci e anticipazioni si susseguono, portando qualcuno ad inbattersi inevitabilmente in erorri e imprecisioni. Sta succedendo anche per il Team Epowers, il nuovo progetto ungherese al quale...


Una brutta tegola cade sul fuoristrada italiano a due giorni dal mondiale Marathon di Grächen, in Svizzera. La NADO informa della positività della campionessa italiana ed europea di specialità Mara Fumagalli e la sospende in via cautelare. La 31enne lecchese, quest'anno...


È arrivato in punta di piedi come stagista, ha subito convinto tutti, si è meritato il contratto per il passaggio al professionismo nel 2020, ha vinto pochi giorni fa una kermesse importante come la Textielprijs Vichte e oggi si è...


Dopo gli scrosci di pioggia nella giornata inaugurale a San Severino Marche, il bel tempo ha fatto capolino sul Giro delle Marche in Rosa nella seconda frazione andata in scena all’ombra del Santuario della Madonna di Loreto e della Riviera...


È di Arnaud Demare la ruota più veloce sul traguardo di Hlohovec dove si è conclusa la terza tappa del Giro di Slovacchia. Dopo 200, 6 km il portacolori della Groupama FDJ ha avuto la meglio su Riabushenko e Kristoff,...


Ci sarà anche il vincitore dell’edizione 2019 del Tour de France, il colombiano Egan Bernal, tra i 172  partecipanti al Memorial Marco Pantani – Gran Premio Sidermec che si correrà domani, sabato 21 settembre, con partenza da Castrocaro e Terra...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy