GIRO. ZAKARIN: «L'ATTACCO NON ERA PIANIFICATO»

GIRO D'ITALIA | 24/05/2019 | 17:30
di Diego Barbera

Ilnur Zakarin aveva già vinto al Giro d’Italia, a Imola nel 2015, e oggi si è andato a prendere un arrivo inedito per la corsa rosa. «L'attacco non era pianificato, sono capitato davanti con tanta gente in fuga. Fino a metà tappa non mi sentivo bene, poi sempre meglio finchè nel finale ho dato tutto e sono riuscito a tagliare il traguardo per primo. Sono contento di essermi avvantaggiato di qualche posizione in classifica» commenta a caldo il 29enne russo della Katusha Alpecin

Il vincitore di oggi si è poi concesso alle domande in conferenza stampa.

Avevi un conto in sospeso dopo la caduta al Colle dell’Agnello nel 2016 e hai chiuso un cerchio oggi?
«No, non ci ho pensato».

Sei stato l’uomo del giorno in uno scenario meraviglioso, come ti sei sentito e hai avuto modo di osservare il paesaggio nonostante la fatica?
«Sono scattato per andare in fuga senza troppi piani e mi sono un po’ sorpreso di essermi poi trovato a rientrare nella classifica generale. Nell’ultima salita ho dato fondo a tutta l’energia che avevo e sono molto contento. Non ho avuto molto tempo di godermi lo scenario, magari dopo la conferenza».

Stai pensando alla classifica
«Ci proverò, ma domani è un altro giorno e adesso ho davvero bisogno di riposarmi. Ci proverò anche domani a lottare per la maglia rosa, naturalmente».

Hai qualche piano per la maglia rosa?
«Non ho piani specifici, voglio godermi questa vittoria prima. È ovvio che proverò a combattere per la leadership. Credo che Roglic sia davvero molto forte e il favorito numero uno secondo me».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
I lunghi mesi del lock down per la pandemia di Coronavirus hanno modificato la percezione che abbiamo della strada: l’assenza di traffico ha mostrato l’ampiezza delle carreggiate, vuote e senz’auto in transito, così come l’esiguità degli spazi riservati a chi...


"Filippo Simeoni era convintissimo di vincere a Bergamo il tricolore 2008. Me lo disse già la sera precedente in camera, durante il massaggio. Volle farsi massaggiare per ultimo e mi chiese fare un buon lavoro, meglio ancora di quello che...


Il gergo giornalistico e il bisogno di sensazionalismo possono portare ad abusare di termini ed epiteti. Pensiamo ad aggettivi come “incredibile” o “pazzesco”, a de­finizioni come “magia” e ad attributi come “eroe”, “guerriero” o “lottatore”. Ecco, concentriamoci su quest’ultima area...


Dal 9 al 31 maggio si sarebbe dovuto disputare il Giro d’Italia 2020. Tuttobiciweb lo corre comunque, giorno per giorno, con la forza della memoria. Oggi la diciannovesima tappa: Cristian Gasperoni ci racconta quella del 2003. “Davanti a noi un...


La cultura è uno dei settori che più sta soffrendo per le conseguenze dell’emergenza scatenata dal coronavirus. Nell’ultima puntata di BlaBlaBike ne abbiamo parlato con Luciana Rota, giornalista e autrice, che scrive di ciclismo, di storia del ciclismo, di vini...


"L’idea di una città in cui prevale la bicicletta non è pura fantasia”. Marc Augé aveva ragione: questo mezzo di trasporto ha due secoli alle spalle eppure non è mai stato tanto vivo. Forse perché la vita, su due ruote,...


Questa sera Federico Buffa torna su Sky nella veste inedita del presentatore con un nuovo format #SkyBuffaPresenta. Smessi solo temporaneamente i panni del narratore, Federico Buffa accompagnerà in apertura e chiusura 10 documentari dedicati a grandi personaggi e squadre leggendarie...


Q36.5® è uno di quei marchi che lavora sodo su ricerca e innovazione e i risultati sono sempre spettacolari. L’anno scorso sono rimasto letteralmente a bocca aperta dopo aver provato l’iconica salopette Dottore  e la maglia Pinstripe e ora il nuovo equipaggiamento...


Domenica 7 giugno 2020 la Granfondo Stelvio Santini, annullata a causa dell’emergenza sanitaria,  si correrà virtualmente su ROUVY. Non proprio tutta la granfondo, ma solo (per il momento) la salita più iconica delle Alpi Centrali: lo Stelvio. La piattaforma digitale...


Filippo Borello è un grande fautore della multidisciplinità: «Mi hanno insegnato che fa bene, forgia il carattere e la forza, insegna a stare in bicicletta, e ti consente di dare il massimo in sella». Borello lo trovi in pista, in...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155